Cerca Hotel al miglior prezzo

Terme Austria

Stabilimenti termali e Centri Benessere in Austria

Dove andare alle Terme in Austria? Guida agli stabilmenti con trattamenti termali e proprietÓ terapeutiche.

Terme Erlebnis AmadŔ

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Solebad & Vitalresort Narzissen

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Terme Rogner

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Thermal Spa Linsberg Asia

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Stabilimento termale Alpentherme

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Terme Salzkammergut

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Terme Romane Romerbad

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Therme St. Kathrein

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Stabilimento Thermalbad

Altra attrazione con ingresso a pagamento

Complesso termale Romertherme

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Terme St. Martins

Hotel con fonte termale con ingresso a pagamento

Hotel Therme Nova

Hotel con fonte termale con ingresso a pagamento

Aqua Dome

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Terme Wien

Fonte termale con ingresso gratuito

Asia SPA

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Terme Loipersdorf

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Sonnentherme

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Therme Allegria Resort

Hotel con fonte termale con ingresso a pagamento

Le migliori localitÓ termali in Austria: stabilimenti e terme libere

Come in Italia, Francia e Germania, tutti paesi di grandissima tradizione termale, anche in Austria quasi ogni singola contrada possiede la sua sorgente o il suo stabilimento termale, o comunque un Centro Benessere o una Spa. E’ quasi impossibile arrivare in un posto, in Austria, nei cui dintorni non sia presente un centro o un impianto per trattamenti curativi e wellness. A differenza che negli altri paesi europei, però, le terme in Austria presentano in maniera uniforme standard particolarmente elevati per quanto riguarda la qualità (e la quantità) dei servizi erogati e degli impianti messi a disposizione dei visitatori. Chi attraversa l’Austria alla ricerca di benessere troverà sempre personale gentile, disponibile e soprattutto molto competente, ma anche piscine, saune e in generale stabilimenti dotati di apparecchiature, servizi, giochi d’acqua e strutture termali moderne e all’avanguardia. Questo non stupisce se si pensa alla lunghissima tradizione termale di questo paese, che senza dubbio prende avvio e maggiore impulso nel corso della dominazione romana: nella regione suddivisa allora fra la Pannonia occidentale ed il Norico, infatti, i legionari di stanza a difesa degli estremi confini settentrionali furono i primi ad apprezzare l’abbondanza e le virtù terapeutiche delle sorgenti termali. Risale infatti al II secolo d.C. una testimonianza scritta dell’utilizzo terapeutico di fonti termali in Austria: si tratta di una stele votiva, fatta erigere quale ex-voto da Caio Decio Succesino per ringraziare Vibe, dea delle acque, dell’avvenuta guarigione grazie ai trattamenti termali presso l’allora Claudium Vinurum, cioè l’attuale Villach. D’altra parte l’Austria odierna eredita oggi, assieme alla vicina Ungheria, la grande tradizione termale mitteleuropea che favoriva l’utilizzo della medicina naturale termale e la cura del proprio corpo e del benessere tramite l’azione delle acque termominerali, come testimoniato da stabilimenti storici quali le Terme Romane a Baden, i Warmbad di Villach e gli stabilimenti di Bad Ischl e Bad Gleichenberg.

Oggi l’Austria conta su quasi 40 stabilimenti termali sparsi per tutto il paese, considerando soltanto quelli principali, ma se si contano tutte le località fornite di una sorgente termale si oltrepassa abbondantemente la sessantina: si tratta di una scelta di proposte termali vastissima e variegata se si rapporta il numero degli stabilimenti e dei trattamenti differenti messi a disposizione, con la superficie relativamente piccola di questo paese. Anche se si possono trovare soluzioni di benessere e relax in tutte le regioni austriache, dal Tirolo al Burgenland, ci sono alcune zone particolarmente vocate per il termalismo, e quindi mete di viaggio d’elezione per gli appassionati di wellness e salus per aquam: in primo luogo viene la regione della Stiria, che grazie ai suoi 11 stabilimenti termali di fama internazionali, fra i quali i Narzissenbad di Bad Aussee, le terme Rogner di Bad Blumau ed il Parktherme di Bad Radkersburg, viene denominata addirittura Thermenland, cioè “terra delle terme”.

I trattamenti termali più in voga presso gli stabilimenti termali austriaci sono quelli legati alla cura del corpo dopo un’intensa attività fisica come lo sci e quelli specificamente tradizionali. Così in tutti gli stabilimenti sarà possibile trovare ampie zone per i trattamenti a calore secco o umido, fra cui sauna e bagno turco, oppure il tipico bagno di fieno. Molto gettonato anche il classico percorso Kneipp ed i tradizionali bagni con idromassaggio e getti cervicali e dorsali, soprattutto sfruttando le principali acque terapeutiche austriache che sono ricche di sali oppure di radon.

