Cerca Hotel al miglior prezzo

Viaggi in Croazia: clima, temperature e quando visitarla

Pagina 1/2

La Croazia si può dividere in quattro aree geografiche principali. La zona centrale, collinare, con piccole montagne e numerosi laghi; la Slavonia, formata dalle grandi pianure della Podravina e della Posavina che circondano i massicci del Papuk e del Psunj; l'interno, separato dalla costa adriatica da piccole catene (Valebit) attraversate dai bacini carsici; e infine la fascia costiera coi famosi litorali dell'Istria, del Quarnaro e della Dalmazia. Circa 1778 km di coste, che arrivano a 5800 se si tiene conto anche delle isole. Le isole e le isolette croate sono infatti ben 1185, di cui solo 67 abitate. Le maggiori sono Krk (Veglia), Cres (Cherso) e Brac.

In Croazia si distinguono due principali zone climatiche. Nell'entroterra e nella parte montuosa il clima è continentale: estati calde e secche, inverni rigidi e nevosi, un'elevata escursione termica annua e tanti temporali estivi, soprattutto a nord lungo il confine con la Slovenia. In autunno e inverno non mancano le giornate di nebbia. I valori medi di gennaio oscillano tra 0 e 2°C, e quelli di agosto tra 19 e 23°C.
Sulla costa adriatica il clima è invece mediterraneo: tanto sole, temperature gradevoli (anche l'acqua del mare non scende al di sotto dei 20°C) e precipitazioni più scarse, concentrate in autunno e primavera. Qui i valori medi di gennaio variano tra i 6 e gli 11°C, e quelli di agosto tra i 21 e i 27°C. In genere non ci sono picchi di caldo eclatanti, ma qualche volta l'anticiclone nordafricano porta ondate di calore e temperature massime superiori ai 35-40°C... mentre le perturbazioni fredde provenienti da nord-ovest, specie dopo un periodo caldo e afoso, possono originare forti temporali estivi con grandine e trombe marine... condizioni comunque estreme, che si verificano raramente!
L'estate resta la stagione classica per una vacanza in Croazia, soprattutto nella zona costiera mediterranea.

A disturbare la vostra vacanza potrebbe arrivare la bora, vento tipico della zona che viene da nord e soffia con particolare intensità verso l'alto e medio Adriatico. Supera spesso i 100 km/h, sfiorando talvolta i 140 km/h. La bora in Croazia è frequente in inverno, quando soffia anche per 5 o 6 giorni, ma può presentarsi anche in primavera e autunno per periodi più brevi. In estate è associata spesso ai temporali, con burrasche brevi ma anche molto violente. Le raffiche, dette "refoli", agitano il mare al largo e lungo la costa, dando filo da torcere a chi naviga. A seconda delle condizioni meteo è detta "bora chiara", quando il cielo è sereno, oppure "bora scura", con cielo coperto o molto nuvoloso e precipitazioni.

Ecco le caratteristiche climatiche principali di alcune località rappresentative:

Zagabria: area interna continentale, 157 m s.l.m.
Temperature massime medie: dai 3,1°C di gennaio ai 26,7°C di luglio.
Temperature minime medie: dai -4°C di gennaio ai 14,2°C di luglio.
Durante i rigidi inverni continentali i valori medi possono scendere al di sotto dei -20°C (record storico -30,5°C nel febbraio 1929), e nelle estati più torride arrivano talora ai 40°C (record 40,4°C).
Precipitazioni medie annue: 856,0 mm, con massimi in giugno (99 mm distribuiti in 14 gg) e agosto (91 mm in 10 gg). Mesi invernali più secchi: febbraio (42 mm in 10 gg), gennaio (49 mm, in 11 gg) e marzo (51 mm in 11 gg). Temporali estivi frequenti, come in tutta la zona continentale.

Spalato: vicino alla costa, 122 m s.l.m.
Temperature massime medie: dai 10,2°C di gennaio ai 29,8°C di luglio.
Temperature minime medie: dai 5,3°C di gennaio ai 21,6°C di luglio.
I valori minimi invernali possono scendere fino a -10°C (record storico -9,4°C), e nelle estati più calde si sfiorano talora i 40°C (record 38,6°C).
... Pagina 2/2 ... Precipitazioni medie annue: 806 mm, con massimi in novembre (112 mm in 12 gg) e dicembre (105 mm in 13 gg). Mesi estivi più secchi: luglio (28 mm in 5 gg), agosto (43 mm in 5 gg), giugno (51 mm in 9 gg). L'andamento delle precipitazioni costiero è molto diverso rispetto all’area continentale, con massimi e minimi stagionali praticamente invertiti.

Dubrovnic (Ragusa): costa meridionale, 0 m s.l.m.
Temperature massime medie: dai 12,2°C di gennaio ai 28,7°C di agosto.
Temperature minime medie: dai 6,4°C di febbraio ai 21,7°C di luglio.
I valori minimi in inverno possono scendere al di sotto di -5°C (record storico -7,2°C) e in estate hanno sfiorato talora i 40°C (record 39,4°C).
Precipitazioni medie annue: 1036 mm, con massimi in novembre (142 mm in 11 gg) e dicembre (125 mm in 13 gg). Mesi estivi più secchi: luglio (24 mm in 4 gg), giugno (49 mm in 6 gg) e agosto (59 mm in 5 gg).

Rijeka (Fiume): costa settentrionale, 0 m s.l.m.
Temperature massime medie: dagli 8,7°C di gennaio ai 27,7°C di luglio.
Temperature minime medie: dai 2,7°C di gennaio ai 18,7°C di luglio.
I valori minimi invernali possono scendere al di sotto di -10°C (record storico -12,8°C) e nelle estati più calde si sono toccati i 40°C (record 40.1°C).
Precipitazioni medie annue: 1538 mm, con massimi in novembre (183 mm in 12 gg) e ottobre (175 mm in 11 gg). Mesi più secchi: luglio (82 mm in 9 gg), agosto (100 mm in 9 gg) e maggio (102 mm in 12 gg). Giocano un ruolo fondamentale la latitudine più elevata e la vicinanza alle montagne, che favoriscono le precipitazioni autunnali. Anche l'estate, seppur meno piovosa, non si può certo definire asciutta, con temporali piuttosto frequenti.

Allora, cosa mettere in valigia?

Il clima estivo della Croazia suggerisce un abbigliamento leggero, cappellini, felpe per la sera o in caso di maltempo, scarpe comode, creme solari e occhiali da sole. Se optate per la stagione più fresca aggiungete pantaloni lunghi e un maglione, giacche a vento e qualche capo pesante, soprattutto nelle zone interne o montuose.
In estate, soprattutto lungo la costa, non dimenticate gli spray repellenti antizanzare e tenete l'impermeabile a portata di mano.
Le spiagge di sabbia in Croazia sono pochissime: sono rocciose verso i promontori, con parti di ciottoli e ghiaia nelle baie. Le scarpe di gomma possono facilitare l'accesso in acqua e proteggere da spiacevoli incontri coi ricci marini!

 Pubblicato da - 31 Ottobre 2013 - © Riproduzione vietata

27 Novembre 2014 The Bounceway: arriva a Londra il pił lungo ...

In un prossimo futuro le strade della capitale britannica ricorderanno ...

NOVITA' close