Cerca Hotel al miglior prezzo

Eventi Liguria

Prossimi eventi in Liguria

Cosa fare oggi, questa sera o questo weekend in Liguria? Date e programmi di tutti gli appuntamenti più importanti a cui assistere. Sagre, mostre d'arte, festival, fiere ...

Conosci altri Eventi? Segnalaceli

Eventi annuali Liguria

Elenco degli appuntamenti annuali che verranno aggiornati con le date della prossima edizione appena saranno rese note.

Conosci le date della prossima edizione? Segnalacele

Le sagre, i festival e gli eventi in Liguria pił importanti

Nonostante sia una delle regioni più piccole d’Italia, la Liguria, stretta com’è tra le alte vette delle Alpi Marittime e degli Appennini e la costa affacciata sul Mar Ligure, definita “la più bella e pittoresca striscia di lungomare che vanti l’Europa”, offre molteplici e suggestivi paesaggi al visitatore.
Natura, mare, montagna, un clima gradevole e temperato, moderne infrastrutture, una tradizione alberghiera d’eccellenza e la bellezza selvaggia delle coste alte e frastagliate, interrotte da piccole insenature, in cui si inseriscono come gioielli piccole spiagge sabbiose di grande impatto, sono gli ingredienti principali di questa lembo di terra, dalla curiosa forma di ferro di cavallo, che ogni anno riesce ad attrarre più di 4,5 milioni di visitatori.
Luoghi incantevoli come il Golfo dei Poeti, le Cinque Terre, il Golfo di Tigullio, la Riviera delle Palme e quella dei Fiori si susseguono lungo i 320 km di costa ed ospitano rinomate località come Portofino, Portovenere, Chiavari e Rapallo, nella Riviera di Ponente, e Varazze, Laigueglia, Sanremo e Bordighera, in quella di Levante.
In un panorama paesaggistico di questo tipo spiccano, e meritano anche una particolare menzione, la gastronomia locale, ricca di piatti tipici di rinomanza nazionale, come il pesto, per fare un esempio che vale per tutti, e le tradizioni storico-culturali che connotano tutto il territorio, come i monumenti di ogni epoca, le incisioni rupestri, il fine artigianato locale e la nutrita proposta di spettacoli, manifestazioni, fiere, sagre, festival, regate e rievocazioni storiche, che rendono il soggiorno veramente piacevole.
Facciamo dunque insieme un rapido excursus di quelli che consideriamo i più divertenti ed importanti eventi della Liguria a cui partecipare almeno una volta nella vita.

Partiamo dunque da Celle Ligure, nota località in provincia di Savona, dove ogni anno a gennaio si svolge la Festa di San Sebastiano. Proprio in onore di questo Santo fu costruita, in pieno centro storico, nel XVI secolo una chiesa votiva voluta dalla popolazione sopravvissuta ad una delle numerose e terribili epidemie di peste nera che imperversavano in quegli anni; nel 1931 purtroppo la chiesa viene demolita per far spazio all'ampliamento della Via Aurelia, ma la figura di San Sebastiano non perde d'importanza.
Nel giorno prescelto, di mattina presto, il Lungomare Colombo si anima di visitatori che si aggirano curiosi tra gli stand gastronomici e i banchi colorati che propongono il meglio dell'artigianato locale, tra pizzi a tombolo di Varazze, l'ardesia nera di Lavagna e le famose sedie "a campanino" di Chiavari, oltre ai numerosi articoli realizzati dai più originali operatori dell'ingegno.
Il momento più magico di tutta la giornata si svolge però nel pomeriggio, quando, dopo la sfilata della banda musicale, la popolazione e i visitatori si raccolgono proprio nel punto in cui sorgeva l'antica chiesetta e rivolgono un momento di preghiera dedicata al Santo e scandita dai rintocchi della campana originale, che viene portata sul posto per l'occasione. Dopo la commemorazione, via libera alle squisite frittelle di mele e alle altre specialità gastronomiche del luogo, nell'attesa della proiezione della collezione di immagini storiche che raccontano la storia di Celle Ligure e dei tesori che ancora conserva.

