Cerca Hotel al miglior prezzo

Sagre delle castagne e dei marroni: gli eventi da non perdere in Italia

Autunno, tempo di tartufi, porcini e castagne. Da Nord a Sud l’Italia offre sagre ed eventi dedicati al dolce frutto e a tutti i piatti ad esso collegati, dolci in particolare. Un viaggio fra colori e sapori e, soprattutto, fra appuntamenti che si ripetono nel tempo.

Per fornirvi qualche idea sulle iniziative più vicine a casa vostra, abbiamo raccolto un po' di informazioni sulle più importanti sagre delle castagne del nostro paese.

Nord

Iniziamo da Villarfocchiardo, in provincia di Torino, la Sagra del Marrone coinvolge vie e piazze del paese. È prevista la distribuzione gratuita delle brusatà, le caldarroste, e tanti stand gastronomici con menù a base di dolci a base di marroni, spettacoli musicali ed intrattenimento. A fare da contorno anche altre iniziative, dalle mostre di pittura alle prove di aratura, passando per i concorsi letterari e gli appuntamenti musicali. Info: www.prolocovillarfocchiardo.com

Sempre in Piemonte, la Sagra delle Castagne di Roccavione (provincia di Cuneo) è una manifestazione dedicata al frutto tipico del territorio. La sagra, considerata la più antica della regione, propone ogni anno un programma ormai rodato, fatto di esposizioni di prodotti agricoli e artigianali, mostre, musicanti, giocolieri e artisti di strada. Clou della manifestazione è la “Gran Baldoria dei Moundaj” con la distribuzione di caldarroste e buon vino, il tutto rallegrato da musiche e balli tipici della Val Vermenagna. Info: www.comunediroccavione.it

A Combai, in Veneto, il famoso Marrone riconosciuto con il marchio I.G.P. torna con la Festa dei Marroni, che vede il frutto protagonista della cucina con dolci, miele, marmellate e gelati al gusto di marrone, accompagnati da prosecco e verdiso. La sera escursioni guidate nei boschi e serate degustazioni. Info: www.combai.it

Anche in Trentino ottobre è tempo di castagne. In Val di Cembra si svolge la tradizionale Castagnada Biana ad Albiano, con le castagne che qui vengono assemblate in lunghe ghirlande. E' questa l'occasione giusta per provare alcuni piatti tipici trentini a base del marrone di Albiano.

In Romagna l'appuntamento imprescindibie per gli amanti delle castagne è quello di Castel del Rio: nel corso delle ultime quattro domeniche di ottobre, alle pendici dell'appennino si svolge la Sagra dei Marroni. La festa è la più vecchia del paese e ospita non solo il tradizionale mercato e la distribuzione dei sacchetti di amrroni appena cotti, ma anche mostre di prodotti tipici, convegni tecnici, conferenze e serate dove storia e cultura si fondono con la gastronomia. Molti menù ripropongono i piatti tipici della cucina povera della montagna, quando i marroni e la castagna erano l’unico piatto disponibile sulla tavola delle famiglie.

Centro

Sempre ad ottobre, spostandosi di qualche vallata più a est, imperdibile è la Sagra delle Castagne di Marradi, località in provincia di Firenze, che ogni anno dedica al frutto tutte le domeniche del mese. Ad essere valorizzato è il famoso “Marrone di Marradi”, utilizzato in varie preparazioni, dai tortelli alla torta di marroni, al castagnaccio e alle marmellate, per arrivare ai marrons glacés e ai “bruciati” (le caldarroste). Le vie del paese sono occupate da bancarelle dedicate alla vendita dei prodotti tipici artigianali e gastronomici mentre in vari angoli della località si esibiscono musicisti e bande itineranti. L’organizzazione anche quest’anno propone l’annullo filatelico acquistabile nell’ufficio preposto. In occasione della Sagra delle Castagne è possibile raggiungere Marradi con un treno a vapore utilizzando un vecchio locomotore e veri vagoni d’epoca attraverso la ferrovia che congiunge Faenza a Firenze attraversando l’Appenino Tosco-Romagnolo. Info: www.pro-marradi.it.

