Cerca Hotel al miglior prezzo

Beaulieu sur Dordogne, visita alla cittÓ e alla Festa della Fragola

Basterebbe fidarsi del nome, musicale come una poesia, per capire che Beaulieu-sur-Dordogne è una cittadina francese di grande fascino, capace di regalare vacanze incantevoli e un po’ magiche, all’insegna del relax, della cultura e della natura. Fu l’arcivescovo di Bourges, nel lontano 855, ad ammirare la borgata e a battezzarla “beau lieu”, letteralmente “bel luogo”, a cui venne in seguito aggiunto “sur Dordogne” per sottolineare la posizione del villaggio affacciato al corso della Dordogne.

Incastonato nel cuore del dipartimento della Corrèze, nella regione del Limosino, il paese francese conta meno di 1300 abitanti ed è intriso di atmosfere familiari, pacate e accoglienti, che fanno assaporare i ritmi squisitamente lenti di un tempo. Il fiume Dordogne, scivolando placido tra il verde fresco della zona, gorgoglia con note dolci e argentine e riflette le belle architetture del borgo, abbracciate dai boschi e dai pascoli del Limosino.

La prima pietra ad essere posta sul sito dove sarebbe nata Beaulieu fu quella dell’antica abbazia benedettina, che oggi si presenta come una costruzione imponente, sorprendentemente maestosa per una comunità così poco numerosa. Nel passato erano innumerevoli i pellegrini che ogni giorno vi sostavano, diretti a Santiago di Compostela e bisognosi di un riparo, in cui ristorarsi e pregare. I documenti ci raccontano di come molte sculture presenti nella chiesa, che raffiguravano creature apocalittiche e misteriose, talvolta spaventavano i fedeli e alimentavano leggende pittoresche sull’abbazia. Altre statue interessanti rappresentano Gesù trionfante che combatte i mostri dell’inferno, ma l’emozione più forte è data forse dall’esterno della chiesa, un grandioso esempio di architettura romanica.

Continuando a passeggiare lungo il corso della Dordogne ci si imbatte nella Cappella dei Penitenti, che con fierezza si specchia sul fiume sin dal XII secolo e che oggi si presenta completamente rimessa a nuovo, adibita a Museo di Storia Locale. Da vedere la piazza del mercato, nel cuore di Beaulieu, agghindata dalle abitazioni medievali più suggestive del villaggio, realizzate in pietra e legno, e l’interessante mostra dedicata alla costruzione delle imbarcazioni fluviali caratteristiche, che dal Medioevo al XX secolo sono state utilizzate per la navigazione lungo il fiume.

Un altro edificio imponente, dall’eleganza nobile e maestosa, è lo splendido Chateau d’Estresse, un castello edificato tra il XIV e il XVI secolo e oggi riconosciuto monumento storico, da sempre investito di un importante ruolo di difesa della valle. In una meravigliosa posizione panoramica sulle sponde della Dordogne, il maniero ha più l’aspetto di una bella casa padronale ed è aperto alle visite turistiche.

Esplorare le vie del centro, alla scoperta dei monumenti storici più rappresentativi, non è però sufficiente per assaporare davvero lo spirito di Beaulieu: le testimoni più eloquenti, riguardo alle tradizioni locali e all’ospitalità degli abitanti, sono infatti le numerose manifestazioni che vengono organizzate nell’arco dell’anno, prima fra tutte l’attesissima Festa delle Fragole di inizio maggio (Fête de la Fraise).

La coloratissima e profumatissima fiera si svolge dal 1990, e ogni anno dà alla luce la crostata di fragole più grande del mondo, una visione celestiale per chi è goloso di questi frutti zuccherini. Un gruppo ben nutrito di fornai e pasticceri si arma di pazienza e prepara, con 800 chili di fragole, un dolce di ben 8 metri di diametro. Da non perdere, nella stessa giornata, il celebre mercato di fragole e la mostra dei prodotti enogastronomici locali.

A rendere le fragole più succose, ma specialmente a favorire la vita all’aria aperta per chi visita Beaulieu, ci pensa il clima piacevole e delicato della zona, caratterizzato da temperature sempre piuttosto miti. In gennaio, il mese più freddo, i valori medi passano da una minima di 2°C a una massima di 9°C, mentre in luglio e agosto si va dai 14°C ai 26°C. Unico neo le precipitazioni, abbastanza diffuse per tutto l’anno: il mese più colpito, con 17 giorni di maltempo, è dicembre, ma anche giugno e luglio, che sono i mesi meno piovosi, contano 11 giorni di pioggia ciascuno.

Per raggiungere Beaulieu-sur-Dordogne ci sono diverse possibilità. L’aeroporto più vicino è quello di Limoges, con collegamenti regolari verso il Regno Unito e altri importanti scali europei. Se si preferisce il treno si può contare sulla rete ferroviaria TGV, che collega Limoges ai centri più importanti della Francia.
  •  

 Pubblicato da - 05 Maggio 2010 - ę Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a CinecittÓ World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close