Con marzo il palcoscenico spetta al Carnevale Di Sanremo: il Corso Fiorito. L'incontro fra primavera, la città dei fiori e la festa tradizionale più divertente che ci sia, dà vita a qualcosa di assolutamente particolare e consente di mettere in scena uno dei carnevali della Liguria, e non solo, più belli e spettacolari, se si considera che si è meritato il terzo posto in Italia, secondo solo a Venezia e a Viareggio.
Nato nella Belle Époque per celebrare l'introduzione della produzione floristica in terra ligure, quella che all'inizio era una sfilata per le vie della città di carrozze splendidamente decorate con i fiori, è diventato, dopo la Seconda Guerra Mondiale, un vero e proprio carnevale.
Carri allegorici, al posto delle antiche carrozze, colorano il lungomare, sfilando per tutta la mattina e divertendo la folla che si assiepa intorno a quei capolavori "fioriti".
Molte le iniziative collaterali: stand che espongono prodotti enogastronomici locali, bancarelle di oggetti d'antiquariato, mostre floreali, concorsi di decorazione, corse ciclistiche, esibizioni di sbandieratori e spettacoli per bambini a tema, all'insegna del divertimento e dell'allegria.

Il mese di maggio lo dedichiamo invece ad alcuni eventi gastronomici della Liguria che possiamo considerare tra i più attesi dell’anno.
Partiamo, nella seconda domenica del mese con la Sagra del Pesce di Camogli, che ogni anno riesce a richiamare moltissimi visitatori da tutta Italia ed anche dall’estero.
La prima edizione ha visto la luce nel lontano 1952, quando i pesci venivano fritti in piccole padelle molto casalinghe; oggi, invece, il “padellone” da Guiness dei primati, ha un diametro di ben 3,80 metri, riesce a friggere più di tre tonnellate di pesce azzurro, per la gioia di tutti gli avventori.
La festa, però, comincia già la sera prima con la Processione di San Fortunato, con tanto di Arca del Santo accompagnata dalla banda cittadina, i due grandi falò sul mare, che rappresentano i due quartieri di Camogli, splendido borgo marinaro della Riviera di Levante, ed il grande spettacolo pirotecnico, che scandisce con vigore e allegria l’arrivo del fine settimana di festeggiamenti.
Ovviamente non mancano spettacoli e divertimenti organizzati per i più piccini ed il caratteristico mercatino artigianale per fare un po’ di shopping a tema.

Proseguiamo lungo la costa sempre in direzione est ed arriviamo, nel fine settimana successivo, a Monterosso al Mare, la più occidentale delle Cinque Terre, dove si svolge la profumatissima Sagra del Limone. I caratteristici carrugi, su cui affacciano le colorate case che degradano veloci verso il mare, si riempiono di banchetti e stand che ospitano uno degli indiscussi protagonisti della tradizione agro-alimentare della zona, il limone, declinato in tutte le varianti possibili: limoncello, crema di limone, marmellate, torte e molto altro ancora.
Non mancheranno certo gli altri prodotti tipici locali, frutto del duro lavoro dei contadini che sono riusciti a domare le ripide pendici delle montagne alle spalle, costruendo i famosi terrazzamenti che costellano, artisticamente, tutto il paesaggio.
La giornata di festa si conclude con il ritrovo serale in piazza per la "pesa" del limone più grosso della stagione, e la premiazione della vetrina decorata con limoni più bella della giornata..

Chiudiamo la nostra rassegna primaverile di sagre gastronomiche della Liguria ritornando verso Genova, a Recco per l’esattezza, dove non possiamo mancare alla Festa della Focaccia IGP, specialità gastronomica che si colloca tra le 280 che rappresentano l’arte culinaria italiana in tutto il mondo. E in effetti non si può proprio resistere alla tentazione di addentare la morbida e sottile focaccia ripiena di formaggio, crescenza e cipolla che conquista sempre sia i grandi che i piccini.
Due le giornate dedicate ai festeggiamenti nell’ultimo fine settimana di maggio: il sabato è il turno dei più piccoli che, sotto la supervisione di mastri fornai, preparano la loro prima focaccia sotto i portici di via Assereto, mentre durante la domenica scendono in pista i big che preparano in diretta la squisitezza locale e la distribuiscono gratuitamente agli affamati avventori.
Una volta soddisfatta la gola ci si può dedicare ai numerosi eventi collaterali che sono disponibili: spettacoli, musica, balli e canti per tutti, all’insegna del divertimento e della buona tavola.