Itinerari termali in Austria

Gli itinerari termali in Austria sono molto variegati, così come sono variegati e numerosi i differenti contesti paesaggistici e le attività che è possibile trovare qui. Sicuramente uno dei principali percorsi di visita in Austria riguarda l’abbinamento fra terme e montagna: non solo perchè nel freddo dell’inverno i trattamenti termali risultano ancora più piacevoli e le montagne incappucciate di neve ancora più suggestivi, ma soprattutto perchè l’Austria è il paese delle “terme d’alta quota”, in cui non di rado gli stabilimenti e le spa termali si collocano anche oltre i 1.000 metri di altitudine, e si trovano quindi solitamente in località famose per le piste di sci ed i relativi impianti di risalita. Sempre con riferimento al periodo invernale, un’altra ottima occasione da sfruttare per andare in Austria a fare le Terme è rappresentata dai cosiddetti Mercatini dell’Avvento (i più famosi sono quelli di Innsbruck, Lienz, St. Johann in Tirol e Mayrhofen), vere e proprie fiere del periodo precedente il Natale, in cui si possono acquistare oggetti e prodotti frutto delle tradizioni di artigianato locale. Molto interessante nella bella stagione invece sono due percorsi di viaggio adatti a chi ama la buona tavola e lo sport: il primo riguarda le Strade del Vino che scorrono a cavallo del confine fra Stiria e Burgenland (ce ne sono addirittura tre) ciascuna delle quali tocca le principali località e cantine di produzione dei grandi vini rossi che si realizzano con i pregiati uvaggi autoctoni quali il Blaufrankisch e lo Zweigelt; il secondo è dedicato a chi vuole abbinare terme ed attività fisica, con specifico riferimento ad uno sport rilassante e benefico come il golf: una delle più notevoli caratteristiche del termalismo austriaco è rappresentata proprio dalla costante presenza di un Golf Club nelle immediate vicinanze dello stabilimento, visto che evidentemente benessere e green sono in Austria un vero e proprio “must”.

Migliori stabilimenti termali in Austria

Fra i tantissimi stabilimenti termali austriaci, ne emergono alcuni che, per i trattamenti ed i servizi di eccellenza, per la loro storia e tradizione di benessere e per la loro fama a livello internazionale si possono indicare come i migliori del paese.
Il primo e forse più famoso in assoluto in Austria è rappresentato dal resort Aqua Dome di Langenfeld, da visitare non foss’altro per le strutture termali avveniristiche, fra cui tre piscine a forma di disco volante rovasciato cui si accede da una piramide di vetro e per il suggestivo panorama circostante in cui la vacanza relax si svolge, cioè le vette, spesso innevate, che contornano la Otztal. Presso questo stabilimento tutto è impressionante e innovativo e, ciò che più conta, sono presenti decine di trattamenti all’avanguardia che è difficile anche solo immaginare, come ad esempio la Grotta del Ghiaccio. Imperdibili le Terme in nottuna, quando un alone di vapore termale si spande sopra alle piscine, creando un’atmosfera quasi sovrannaturale. Impressionante e assolutamente caratteristica ed indimenticabile è anche lo stabilimento delle Terme Rogner di Bad Blumau, praticamente un sogno uscito dalle più ardite fantasticherie architettoniche del grande architetto austriaco Friedenreich Hundertwasser. Impianti termali, alloggi, e strutture per i servizi annessi sono completamente integrati, quasi fusi, nelle ondulazioni del terreno, in una compenetrazione con la natura che produce un sapore fiabesco, e si riverbera nella particolare concenzione di benessere ivi proposta: i trattamenti termali vengono proposti come parte singola di un insieme indirizzato all’equilibrio psico-fisico che comprende anche l’attività fisica, l’alimentazione e il benessere della mente tramite la bellezza. Per chi è in cerca non solo di relax ma anche di trattamenti termali curativi, sono assolutamete consigliate le Alpentherme o le Felsentherme di Bad Gastein, nella cornice degli Alti Tauri, che oltre ad essere collocate in una delle più gettonate località sciistiche di tutta Europa, offrono ai viaggiatori bisognosi di risanamento una tipologia di acqua termale molto rara, grazie alla particolare concentrazione di radon, in grado di guarire un numero incredibile di patologie, come ebbe modo di verificare niente meno che l’Imperatrice Elisabetta d’Austria (Sissi). Per gli stessi motivi è famoso lo stabilimento termale di Bad Ischl, località la cui acqua termale possiede prodigiose virtù terapeutiche grazie al pregiatissimo sale che origina dalle miniere dei dintorni. Infine, chi privilegia in particolare il piacere termale derivante da trattamenti benessere e relax della tradizione orientale, può scegliere lo stabilimento Linsberg Asia, a Bad Erlach, che rappresenta un angolo di Estremo Oriente con i suoi massaggi ed i riti direttamente ispirati alla più pura tradizione di benessere giapponese.
Una menzione particolare meritano infine le Heiltherme del Quellenhotel a Bad Waltersdorf, in rappresentanza dei prestigiosi (e numerosi) stabilimenti termali della Stiria, non foss’altro per i 25.000 mq di superficie che lo rendono il complesso termale più grande di tutta l’Austria ed i cui tantissimi impianti e servizi termali saranno molto apprezzati da chi ama variare, sempre che riesca, nel corso di una sola giornata, a provarli tutti!

