Cerca Hotel al miglior prezzo

I laghi pił belli e famosi d'Italia

L’Italia è un Paese che per conformazione geologica, caratteristiche ambientali, latitudine e clima può contare su un patrimonio lacustre tra i più variegati e importanti d’Europa.
Fiumi e laghi attraversano e modellano il territorio nazionale da nord a sud, sia nella fascia alpina che lungo la dorsale appenninica, così come nelle pianure e sulle isole.

Si calcola che siano oltre 1500 i laghi italiani, con una maggiore concentrazione lungo l’arco alpino, dove le montagne hanno creato nel corso dei millenni le condizioni ideali per la loro formazione.
Nella zona dell’Appennino centro-meridionale si trovano invece diversi laghi di origine vulcanica e tettonica, mentre un po’ in tutta Italia sono molti i laghi artificiali creati dall’uomo con opere di sbarramento per scopi idroelettrici o per fini irrigui.
In altri casi troviamo invece laghi costieri – molti d’acqua dolce, alcuni salmastri – che hanno avuto origine dall’accumulo naturale di dune e cordoni di sabbia in prossimità del mare.

Oltre alle funzioni naturali che svolgono – come ad esempio quella di essere l’habitat per molte specie animali e vegetali – i laghi possono essere anche una risorsa dal punto di vista turistico. Ovviamente la possibilità di sfruttarli in questo senso dipende dalle caratteristiche fisiche di ogni singolo lago e delle sue acque, ma anche del paesaggio e del contesto ambientale in cui è inserito.
Alcune località hanno sviluppato un sistema turistico di tipo balneare, mentre altre concentrano la propria offerta sugli sport acquatici, l’escursionismo o la pesca.

Ognuno di noi è legato agli specchi d’acqua della zona in cui è nato o vissuto, oppure a quelli presso i quali trascorre le vacanze o cerca abitualmente relax.
Va da sé quindi che dovendo scegliere tra un numero così elevato di laghi, è impossibile stilare una classifica completa, ma di seguito proponiamo una lista dei laghi più belli e famosi d’Italia, cercando di proporre mete diversificate sparse un po’ su tutto il territorio nazionale.

Lago di Garda (Lombardia-Veneto-Trentino)


Cominciamo dal Lago di Garda – o Benaco – che è anche il lago più grande e famoso d’Italia. Si estende su una superficie di oltre 370 km² tra Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige.
Gran parte de paesi che si affacciano sulle sue sponde sono località balneari molto frequentate in estate: vi si trovano belle spiagge sulle quali prendere il sole, fare il bagno oppure noleggiare pedalò, canoa o windsurf per fare un giro in acqua. Il lago può essere punto d’arrivo o di partenza per escursioni nella natura; se la costa meridionale è circondata dalla Pianura Padana, procedendo verso nord il territorio si fa via via più montuoso e interessante per chi ama il trekking o le gite in bicicletta.
Sul lago si affacciano si trovano anche diverse località termali, ottime in qualsiasi stagione dell’anno, mentre in inverno i mercatini di Natale del Lago di Garda sono un richiamo irresistibile per chi cerca idee per i regali.

Lago Maggiore (Lombardia-Piemonte)


Rimaniamo nel Nord Italia, ma ci spostiamo sul Lago Maggiore – o Verbano – che è il secondo lago per dimensioni del nostro Paese. In realtà la zona settentrionale della sua superficie di 212 km² si estende anche sul Canton Ticino, in Svizzera, ma gran parte del bacino si trova a cavallo tra Lombardia e Piemonte.
Grazie alle sue spiagge, il Lago Maggiore è una meta di villeggiatura estiva affermata, grazie a un clima mai eccessivamente caldo e alla possibilità di godersi un panorama davvero eccezionale. Lungo il suo perimetro di 170 km si susseguono borghi e punti d’interesse turistico come eremi, rocche e antiche ville signorili.
Non mancano le possibilità di compiere escursioni a piedi sulle montagne che lo circondano, inoltrandosi anche nelle locali aree protette e nei parchi naturalistici, o di percorrere in bici gli itinerari cicloturistici segnalati.

