Cerca Hotel al miglior prezzo

Terme Veneto

Stabilimenti termali e Centri Benessere in Veneto

Dove andare alle Terme in Veneto? Guida agli stabilmenti con trattamenti termali e proprietÓ terapeutiche.

Piscine termali Leonardo da Vinci

Hotel con fonte termale con ingresso a pagamento

Terme di Giunone

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Villa dei Cedri

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Terme Preistoriche

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Stabilimento termale

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Bibione Thermae

Stabilimento termale con ingresso a pagamento

Terme in Veneto

Il Veneto è la prima regione italiana per numero di stabilimenti termali, grazie all’enorme concentrazione di hotel provvisti di impianti con acqua minerale che si trova fra Abano e Montegrotto, nel cosiddetto comprensorio termale dei Colli Euganei, e conta oltre settanta strutture termali.
Anche se meno famosi rispetto a quelli di Abano e Montegrotto e certamente meno reclamizzati presso il grande pubblico, sono tuttavia presenti numerosi altri centri termali di grande interesse turistico, come Bibione e Colà di Lazise.
Il bacino termale dei Colli Euganei possiede una storia lunghissima che risale a prima della dominazione romana ed è oggi famoso non solo per i numerosi stabilimenti all’interno di hotel di lusso ma anche per il prestigioso fango termale la cui fama si estende a livello mondiale.

Itinerari termali in Veneto

Il principale percorso termale del Veneto comprende una visita diffusa ai migliori stabilimenti termali del bacino termale dei Colli Euganei, il più grande ed il più prestigioso di tutta Europa. Il circuito delle Terme Euganee è infatti rappresentato da una manciata di stazioni termali che sorgono tutte nel raggio di pochi kilometri, ed offrono al visitatore la possibilità di fare un sacco di esperienze di benessere diverse nel corso della stessa vacanza. Si parte naturalmente da Abano, “capitale termale” del comprensorio, proseguendo immediatamente verso la “città gemella” di Montegrotto che sorge subito accanto, per poi deviare verso Teolo, altro piccolo comune euganeo confinante con Abano in cui si trovano le Terme dei Salesiani dell’Hotel Mamma Margherita, rinomato centro di cura per la medicina naturale con l’acqua. Ma non finisce qui: con un breve spostamento in auto si raggiungono infatti altri due importanti stabilimenti che vale la pena provare una volta nella zona, cioè lo stabilimento termale La Contea di Battaglia Terme e le Terme di Galzignano incluse all’interno del complesso alberghiero Radisson Blu.
Altro itinerario di richiamo per gli amanti del benessere termale ed al contempo delle specialità enogastronomiche venete, è quello che conduce sulle rive del lago di Garda alla scoperta dei rinomati vini della Valpolicella, dove nascono preziosi vitigni come il Bardolino, ed è possibile allo stesso tempo godersi nel giro di pochi kilometri i trattamenti termali dello stabilimento Aquardens di Pescantina e Villa dei Cedri di Colà di Lazisse.

