Cerca Hotel al miglior prezzo

L'isola di Santiago (Sao Tiago), il cuore africano di Capo Verde

Santiago, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Santiago è l'isola più vasta dell'arcipelago di Capo Verde e fa parte del gruppo meridionale di isole dette 'Ilhas do Sotavento', così chiamate in base alla posizione rispetto agli alisei. Questi venti costanti nord-orientali seguono la circolazione atmosferica della cella di Hadley, e investono prima le isole settentrionali chiamate 'Ilhas do Barlavento', per poi scivolare verso sud.

Quasi dimenticata dal flusso turistico negli anni passati, ora Santiago, grazie all'apertura dell'aeroporto internazionale, è divenuta popolare tra i turisti europei. Storicamente si reggeva sull'agricoltura - soprattutto coltivazioni di grano, zucchero di canna, caffé, banane e mango - sulla pesca e l'artigianato, ma ultimamente i visitatori hanno capito che sarebbe un peccato non godersi le coccole di quest'isola.

Il merito è anche della bellezza di Praia, la città più grande dell'isola nonché capitale di Capo Verde, e dei paesaggi circostanti che qui, grazie alle montagne dell'interno alte più di 1000 metri, hanno un fascino particolarmente magnetico. Praia è il capoluogo di Santiago (o São Tiago in portoghese) ed è una città vivace, popolata da oltre 100.000 abitanti. Il centro storico prende il nome di Plateau (Platô), dalla spianata rialzata che s'affaccia sulla baia, nelle imediate vicinanze del porto. Da non perdere la caratteristica Rua 5 de Julio, zona di mercato, e la vasta piazza Albuquerque, circondata da begli edifici di epoca coloniale. Poi ancora l'affollato mercato di Sucupira, la chiesa di Nossa Senhora da Graça, il palazzo di giustizia, il Museo Etnografico, la sede del parlamento e la fortezza di Bateira, che regala una splendida vista sull'oceano. Il quartiere di Achada de Santo António è quello dei bar e dei ristoranti.
A Praia si trovano anche delle belle spiagge, come Quebra Canela e Prainha, dislocate a occidente del Plateau; quella di Praia da Gamboa, meno indicata per nuotare, è sede di un festival musicale che si tiene una volta all'anno.

Il vero cuore di Santiago è però qualche chilometro a ovest di Praia: Ribeira Grande, detta anche Cidade Velha (città vecchia), fu il primo insediamento di Santiago e dell'intero arcipelago, nonché ex capitale dell'isola. Al momento della loro scoperta, a metà del '400, le isole erano disabitate, e proprio Ribeira Grande fu il primo esperimento di un mix afro-europeo che poi si sarebbe affermato nel tempo.
L'UNESCO l'ha inserita nel luglio del 2009 tra i beni Patrimonio Culturale dell'Umanità, grazie all'originalità delle sue tradizioni e al valore dei suoi monumenti e del suo impianto urbanistico. La città è dominata da un'imponente fortezza, la Fortaleza Real de São Felipe, memoria dei governatori portoghesi, ma bastano le semplici case ad incantare, come quelle lungo Rua Banana.
Il Pelourinho è l'obelisco presso il quale venivano esposti gli schiavi, a testimonianza che Ribeira, ai tempi del colonialismo, era un centro importante di quel mercato disumano.
Nella parte settentironale di Rua Banana vi imbatterete nella splendida chiesa di Nossa Senhora do Rosário, la più antica chiesa coloniale del mondo, costruita a partire dal 1495. Vanta un pregevole battistero con fonte battesimale in alabastro, decorato con motivi floreali e azulejos (piastrelle in ceramica smaltate).
Da vedere anche il convento di São Francisco, a nord del centro città, e l'antica cattedrale in riva al mare, realizzata tra il 1555 e il 1693 in stile Mudéjar.

A nord di Santiago programmate una gita di una giornata alla baia di Tarrafal, una conca intima e raccolta, agghindata dalle palme e schermata dai venti, ideale per lunghe nuotate rigeneranti. C'è un piccolo porto peschereccio, con un allegro via vai di barche, e una volta a settimana c'è il mercato nella piazza principale, dominata da una graziosa chiesa barocca.

Altre escursioni da non perdere a Santiago sono quelle alla spiaggia di Praia Baixo, sulla costa sud-orientale dell'isola, e alla Baia di S.Francisco, forse ancor più spettacolare, più a sud della precedente e raggiungibile mediante una strada un po' scoscesa.
Nell'entroterra andate a Aguas Verdes, un'oasi verde con imponenti alberi di baobab.

Come arrivare
A 3 km dal capoluogo sorge l'aeroporto internazionale di Praia, aperto nel 2005, che garantisce qualche volo verso destinazioni europee come Lisbona, Amsterdam e Parigi. Attualmente non ci sono voli diretti da scali italiani.
Praia è collegata da voli interni anche alle altre isole di Capo Verde: Sal, São Vicente, Boa Vista, Fogo e l'Ilha do Maio.
Santiago è infine raggiungibile via mare dalle altre isole capoverdiane: per informazioni dettagliate sui collegamenti marittimi conviene verificare sul posto gli orari e le rotte dei traghetti.



  •  

 Pubblicato da - 05 Gennaio 2017 - Riproduzione vietata

News più lette

12 Dicembre 2017 La mostra di Frida Kahlo a Milano, Museo ...

La passione, l’arte, la femminilità, il profondo amore per ...

NOVITA' close