Cerca Hotel al miglior prezzo

Organizzare una vacanza in Messico: cosa vedere, cosa fare

Pagina 1/2

Deserto e foresta tropicale, spiagge bianche e montagne alte 6.000 metri, un mare e un oceano che si contrappongono, tutto questo è il Messico che per la sua bellezza e la gioia di vivere del suo popolo, è una delle mete turistiche più ambite e conosciute del mondo. Grazie alla sua vastità, ricordiamo infatti che la sua superfice è circa sette volte quella dell'italia, offre innumerevoli possibilità di viaggio in ambienti diversi e dal taglio culturale vario e dinamico.
Se si sceglie il nord, allora qui regna il deserto di Sonora, come nella penisola della Baja California, la bassa california una stretta lingua di terra con montagne alte fino a 2.000 m a picco sul mare, come quelle della Sierra de San Francisco. Una ottima strada la percorre fino a Cabo San Lucas uno dei posti più belli del mondo da dove assistere ad un tramonto. In inverno poi le acque del Pacifico si popolano di balene e proprio la bassa California diventa uno dei posti migliori per il whale-watching. Dall'altra parte del golfo è da non perdere la strada che congiunge Los Mochis con Chihuahua, ancora meglio se utilizziamo la vecchia ferrovia che attraverso canyons tra picchi di roccia torreggiante.

Scendendo lungo la costa pacifica si incontrano località di mare molto affascinanti, come Mazalan, Puerto Vallarta con spiagge bianchissime, la baia di Manzanillo e ovviamente la celeberrima Acapulco, in magnifica posizione con le rocce a strapiombo sul mare da dove danno spettacolo i coraggiosi tuffatori. Tuttavia la pesante urbanizzazione ha rovinato un paesaggio in origine sicuramente più affascinante. Da qui si può entrare nel cuore del Messico, e attraversare la Sierra Madre in direzione di Città del Messico e Guadalajara i due centri principali della nazione messicana.

Città del Messico ha un numero di abitanti imprecisato, tale è la sua vastità che in pratica ingloba le città a lei satellite. Stime ufficiali parlano di circa 20 milioni di abitanti che però superano i 40 milioni considerando le periferie estreme. È la città dello smog e del traffico, e aggiungete la carenza di ossigeno dei sui 2300 metri di quota per comprendere come camminare per le vie della capitale non sia poi impresa così facile! Tuttavia la città può offrire molto, con i suoi quartieri coloniali, i ruderi della civiltà Atzeca di Tzompantli e del Templo Mayor, e le basiliche di Guadaluoe e la Catedral Metropolitana.
Ad appena cinquanta km da Città del Messico si trova Teotihuacán, rovine della più grande città Atzeca. Qui si trovano i resti di grandi tempi, come quelli della Piramide del Sole e della Piramide della Luna, la Valle dei Morti e del Quetzal.

All'interno del paese svettano i vulcani della Sierra Madre che con le cime del Pico de Orizab, del Popocatépetl e del Iztaccìhautl superano ampiamente i 5.000 m di quota. Seguendo il percorso della Sierra si giunge in due località particolarmente affascinanti: Oaxaca, vivace città coloniale, e Palenque meraviglioso sito archeologico immerso nel verde rigoglioso della foresta tropicale. Qui i Maya circa millecinquecento anni fa costruirono imponenti palazzi e templi la maggior parte dei quali giace ancora sepolta dalla vegetazione. Le Piramidi circondate dalla foresta hanno, specie al mattino presto, un fascino incredibile.
Da Palenque in breve tempo si può raggiungere un altra regione ricca di fascino e belle spiagge: la penisola dello Yucatàn.

... Pagina 2/2 ... Cancun è divenuta sinonimo di Yucatan e negli ultimi anni ha avuto uno sviluppo frenetico, sicuramente eccessivo. Ma la penisola è ampia e consente di godere del mare dei Caraibi anche agli amanti della solitudine e del silenzio, e con la possibilità di vedere rovine Maya come a Xcaret, Mayapan e in moltissimi altri siti archeologici.
La costa che va da Tulum a Xel Ha è caratterizzata da spiagge bianchissime e offre opportunità per lo snorkeling e lo scuba diving, in un mare tra i più limpidi del pianeta.

Consigli utili al turista: come per tutti i paesi della fascia tropicale, si raccomanda di bere solo acqua imbottigliata e di non aggiungere ghiaccio alle bevande. Evitare la frutta già sbucciata e la verdura cruda che si vende per le strade.
Il Messico è un paese che guarda con simpatia il turista e lo considera il benvenuto. Le località turistiche in generale sono sicure e non vi sono particolari indicazioni da dare se non quelle di evitare di girare per strade troppo isolate, soprattutto nelle ore serali e notturne. Per ciò che concerne le grandi città (soprattutto Città del Messico) sarà sufficiente prestare attenzione agli effetti personali ed evitare di ostentare gioielli ed oggetti di valore.
Nei villaggi situati all'interno le credenze Maya sono molto radicate: tante sono le cerimonie, in bilico tra il sacro ed il profano, che potranno attirare la vostra attenzione, ma non sarà possibile scattare fotografie. Come narra un'antica leggenda, "le foto rubano l'anima".
I mezzi di trasporto pubblici, soprattutto quelli via terra, difficilmente sono dell'''ultima generazione".
Le stesse strade, al di fuori delle grandi arterie che collegano le città principali, possono essere sterrate e diventare impraticabili dopo una pioggia particolarmente violenta. Tutto questo potrebbe comportare ritardi durante i vostri spostamenti: non preoccupatevi, il paesaggio ripagherà abbondantemente eventuali piccoli imprevisti.

29 Luglio 2014 Speakeasy a New York: i locali segreti come ...

Se l’America è da sempre la terra delle opportunità, ...

NOVITA' close