Cerca Hotel al miglior prezzo

Terme Friuli Venezia Giulia

Terme in Friuli - Venezia Giulia

Il Friuli Venezia Giulia è una delle regioni italiane più piccole e presenta dunque un numero di stabilimenti termali in proporzione: sono tre, e cioè le Terme di Arta e le Terme di Lignano Sabbiadoro in provincia di Udine, più le Terme di Grado in provincia di Gorizia. Anche se non molto numerosi, questi stabilimenti rappresentano un buon diversivo per i tantissimi viaggiatori che transitano in questa regione prevalentemente in quanto crocevia naturale fra l’Italia, l’Austria e la Slovenia. Diretti magari verso i lussuosi e supermoderni stabilimenti che si trovano subito oltreconfine in entrambi i due paesi confinanti, una tappa di relax lungo il percorso rappresenta una pausa certamente piacevole per spezzare il tragitto.
D’altra parte, anche se non particolarmente celebrata a livello turistico, il Friuli è una regione veramente tutta da scoprire, dato che assembla nel raggio di distanza relativamente brevi alcune spiagge di sabbia dorata fra le migliori sull’Adriatico, ad una corona di cime alpine che non ha niente da invidiare a regioni come la Valle d’Aosta o il Trentino Alto Adige.

Itinerari termali in Friuli

Dato che sono soltanto tre, è possibile visitare anche tutti gli impianti termali friulani in una sola volta: si parte ad esempio costeggiando la riviera adriatica fino a Lignano Sabbiadoro, magari nel periodo estivo per sfruttare la stagione balneare, e si prosegue quindi fino a Grado, dove, oltre ad un bagno e ad un trattamento termale si visita il famoso palazzo imperiale che si affaccia direttamente sul mare.

Ci si può dirigere infine verso Arta risalendo i declivi montani della Carnia fino ad arrivare nel piccolo borgo a mezza costa che rappresenta allo stesso tempo famosa stazione di salute e benessere, e ottimo punto di partenza per escursioni sui sentieri del comprensorio montano. Si tratta di un giro turistico particolarmente interessante per gli amanti del ciclismo su strada, che sicuramente apprezzeranno i forti saliscendi, ed infine l’ascesa verso una delle cime più difficili da raggiungere, cioè il Monte Zoncolan.

I migliori stabilimenti termali in Friuli

Ciascuno dei tre stabilimenti termali del Friuli è nel novero dei migliori, dato che ciascuno è da preferirsi per specifiche esigenze dei visitatori. Così, mentre sia le Terme Marine di Grado che quelle di Lignano Sabbiadoro, affacciare direttamente sul mare, offrono trattamenti talassoterapici all’avanguardia, le seconde si fanno preferire da quanti vogliono oltre al benessere o alle cure termali usufruire anche del divertimento e della movida di una località balneare particolarmente vivace nel corso del periodo estivo.

Le Terme di Arta, la cui acqua è ottima come bibita termale nell’ambito della terapia idropinica, ma viene impiegata con notevoli effetti anche per la fango-balneoterapia, sono preferite da quanti preferiscono un centro termale di alta quota, in cui ai fattori curativi sorgivi si unisce la bellezza del panorama alpino, la salubrità dell’aria di montagna, e l’intenso senso di pace che si respira in questo paesino lontano da stress e rumori, e nondimeno già apprezzato per le sue cure termali dal grande poeta Giosuè Carducci.

Terme per la famiglia in Friuli

Il migliore stabilimento termale per tutta la famiglia in questa regione è rappresentato senza dubbio dalle Terme di Lignano Sabbiadoro. In primo luogo per il semplice motivo che è presente una meravigliosa spiaggia di sabbia fine, una delle più quotate in assoluto nel tratto dell’Alto Adriatico, e certamente una di quelle che faranno felici i bambini fra un castello di sabbia ed un bagno; in secondo luogo perché gli specifici trattamenti talassoterapici che vengono somministrati in questa località grazie alle proprietà saline delle acque marine sono estremamente benefiche non solo per gli adulti ma anche per i bambini di tutte le età, dai neonati ai bimbi più grandi.

Vantaggi e svantaggi delle terme in Friuli

Il principale vantaggio di fare le Terme in Friuli Venezia Giulia è che, oltre a godersi il classico wellness con acqua minerale, è possibile allo stesso tempo, e con spostamenti relativamente brevi, passare dalle cime innevate delle Alpi Giulie e Carniche al mare ed alle spiagge dell’Alto Adriatico, senza trascurare peraltro gli insoliti e suggestivi panorami lunari delle doline sul Carso.
Per contro, l’unico problema è che, per quanti amano scegliere ogni giorno un’esperienza termale differente, in Friuli c’è una scelta piuttosto limitata. Questa situazione è tuttavia ampiamente mitigata dal fatto che il Friuli rappresenta la vera e propria “porta d’accesso” a due paesi l’Austria e la Slovenia, che presentano stabilimento termali all’avanguardia, ultra-moderni e attrezzati in maniera impeccabile, appena oltrepassato il confine.