Lago di Molveno (Trentino)


Si sviluppa su una superficie di 3,3 km² nel comune di Molveno a un'altiutudine di 823 metri s.l.m., tra le vette del Gruppo del Brenta e le cime del Monte Gazza e della Paganella, in Trentino.
Negli anni ha ricevuto spesso il riconoscimento di lago più bello d’Italia, ed effettivamente i turisti amano non solo la spettacolarità del suo paesaggio, ma anche la qualità dell’acqua – piacevolmente balneabile in estate – e dei servizi offerti, che spaziano dalle possibilità di praticare sport acquatici ai canonici lettini e ombrelloni per chi vuole semplicemente rilassarsi.
Nel punto più profondo il lago tocca i -123 metri.

Lago di Como (Lombardia)


Ancora in Lombardia, che per ragioni geologiche è la zona che accoglie i laghi più grandi d’Italia.
Il Lago di Como – o Lario – raggiunge i -418 metri di profondità massima, che ne fa dunque il più profondo tra i bacini italiani.
La sua particolare forma a “Y” rovesciata dà vita a tre rami – Ramo di Colico, Ramo di Como e Ramo di Lecco – ognuno dei quali presenta caratteristiche proprie.
Fin dai secoli scorsi è una meta turistica di grande richiamo: le spiagge del Lago di Como offrono refrigerio e divertimento in estate, mentre durante le altre stagioni i viaggiatori possono scegliere se godersi lo spettacolo offerto dalla natura con passeggiate ed escursioni, oppure visitare i deliziosi borghi che si susseguono lungo il suo perimetro o ancora, quando possibile, le splendide ville storiche dislocate nei punti più spettacolari del lago.

Laghi di Fusine (Friuli-Venezia Giulia)


I due Laghi di Fusine (chiamati rispettivamente Lago Superiore e Lago Inferiore) si trovano nel Comune di Tarvisio, in provincia di Udine.
Questi laghetti alpini sorgono a circa 925 metri s.l.m., nel mezzo della Foresta dei Tre Confini che, come suggerisce il nome, è posta nella zona di confine tra Italia, Austria e Slovenia.
Data la loro posizione geografica, nella quale vige un microclima particolarmente freddo, non è possibile fare il bagno qui, ma il paesaggio e la natura che li circondano sono tra i più spettacolari dell’arco alpino e per questo i laghi sono solitamente punto di partenza o di arrivo di molte escursioni di trekking.

Lago d’Iseo (Lombardia)


Tra le province di Brescia e Bergamo, il Lago d’Iseo – o Sebino – è uno dei laghi più profondi d’Italia, ma è anche quello che ospita la più grande isola lacustre del nostro Paese, la bellissima Monte Isola.
Prese d’assalto dai bagnanti in estate, le spiagge del Lago d’Iseo sono uno dei motivi principali del successo turistico di questa zona, che tuttavia può contare anche su caratteristici borghi, iniziative di grande successo come il Sarnico Busker Festival, musei, sentieri, bellezze naturali come le Piramidi di terra di Zone (in località Cislano) e santuari, ma anche sulla vicinanza degli itinerari enogastronomici lungo la Strada del Vino Franciacorta.

Lago di Bolsena (Lazio)


Il Lago di Bolsena è il quinto lago italiano per dimensioni, con una superficie di 113 km².
Siamo in provincia di Viterbo, nell’Alta Tuscia, e questo lago vulcanico dalla forma circolare accoglie sulle sue sponde alcuni tra i borghi più belli del Lazio (come i paesi di Bolsena o di Marta) e diverse spiagge molto apprezzate durante la stagione estiva.
Nella zona centro-meridionale del lago si trovano l’Isola Bisentina e l’Isola Martana, ma più in generale l’ambiente lacustre è habitat ideale per molte specie ittiche autoctone e numerosi uccelli acquatici, alcuni dei quali sfruttano il Lago di Bolsena lungo la rotta delle migrazioni; per questo qui si pratica con discreto successo anche il birdwatching.

