Africa

Geografia e clima del continente africano

È il continente che racchiude in sé tutto il fascino del viaggiare, che spesso viene sintetizzato semplicemente come il mal d'Africa. Diviso in due dalla linea dell'Equatore l'Africa possiede tutto ciò che può essere meta di un viaggio: archeologia e storia antichissima, grandi metropoli e villaggi tribali, natura incontaminata, montagne e vulcani che superano i 6000 metri e depressioni sotto il livello del mare, aridi deserti e lussureggiante vegetazione equatoriale, caldi mari ricchi di barriere coralline e isole tropicali, e poi freddi oceani in cui vivono grandi squali e balene.

Africa vuol dire anche incontro di popoli: con una popolazione che supera il miliardo di anime, l'Africa è il secondo continente per abitanti, superato unicamente dall'Asia. La cosa non deve sorprendere, dato che questo territorio è stato la culla dell'uomo, le prime testimonianze di ominidi che si sono differenziati dai primati risalgono infatti alle regioni attraversate dalla Rift Valley, una profonda spaccatura ricca di risorse, quel Paradiso Terrestre dove è nata probabilmente l'avventura dell'uomo, che è poi è emigrato nel resto del pianeta.

Dal punto di vista geografico e geologico l'Africa è un continente antico, che non ha subito enormi sconvolgimenti negli ultimi milioni di anni, anche per queste ragioni il suo territorio ha una notevole importanza mineraria, con riserve di petrolio, ma anche minerali importanti come uranio e giacimenti di metalli preziosi e diamanti. E' una terra di record e grandi numeri, il suo fiume più importante il Nilo, lotta con il Rio delle Amazzoni per il titolo di corso d'acqua più lungo del pianeta, possiede laghi vasti come Il Lago Vittoria, il secondo specchio d'acqua del pianeta e tra l'altro omonimo delle Cascate Vittoria del fiume Zambesi, considerate le più belle del mondo. Africa significa anche giganteschi vulcani, così alti come il Kenya e Kilijmangiaro che consentono di avere dei ghiacciai anche all'equatore. In Africa troviamo il deserto più vasto del mondo, il Sahara che evoca solitudine e silenzio, ma che richiama tantissimi turisti che lo esplorano con tour in fuoristrada: il suo fascino è così estremo da far dimenticare dei rischi che si corrono a viaggiare in un area politicamente così poco stabile. Il Sahara cattura tutti per la sua varietà, fatta di montagne alte 3000 metri di campi di dune di sabbie alte come colline, di laghi salati ed oasi solitarie, di rocce colorate e ricche di testimonianze artistiche.

La parte archeologica è una componente fondamentale del turismo in Africa, al pari della ricchezza naturale del continente: la civiltà egizia ha costellato l'alta valle del Nilo di tesori dal valore inestimabile, come le Piramidi di Giza, ma tutto il nord Africa presenta siti ricchi di testimonianze artistiche di grandi civiltà, con numerose città romane dal Marocco fino alla Libia. Il centro sud del continente è invece un incredibile regione fatta per vivere un contatto pieno con il mondo naturale, se ci sono luoghi dove peter immaginare cosa fosse l'Eden biblico l'Africa è il posto adatto dove cercarli. Safari, nel senso letterale della parola Swahili, e cioè viaggi nella natura, e non per scopo venatorio, sono oggi una pratica che attrae milioni di turisti, specialmente in quella Rift Valley che ospita riserve traboccanti di specie selvagge specie in Kenya e Tanzania, ma anche nelle regioni del sud come Zambia, Botswana, Sudafrica e Namibia.

Anche questo trovarsi attraversata centralmente dall'Equatore permette all'Africa di essere una meta che offre destinazioni valide per ogni stagione, grazie alla sua estensione in latitudine. Durante il nostro inverno a sud ci troviamo in piena estate australe, e quindi il caldo regna sovrano in Sudafrica, Mozambico e Namibia. Ma anche in queste nazioni ci sono aree in cui l'altitudine, e la presenza di acque fredde oceaniche consente di mitigare gli effetti del solleone. Il periodo invernale nostro non impedisce poi di esplorare anche l'Africa Settentrionale, magari con qualche rara giornata di nuvole e piogge, ma tutto sommato con un clima gradevole, considerato il fatto che in estate il caldo sahariano diventa decisamente insopportabile. Il clima nelle zone equatoriali si mantiene invece decisamente posizionato sul caldo e condizioni umide, specialmente in quelle nazioni dove si estendono i migliaia di km² delle foreste pluviali. Qui l'unica vera attenzione da segnalare al turista sono i rischi sanitari, in certe aree del centro Africa è necessario attivare in anticipo una profilassi antimalarica, od altri vaccini per malattie tropicali. È forse l'unico neo di un viaggio in questo magnifico continente, l'unico capace di riempire il cuore di una nostalgia così insopportabile, da farvi prima o poi tornare per rivivere, quel cielo, quella luce, quei colori che non trovate in altro continente di questo pianeta Terra.

Condividi:

29 Ottobre 2014 10 parchi divertimento che apriranno prossimanente ...

Chi può dire cosa ci riserverà il futuro? Quali saranno ...

NOVITA' close