Si cambia decisamente atmosfera in estate, quando nel fine settimana più vicino al 29 giugno, a Genova, si tiene il Palio Marinaro di San Pietro, tra gli eventi tradizionali della Liguria uno dei più sentiti e caratteristici.
Siamo, infatti, di fronte ad una grande gara sportiva che affonda le radici delle sue origini nella grande tradizione marinara della città; i gozzi, piccoli pescherecci caratteristici, rappresentanti i rioni della città si sfidano, nelle acque antistanti una delle spiagge della città, in una regata di velocità che termina direttamente sul bagnasciuga e vede i mozzi delle imbarcazioni arrivate correre verso il proprio “castello,” sul quale si arrampicano per appendere il gagliardetto del rione di appartenenza. Molto suggestivo anche il corteo storico introduttivo con i figuranti che sfilano in costume medievale.
Fin dal sabato la zona viene allestita con stand gastronomici che offrono prelibatezze locali e banchetti di prodotti artigianali, oggettistica d’autore e simpatiche novità; la giornata si conclude con il grandioso spettacolo pirotecnico sul mare che riesce a creare sempre magiche suggestioni.

Nella settimana centrale di agosto ci trasferiamo invece a Pallare, piccolo borgo montano del savonese incastonato sulle montagne della Val di Bormida, per dedicarci un po’ ai piaceri del palato con la Sagra dei Lisotti, uno dei più importanti appuntamenti nel vasto programma dei festeggiamenti di una delle feste folcloristiche della Liguria più sentite ed attese dalla popolazione: la Festa di San Rocco.
Sono quattro le giornate che la Pro Loco cittadina dedica all’amato Santo che guariva gli ammalati, tra serate danzanti, spettacoli musicali, mostre di pittura, sfilate di moda, raduni automobilistici, passeggiate nella natura e, ovviamente, i numerosi stand gastronomici che propongono ai visitatori le migliori prelibatezze liguri; protagonista indiscusso è il lisotto, la specialità pallarese, una sorta di piadina a base di farina e patate cotta alla piastra e servita con svariate salse dolci e salate. Un vero tripudio per le papille gustative di tutti i partecipanti!

Praticamente in concomitanza, dalla parte opposta della regione, a Lavagna, sulla Riviera di Levante, ogni anno il 14 agosto si svolge una delle più antiche e suggestivi rievocazioni storiche della Liguria: la Torta dei Fieschi.
La festa rievoca il matrimonio avvenuto nel 1230 tra il conte Opizzo Fiesco, esponente della prestigiosa famiglia de’ Fieschi, e Bianca de’ Bianchi, nobildonna senese, per celebrare il quale le famiglie non badarono a spese, al punto che la fastosità dell’evento venne tramandata nei secoli a seguire.
Questa memoria si è conservata fino a noi e dà vita a quelli che sono considerati tra i due giorni più attesi dell’estate di tutta la provincia genovese; il primo appuntamento è fissato per il pomeriggio del 13 agosto, quando si allestisce "l’Addiu du Fantin", il banchetto dell’addio al celibato del conte.
Il vero capolavoro, però, scende in strada durante la domenica: il magnifico corteo storico attraversa infatti le vie della città e si conclude ai piedi della Torre dei Fieschi; tra gli eventi collaterali giochi e spettacoli a tema romantico che coinvolgono le coppie presenti, finché non vengono proclamate le nozze e la contessa taglia la sontuosa torta, di ben 13 quintali, preparata dai maestri pasticceri locali.

A settembre torniamo a Genova per il Salone Nautico più importante di tutto il Mediterraneo, come confermano le cifre da record che ogni anno riesce a portare a casa.
Si tratta infatti di una vetrina internazionale in cui i produttori italiani, e non solo, possono presentare le ultime novità della nautica e far provare ai visitatori l’emozione di sedersi al timone di una barca, di scoprire i segreti della vela o di visitare yacht da sogno.
Ampie aree sono dedicate anche ai corsi e alle prove per gli appassionati di subacquea, windsurf, nuoto o canottaggio.
Più di 100.000 visitatori provenienti da tutto il mondo si riversano nei padiglioni della Fiera di Genova, più di 1.300 espositori e più di 2.000 barche di ogni dimensione che trovano alloggio nei 100.00 mq di specchio acqueo disponibile sono i numeri di quello che è, tra gli eventi fieristici della Liguria, sicuramente il più prestigioso.