Lago Trasimeno (Umbria)


Il Lago Trasimeno sorge in provincia di Perugia, nella zona occidentale dell’Umbria, ed è il quarto lago italiano per dimensioni grazie ad una superficie di 128 km², ma è al contempo poco profondo (-6 metri nel punto massimo).
Vi sorgono tre isole (rispettivamente chiamate Polvese, Minore e Maggiore, quest’ultima abitata) ed è circondato in gran parte da campi coltivati nel mezzo di un anfiteatro di colline.
Alcuni paesi sulle sue sponde come Passignano sul Trasimeno, Castiglione del Lago e Monte del Lago sono considerati tra i borghi più belli dell’Umbria, ottimi per una gita fuori porta in qualunque periodo dell’anno. In estate, invece, le spiagge del Lago Trasimeno richiamano villeggianti e visitatori.
Per gli amanti della natura esistono inoltre itinerari turistici ben segnalati da compiere a piedi, in bicicletta o a cavallo.

Lago di Bracciano e Lago Martignano (Lazio)


Il Lago di Bracciano – un tempo chiamato Sabatino – si trova nella provincia di Roma ed è uno specchio d’acqua che ha riempito un antico cratere vulcanico.
È l’ottavo lago italiano per dimensioni (56,5 km²) nonché il sesto per profondità (nel punto massimo raggiunge i -160 metri). Come molti laghi vulcanici, anche questo ha una forma circolare; vi si affacciano alcuni paesi quali Trevignano Romano, Anguillara Sabazia e Bracciano, mentre il versante nord-orientale è praticamente disabitato. Nella stagione estiva le spiagge del Lago di Bracciano si animano con l’arrivo dei bagnanti e dei villeggianti, attratti da una natura tutelata anche dal divieto di navigazione per i veicoli a motore, salvo poche eccezioni.

A poco più di un km di distanza dalla sponda orientale si trova il Lago Martignano, più piccolo e selvaggio, ma non meno interessante da scoprire. L’insieme dei due bacini e delle aree circostanti dà vita al Parco naturale regionale di Bracciano-Martignano, un’area protetta che si sviluppa su un territorio di 170 km² tra le province di Roma e Viterbo, ed è anche una delle zone umide più importanti del Lazio dal punto di vista della biodiversità.

Lago Specchio di Venere (Sicilia)


Sull’isola di Pantelleria, nel cuore del Mediterraneo, si trova inaspettatamente un piccolo lago naturale in località Bugeber.
Il Lago di Venere sorge in un antico cratere vulcanico ed è alimentato dalle piogge e da alcune sorgenti termali, che scaldano l’acqua e producono fanghi naturali ricchi di minerali, molto apprezzati da chi viene in questo posto per goderne come terme libere.
Verso l’esterno, in prossimità della riva, il lago è poco profondo e ha colori cristallini, mentre man mano che ci si avvicina al centro, aumentando la profondità (-12 metri nel punto massimo) il colore diventa di un turchese sempre più intenso, fino a raggiungere una tonalità blu.

Lago di Scanno (Abruzzo)


A 922 metri s.l.m. tra i comuni di Scanno e Villalago, in provincia dell’Aquila e nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, il Lago di Scanno deve parte della propria fama e spettacolarità alla curiosa forma a cuore che assume solo se osservato da una precisa angolazione dall’alto, che schiacciando la prospettiva gli dona questa peculiarità che ne fa un must per le foto da postare sui social.
Per il resto, il lago è un semplice bacino naturale di circa 0,93 km² incastonato tra i Monti Marsicani, nel quale in estate i bagnanti amano nuotare o fare un giro in pedalò.

Per approfondimenti sui laghi delle singole regioni, qui sotto riportiamo i link ai nostri articoli dedicati.

I laghi più belli del Nord Italia

I laghi più belli del Centro Italia

I laghi più belli del Sud e delle isole

  •