Proseguendo il viaggio lungo lo Stivale, nel Lazio troviamo la Sagra della Castagna di Montelanico, in provincia di Roma. Una lunga tradizione che esprime l’attaccamento dei residenti alla propria realtà. La sagra permette infatti di riscoprire tradizioni, sapori e odori, dal profumo tipico delle caldarroste ai sentori del vino locale. La comunità si mobilita per organizzare la manifestazione: c’è chi apre le proprie cantine ai visitatori, chi torna a trovare i propri parenti, chi, girando fra i vicoli, incontra ammirato i pittori che fissano sulle loro tele le suggestioni provocate dall’atmosfera della festa e partecipare così al concorso di pittura estemporanea “Il Riccio d’Oro”. Info: www.prolocomontelanico.it

In Abruzzo è in programma la Sagra della Castagna di San Felice d'Ocre in provincia dell’Aquila. Stand al coperto, orchestre di liscio, musicisti itineranti: questo il programma della manifestazione che inizia il sabato dopo l’apertura dello stand dei dolci dove si possono assaggiare pan di castagne, cannoli, torte e crostate di castagne, tronchetti, ferratelle ripiene, moretti e rotoli di castagne. Info: www.comunediocre.it

Sud

Spostiamoci in Basilicata, alle pendici del vulcano (ormai spento) Vulture: a Melfi, all'ombra del castello normanno si svolge la tradizionale Sagra della Varola. La varola è conosciuta anche come il "marroncino del Vulture", una castagna di piccola taglia ma dall'inconfodibile sapore che la rende protagonista di numerose specialità: il gelato di marroni, la birra di castagne, la pasta di farina di castagna, il tutto ovviamente accompagnato da un buon bicchiere di Aglianico del Vulture. Info: www.cittadimelfi.it/sagra-della-varola.html

In Calabria, in provincia di Crotone, l'inizio di novembre è il momento del tradizionale appuntamento con la Sagra della Castagna di Savelli; i frutti prelibati saranno quelli raccolti sulle montagne della Sila, e ci saranno stand gastronomici che completeranno l'offerta culinaria.

In Sicilia, torna ad Antillo, lungo la centralissima via Roma, la classica Sagra della Castagna. Oltre alle castagne sono proposte la mostra mercato dei prodotti tipici della zona: salsiccia, salumi, funghi, olio, vino, miele, noci, frutta secca, pane casereccio, formaggi, maccheroni, oltre ai prodotti dell’artigianato locale. Durante i due giorni della sagra i visitatori avranno anche la possibilità di visitare il Museo Agro-pastorale e, a Pizzo Monaco, la Campana per la Pace, dedicata ai dispersi di tutte le guerre.
Info: www.comunediantillo.it

In Campania, nella provincia di Benevento, nella località di Arpaise si svolge la sagra che valorizza la castagna e la ristorazione del luogo, tramite percorsi enogastronomici che includono anche escursioni alla ricerca di funghi e una mostra micologica.

Nel comune di Giffoni Valle Piana (provincia di Salerno), la Sagra della Castagna di Curti offre anche tanta musica e sorprese. Organizzata dall’associazione Pro Curti, la sagra non solo rende omaggio al cosiddetto “pane dei poveri” ma anche ai prodotti derivati dal frutto dei Monti Picentini: dalle caldarroste ai calzoncelli, dalla pizza alla pasta con le castagne. Dopo l’apertura dettata dall’accensione del fuoco sotto la grande "Vrulera", si può mangiare negli stand in compagnia della musica dal vivo. Info: facebook.com/Curtiestate

Infine, sempre in Campania, a Roccamonfina in provincia di Caserta la Sagra della Castagna in piazza Nicola Amore propone il meglio della tradizione gastronomica dedicata alla castagna, con momenti di confronto dedicati allo sviluppo della coltivazione e commercio del frutto oltre ad altre iniziative di intrattenimento. Info: www.roccamonfina.net
  •  

 Pubblicato da il 30/08/2017 - 15.401 letture - ® Riproduzione vietata

close