Cerca Hotel al miglior prezzo

Borghi pił belli Lazio

I borghi medievali pił belli del Lazio

Il Lazio possiede molti bellissimi borghi antichi, medievali e non, tra i più visitati del nostro paese. Ovviamente qui si concentrano anche molti resti di città romane ed etrusche, ormai abbandonate da secoli, le cui rovine sono state oggi riscoperte e valorizzate.

Uno dei simboli dei borghi italiani è sicuramente Civita di Bagnoregio, in provincia di Viterbo, già ribattezzata “la città che muore” dallo scrittore Bonaventura Tecchi.
Civita rappresenta l'essenza tipica del borgo nel vero senso della parola: racchiuso in sé stessa, situato in posizione isolata su uno sperone roccioso, a misura d'uomo e senza problemi di traffico o inquinamento. Questo villaggio dove il tempo sembra essersi fermato, data la sua collocazione su una rupe di tufo che purtroppo ne mina la sua stabilità, è uno dei luoghi più suggestivi di tutta la penisola.

Per certi versi simile, vista la posizione, è anche il bellissimo borgo di Calcata, sempre in provincia di Viterbo, dove si possono trovare altri paesini deliziosi come Capodimonte, Ronciglione, Latera, Proceno, San Martino al Cimino e Castel Sant'Elia.
Caprarola, infine, è un antico borgo cinquecentesco, dominato dalla piazza dove sorge l'incredibile Palazzo Farnese, con la sua particolare forma pentagonale.

La provincia di Rieti offre altri borghi incastonati tra le vali appenniniche; nonostante il terremoto che ha raso al suolo località come Accumoli ed Amatrice, è ancora possibile trovarvi borghi affascinanti e fortunatamente ancora abitati come Greccio, luogo famoso per la sua rievocazione storica del primo presepe vivente del mondo e per essere, dal 2016, membro del club dei Borghi più belli d'Italia, ma anche dell'altrettanto suggestivo borgo di Castel di Tora, affacciato sulle acque del Lago di Turano e costruito prevalentemente in pietra a vista. Tra gli elementi più importanti dell'architettura di Castel di Tora c'è la Torre poligonale, risalente all'XI secolo.

Collalto Sabino è un altro splendido borgo appenninico della provincia di Rieti, un tempo posto sul confine tra lo Stato Pontificio e il Regno delle Due Sicilie, dominato dall'elegante castello baronale visibile anche in lontananza.
Non meno interessanti sono i piccoli borghi di Labro, Leonessa (nella zona del Terminillo), Montenero Sabino, Poggio Catino, Selci e Monteleone Sabino, dove si trova l'area archeologica dell'antica città romana di Trebola Mutuesca.

Spostandosi nella provincia di Roma non possiamo non ricordare uno dei borghi tra i più importanti d'Italia: Castel Gandolfo, sul Lago Albano, famoso soprattutto per essere la sede estiva del Papa.
Altrettanto piacevoli da visitare sono anche le località di San Gregorio da Sassola, Riofreddo, Cervara di Roma e alcune cittadine più grandi come Artena – il cui centro storico è tra i meglio conservati di tutto il Lazio – e Genzano di Roma (uno dei Castelli Romani sul Lago di Nemi), famoso per l'evento dell'infiorata che si svolge nel mese di giugno.

Anche la provincia di Frosinone accoglie nel suo territorio numerosi borghi da visitare: tra questi c'è Trevi nel Lazio, dove si può ammirare il Castello Caetani, o ancora la splendida cinta muraria medievale di Vico nel Lazio, così come quella del borgo di Boville Ernica, che domina le valli del Sacco, del Liri e del Cosa. In questa zona si trova anche l'unica città in italia a poter vantare addirittura due cascate nel centro storico: è lo splendido borgo di Isola del Liri, uno dei più scenografici del nostro paese.
A Monte San Giovanni Campano, invece, è visibile la struttura del locale castello risalente al X secolo e dotato di due torri; è proprio nel castello che fu rinchiuso dai suoi famigliari, tra il 1244 e il 1245, anche San Tommaso d'Aquino.

La porzione meridionale del Lazio – nella fattispecie la provincia di Latina – presenta numerose località interessanti, tra le quali Sperlonga, uno dei dei borghi costieri più belli d'Italia. La sua posizione su uno sperone roccioso (S.Magno) che domina questo tratto di costa del Tirreno così come la sua pianta urbana è tipicamente medievale. Di quel periodo si possono ancora ammirare le porte d'accesso al paese (rispettivamente la Portella e Porta Marina), mentre sono tre le torri d'avvistamento ancora in piedi: Torre Truglia, Torre Capovento e Torre del Nibbio.
In posizione più interna si trovano invece Campodimele, Sermoneta e Bassiano, ma chi avesse ancora voglia di visitare qualche località potrebbe infine spostarsi sulle isole di Ponza e Ventotene, dove si trovano alcuni caratteristici borghi marinari.

loading...
07 Agosto 2017 Cinecittą World: biglietti per ingresso ...

Il parco divertimenti di Cinecittà World ha appena iniziato la ...

NOVITA' close