I migliori stabilimenti termali in Veneto

Località termali immancabili se si visita il Veneto per godere dei benefici delle sorgenti termali, sono Montegrotto e Abano. Nella prima località si segnalano le famose Terme Preistoriche, che vantano una tradizione storica antichissima, risalente al periodo anteriore alla frequentazione da parte degli antichi Veneti. Lo stabilimento vanta trattamenti effettuati con numerosi fattori di benessere, ovvero acqua salsa-bromo-iodica, vapore termale e fango maturo dei Colli Euganei. Per quanto riguarda le Terme di Abano, è certamente difficile stabilire quali sono le migliori proposte termali presenti in città, in quanto spesso le offerte più raffinate e curate corrispondono tuttavia a strutture a quattro e cinque stelle con corrispondente livello di prezzo. Se non si hanno problemi di budget vale la pena almeno visitare le prestigiose proposte termali dell’Hotel Savoia, che si trova all’interno di un vastissimo parco di oltre 20.000 mq e propone oltre alle piscine anche un’area spa di recentissima costruzione con sauna, bagno finlandese, docce emozionali e percorso kneipp, e l’hotel President, circondato dal grandioso Parco del Montirone e fornito non solo di strutture termali per il benessere ma anche per le principali cure come la balneoterapia e la fangoterapia.
Inoltre, vale assolutamente la pena visitare le Terme Villa dei Cedri a Colà di Lazise, sia perché immerse in una vastissimo e suggestivo parco in cui è possibile fare il bagno nei laghetti termali alimentati direttamente dalle sorgenti che sgorgano in superficie, ma anche per la straordinaria collocazione panoramica nei pressi delle rive del lago di Garda e perché sorgono nelle immediate vicinanze del parco divertimenti di Gardaland, consentendo di unire relax e divertimento in una sola tappa di viaggio.
Infine, soprattutto nel periodo estivo, è interessante visitare lo stabilimento Bibione Thermae nella località termale, dove alternare giornate di sole e mare sulla spiaggia del litorale adriatico a momenti di piacere termale con sauna, solarium, idromassaggi e piscina in acqua termale.

Terme per la famiglia in Veneto

Il Veneto è una delle regioni più attrezzate e variegate per quanto riguarda le proposte termale pensate per le famiglie. Tutti i genitori che viaggiano con bimbi al seguito possono innanzitutto approfittare di località di vacanze divertentissime per i bambini come Colà di Lazise e Bibione: nel primo caso è facilissimo abbinare un momento di piacere termale ad una visita al parco di divertimenti di Gardaland che sorge a poche centinaia di metri. A Bibione invece è possibile concedersi benessere e relax a pochi metri dalla spiaggia, alternando divertimento sul mare a trattamenti con acqua termale.
La principale agevolazione che le Regione Veneto offre alle famiglie per valorizzare la propria proposta termale si trova come naturale nel comprensorio di Abano e Montegrotto: nel famoso bacino termale infatti è stato creato un circuito di strutture alberghiere, che prende il nome di “Fate Family Hotel”, e garantisce a chi va a fare i fanghi o le terme la predisposizione di spazi giochi interni ed esterni, servizi di animazione, menù personalizzati e attività ludico-ricreative pensate per i più piccoli, in modo che i genitori abbiano la libertà di potersi godere i trattamenti senza pensieri. Questa proposta comprende anche “pacchetti terme family” che offrono sconti e promozioni ai genitori che viaggiano con bimbi al seguito, ed una serie di attrazioni tematiche per il divertimento dei più piccoli come la “Casa delle Farfalle”, il “Bosco delle Fate”, il “Centro Equestre”, il “Puffetto” e numerose altre.

Vantaggi e svantaggi delle terme in Veneto

Il più grande vantaggio di fare le terme in Veneto è che basta recarsi nela zona dei Colli Euganei per poter scegliere fra innumerevoli proposte ricettivo-termali in concorrenza fra di loro. E’ quindi relativamente semplice trovare un’offerta in linea con le proprie esigenze ed il proprio budget di spesa. Inoltre, ciascun hotel provvisto di centro benessere/spa permette di scendere alle proprie terme direttamente dalla propria camera, in ciabatte e accappatoio, senza dover uscire all’aperto e la presenza di così tante alternative consente in ogni caso di provare ogni giorno una spa termale differente nel giro di poche centinaia di metri. Molto comodo è anche il fatto che tutti gli stabilimenti si trovano a poca distanza da almeno uno dei principali centri urbani regionali come Vicenza, Verona, Padova ed è quindi possibile abbinare la vacanza termale a delle interessanti visite turistiche.

Il principale svantaggio, visibile ad Abano come in molte altre località, è che queste zone termali hanno raggiunto il proprio apice in un periodo temporale passato, e stentano in molti casi a fare le necessarie ristrutturazioni per mettersi al passo coi tempi: in altre parole, le varie strutture avrebbero spesso bisogno di una “rinfrescata” per ammodernarle e togliere quella “patina vintage” che sa di trascurato.