Cerca Hotel al miglior prezzo

Limosino (Limousin): viaggio nella regione francese

Pagina 1/2

  • Feniers
  • Crocq
La regione del Limosino, Limousin per i francesi e Lemosin in occitano, si estende nel cuore della Francia, incastonata tra il territorio del Centro a nord, l’Alvernia a est, il Mezzogiorno-Pirenei a sud, l’Aquitania a sud-ovest e il Poitou-Charentes a ovest. Dalla conformazione prevalentemente montuosa a causa della presenza del grande Massiccio Centrale, il Limosino è irrorato da un buon numero di fiumi, nelle cui valli hanno trovato spazio le principali città della zona.

L’attuale territorio del Limosino corrisponde alle terre originariamente conquistate dai romani a partire dal lontano 51 a.C., ma dopo la caduta dell’Impero Romano i primi ad approfittarsene furono i Visigoti, che vi si stanziarono tra il 419 e il 507, e dopo di loro i Franchi. Dal 511 al 584 il Limosino fece parte del Regno di Neustria, e dal 584 al 876 del Regno di Aquitania. La contea vera e propria fu creata nel periodo carolingio, e dopo un breve periodo di dominio inglese passò definitivamente in mano a Carlo V. Oggi si tratta di una regione che fa leva in parte sul turismo, in parte su un’economia in costante sviluppo, basata prevalentemente sulle risorse agricole e forestali e sull’allevamento dei bovini, non priva di interessanti siti naturali e culturali.

Capoluogo regionale è Limoges, soprannominata la “capitale dell’arte del fuoco” grazie alla presenza storica delle industrie di porcellana, conosciute a livello internazionale, e dell’artigianato dello smalto e del vetro. Il museo degli smalti e delle porcellane Adrien-Dubouché è uno dei vari musei interessanti cittadini, insieme a quello del vescovo di Limoges, allestito nell’antico palazzo episcopale del XVIII secolo e contenente una ricca collezione di sculture, reperti archeologici, pitture di Renoir e altri. Tra i monumenti più importanti ricordiamo la Cattedrale Saint-Etienne e la Cripta Saint-Martial, oltre ad altre bellissime chiese, castelli e abbazie.

Vale poi la pena di visitare Collonges la Rouge, ritenuto uno dei più bei villaggi di Francia, e Beaulieu sur Dordogne, città medievale appollaiata alle rive della Dordogne. A Turenne, splendido villaggio, spiccano poi la torre Cesar del XII secolo e la torre dell’orologio del XIV secolo, oltre a una bellissima chiesa del XVII secolo e a numerose abitazioni antiche che conservano lo stile tradizionale dei piccoli borghi medievali. Altro vilaggio da non perdere è lo splendido Curemonte a detta di molti il più bel villaggio d'Europa, qui visse il celebre autore francese Colette. Un'altra località degna di nota nel Limosino è Aubusson, che per un periodo (15° secolo) divenne l'indiscussa capitale dell'arazzo. Da non perdere il Musee Departemental de la Tapisserie. Concludiamo la breve panoramica dei più bei villaggi del Limousin citando Crocq con le sue due torri gemelle, Fèniers, Beaulieu-sur-Dordogne, Uzerche, Donenzac, Segur-le-Chateau, Agentat e Treignac celebre per i suoi tre castelli.

Chi si interessa di storia, infine, potrà visitare Oradour sur Glane, che durante la seconda guerra mondiale fu scenario di un terribile combattimento e oggi è diventato un luogo della memoria, con le sue silenziose rovine lasciate così come dopo la distruzione oprata dalle SS naziste. A nord est de Limoges troveranno invece pane per i loro denti gli amanti della natura, che potranno trascorrere in compagnia dei più piccoli una splendida giornata all’aria aperta, nel Parc Bellevue. Una piscina, un maneggio, un piccolo treno per fare il giro del parco, delle strutture gonfiabili per giocare e un’area per pic-nic sono solo alcune delle attrattive che fanno di questo polmone verde il luogo perfetto per svagarsi con tutta la famiglia.
... Pagina 2/2 ...
Innumerevoli sono poi i suggestivi laghi, naturali e artificiali, di cui è costellato il territorio del Limosino, come ad esempio il Lac de Causse, 10 km a sud-ovest di Brive, con un’estensione di 100 ettari e una posizione magica, nel cuore della campagna. Il lago è perfetto per chi volesse rinfrescarsi con una bella nuotata o dilettarsi negli sport nautici di vario tipo. Le bellezze della natura sono maggiormente godibili nel periodo primaverile ed estivo, quando le temperature sono miti e più dolci rispetto a quelle delle regioni circostanti, benché i mesi più caldi raggiungano picchi anche oltre i 30°C. Gli inverni sono generalmente lunghi e freddi, specialmente nelle zone a maggiore altitudine, e le nevicate non sono affatto rare.

Raggiungere il Limosino non è stato facile per lungo tempo, essendo questa regione al di fuori dei principali assi di comunicazione Parigi-Bordeaux e Parigi-Lyon. Tuttavia, ultimamente, la situazione è nettamente migliorata per quanto riguarda la rete stradale, grazie alla creazione dell’autostrada A20 che collega Parigi a Tolosa, e all’apertura della A89 che unisce Bordeaux a Clermont-Ferrand. La rete ferroviaria è tuttora in via di sviluppo: nel 2007 si è istallato un primo collegamento mediante TGV tra Brive e Lille, che assicura il raggiungimento di Limoges, di varie stazioni della regione del Centro, dell’Ille de France e dell’Aeroport Paris Charles-de-Gaulle. Uno degli aeroporti più comodi ed efficienti della regione è certamente quello di Limoges, che garantisce voli provenienti e diretti da varie località europee.

Una volta raggiunta questa terra nel cuore di Francia, se ne potranno assaporare le usanze e le tradizioni grazie agli innumerevoli eventi culturali previsti in ogni mese dell’anno e in tutte le principali città della regione. Tra i festival più noti si ricordano il Festival du Cinema di Brive, il Festival della danza e della musica di Felletin e gli Incontri Musicali di Nedde.
Foto France in Photos - architecture, landscape and travel pictures from France, cortesia: Olivier Ffrench
loading...
19 Gennaio 2017 Mauritius: escursioni tra le sue isole minori ...

Famosa lo è e a ragione. Tanti la chiamano "Le Isole Mauritius", ...

NOVITA' close