Con l’autunno ci spostiamo invece all’estremità della Riviera di Ponente, a pochi chilometri dal confine francese. È qui che, tra le valli e le pendici dell'Alta Valle Argentina, troviamo quello che è conosciuto come il “Paese delle Streghe”; stiamo parlando di Triora, caratteristico borgo medievale considerato uno dei borghi più belli di tutta Italia, è più nello specifico di Molini di Triora, piccolo borgo del XIII secolo ubicato 6 km più a valle.
“Molini” perché sono ben 23 i mulini antichi, di cui si trovano ancora i resti disseminati nella valle, che servivano per schiacciare il grano, le castagne e le olive ed erano considerati per questo preziosissimi per il sostentamento della popolazione.
In questa valle ogni seconda domenica del mese di ottobre si svolge infatti la Sagra della Castagna, durante la quale la regina dell’autunno può essere degustata in molteplici preparazioni, per un menu completo che prevede dall’antipasto al dolce.
Non mancheranno caldarroste, mosto e spettacoli musicali per la gioia di tutti.

Altra protagonista dell’autunno ligure è indubbiamente l’oliva da cui si estrae il prezioso “oro verde”, patrimonio gastronomico nazionale.
A Sestri Levante, prima città dell’olio genovese, ogni anno, a cavallo tra novembre e dicembre, si festeggia il nuovo raccolto e l’olio nuovo con la Festa del Pane e dell’Olio, una kermesse che prevede una maratona di dieci giorni, tra eventi gastronomici, iniziative culturali, mercatini dei produttori locali, concorsi, degustazioni e laboratori a tema.
Due degli elementi più tipici della tradizione mediterranea, il pane e l’olio con cui le nonne di qualche tempo fa preparavano merende succulente , si incontrano per dare vita ad un’importante occasione per i frantoi e i produttori locali di far conoscere il loro prestigioso e rinomato prodotto finito, all’insegna del sapore genuino e della bontà delle cose più semplici.

Con dicembre si volta di nuovo pagina perché si entra già in clima di festeggiamenti natalizi e non possiamo quindi non menzionare il Presepe Luminoso di Manarola, la seconda delle Cinque Terre, partendo da La Spezia, uno dei borghi della Liguria più suggestivi ed affascinanti.
In questo piccolo e meraviglioso pugno di case colorate ed abbarbicate su un costone roccioso che sembra gettarsi nel mare, ogni anno viene infatti allestita, ad opera di Mario Andreoli, manarolese DOC, la Natività con più di 300 figure a grandezza naturale, realizzate con materiale di recupero ed illuminate da migliaia di lampadine. L’intero crinale della collina prende dunque vita dall’8 dicembre al 31 gennaio, regalando, se è possibile, un’atmosfera di autentica meraviglia a Manarola, che, come tutti sanno, di meraviglia ne ha da vendere già di suo.

Concludiamo la nostra rassegna con i mercatini di Natale della Liguria più originali e suggestivi: i Mercatini di Santo Stefano d’Aveto. Ci troviamo ai piedi del Monte Maggiorasca, nell’incantevole Valle d’Aveto, ad un passo dalle vette innevate del Monte Bue ed a circa un’ora di macchina dal Golfo di Tigullio.
Oltre ai classici stand di prodotti gastronomici natalizi ed ai banchi ricolmi di decorazioni, addobbi, idee regalo ed oggetti di fine artigianato, è possibile trovare la Casa di Babbo Natale, il quale accoglie, con la sua solita allegria, grandi e piccini nella dimora in cui vive con elfi e renne.
Non manca nulla, insomma. Basta lasciarsi trasportare dai suoni, dai colori, dai profumi, dai sapori e dai sogni dei bambini di tutte le età, gli ingredienti indispensabili per poter vivere un Natale perfetto.

loading...
25 Maggio 2017 Il Palio di Ferrara

È il più antico del mondo e corsa di festa che a differenza ...

NOVITA' close