Terme austriache per le famiglie con bambini

Uno dei motivi più interessanti per andare a fare le terme in Austria è il numero e la qualità di stabilimenti termali pensati appositamente per il divertimento di tutta la famiglia: veri e propri parchi acquatici termali in cui il relax dei genitori coesiste con una serie di scivoli, giochi ed attrazioni che fanno la felicità dei più piccoli. Il lato migliore è che in Austria i vari stabilimenti mettono le cose bene in chiaro: in alcuni i bambini non sono proprio ammessi, mentre altri sono appositamente dedicati alle famiglie. Si tratta di una particolarità molto interessante, dato che una maggiore chiarezza rende più piacevole il soggiorno alle terme per tutti i visitatori.

Non di rado è possibile trovare in Austria stabilimenti termali che, oltre alle classiche piscine termali a bassa profondità ed ai piccoli parco-giochi che si trovano anche in Italia, mettono a disposizione veri e propri aquapark tematici e giochi d’acqua veramente impressionanti, oltre a impeccabili servizi di animazione e percorsi pensati per incanalare la naturale vivacità dei bambini. Infine, sono già previsti sin dall’origine pacchetti-famiglia per l’ingresso o comunque specifici sconti, oppure anche soluzioni all-inclusive.

Fra i più interessanti stabilimenti in Austria per fare le terme con tutta la famiglia ci sono le Therme Grimming a Bad Mitternsdorf, che mette a dispozione un intero Club bambini per intrattenere i più piccoli, le Therme di Bad Schallerbach, che consentono ai genitori di rilassarsi mentre i figli giocano nell’apposito Parco Avventura “Aquapulco”, le terme di Loipersdorf, che mettono a disposizione una zona outdoor completamente dedicata ai bambini ed anche ingressi gratuiti per quelli più piccoli e le Therme Amadè di Altenmarkt im Pongau, con i suoi lunghissimi scivoli, rapide e spirali che garantiscono ai più piccoli una giornata di piacevole adrenalina.

Vantaggi e svantaggi delle Terme in Austria

Fra i molti vantaggi di fare le Terme in Austria c’è sicuramente la possibilità di trovare occasioni di benessere a 360 gradi come da nessun’altra parte. In questo paese infatti, all’eccellente qualità di servizi ed impianti termali si aggiungono panorami e paesaggi di rara bellezza, tantissime possibilità di sport, dallo sci al trekking, ed una natura fatta di verde, aria pulita e clima sempre piacevole, tutti fattori che, combinati fra loro, contribuiscono a corroborare gli effetti delle prodigiose acque medicamentose termominerali.

In secondo luogo, in Austria si possono trovare servizi e trattamenti termali d’avanguardia, spesso erogati in strutture non solo bellissime ma tecnologicamente ed architettonicamente all’avanguardia con tantissima scelta sia per coloro che adorano le terme classiche fatte di acqua calda e silenzio (terme in cui non sono ammessi bambini) che chi vuole divertirsi e rilassarsi alle terme con tutta la famiglia (parchi acquatici termali).

Per chi viene dall’Italia, infine c’è un vantaggio in più: ci sono molti stabilimenti termali austriaci vicini al confine italiano, e sono tutti molto ben collegati e dunque facili e veloci da raggiungere. Fra questi, basta ricordare nomi prestigiosi come le terme Warmbad di Villach, le Alpentherme di Ehrenberg e le Erlebnistherme Zillertal.

Fra gli svantaggi, per la verità non molti, di fare le Terme in Austria, quello più evidente è il costo non sempre particolarmente basso del biglietto d’ingresso, che in alcuni casi deve essere corrisposto per intero anche per l’accesso dei bambini. In effetti la qualità dei servizi e degli impianti è tale da comportare quasi sempre un rapporto prezzo-qualità interessante, tuttavia non c’è dubbio che il costo della vita in Austria sia superiore in generale a quello italiano, e così i prezzi praticati negli stabilimenti termali. Altri piccoli inconvenienti che potrebbero dare fastidio ai viaggiatori sono il fatto che nei paesi dell’area germanica (Austria inclusa) l’area sauna è rigorosamente “nudista”, cosa che spesso causa un certo imbarazzo ai viaggiatori italiani. Molti stabilimenti inoltre, per motivi di relax degli utenti, non ammettono bambini e ragazzi sotto i 14 o addirittura i 16 anni: poco male, comunque, dato che esistono molti stabilimenti pensati appositamente per il divertimento di tutta la famiglia. Infine, molti stabilimenti sorgono in piccoli paesini nel cuore delle Alpi, dunque nonostante la gentilezza e la professionalità degli operatori termali austriaci, accade non di rado che questi non parlino benissimo l’inglese o addirittura parlino soltanto tedesco. Anche in questo caso è comunque fastidio da poco, sicuramente all’interno di ogni struttura c’è almeno qualche operatore, anche se non tutti, che parla correntemente l’inglese e saprà come aiutarvi.

13 Dicembre 2017 La Mostra del Presepe a Grottaglie

L’inaugurazione della XXXVIII Mostra del Presepe - l’8 dicembre ...

NOVITA' close