Cerca Hotel al miglior prezzo

Dalmazia (Croazia): cosa vedere tra spiagge, isole e luoghi di interesse

Dalmazia, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La costa croata è occupata da nord a sud dalla Dalmazia, considerata una delle regioni più belle del paese dal punto di vista storico-artistico e paesaggistico. Estesa da Zaton, a nord di Zara, fino alla meridionale Cavtat, a sud-est di Dubrovnik, è famosa per il litorale variegato, ricco di isole e isolotti, ampie spiagge o calette nascoste, baie incastonate tra le montagne e soprattutto per un mare cristallino dalle mutevoli sfumature turchesi. Quasi ovunque è un sottile nastro di terra, un corridoio stretto tra le montagne balcaniche e l'Adriatico, ma nella zona centrale si allunga verso l'entroterra per una cinquantina di chilometri raggiungendo Zagora e le Alpi Dinariche.

Molte isole dell'Adriatico orientale appartengono alla Dalmazia. E' il caso di Pag (Pago), lunga e stretta, brulla sul fianco orientale e verde a ovest, ma anche dell'isola di Ugliano, di Pasmano, delle Isole Kornati (Incoronate), di Brac (Brazza), Lesina (Otok Hvar) detta "Isola Lunga", Korcula (Curzola), Vis (Lissa), Lagosta, una delle più remote e incontaminate, e infine Mljet (Meleda), la cui porzione occidentale è occupata dal 1960 da un bel Parco Nazionale. Ma anche la Dalmazia continentale nasconde paesaggi incantevoli e particolarissimi: il terreno calcareo ha favorito frequenti fenomeni carsici, e non mancano grotte, doline, spaccature nella roccia dalle forme bizzarre e veri e propri fiumi sotterranei. La grotta più interessante è forse quella di Vranjača, accanto al villaggio di Clotenizze, scoperta nel 1903 e aperta al pubblico nel 1929, formata da due grandi ambienti collegati tra loro da un percorso sotterraneo.

Ma l'arte e la storia non sono da meno, in una regione che ha conosciuto tanti popoli come la Dalmazia. Dalle sontuose città agli umili villaggi di pescatori, ogni insediamento è impregnato di storie che parlano di navigatori greci, conquistatori romani, signori veneziani e altri avventurieri. Alcune città, come Zara (Zadar) e Sebenico (Sibenik), sono veri e propri musei all'aria aperta, piene di monumenti e palazzi di valore. Più a sud si scoprono Zaravecchia (Biograd) e la caratteristica Primosten, una penisola nata come isola, successivamente collegata alla terraferma con un ponte.

Da non perdere Traù (Trogir), la perla veneziana, dove tra l’altro è stato ritrovato un bassorilievo ellenico del IV secolo a.C. che rappresenta il dio greco Kairos, e Spalato (Split), che conserva tesori di inestimabile valore come il Palazzo di Diocleziano, iscritto nella lista dei beni protetti dall' UNESCO. Tra i siti Patrimonio dell'Umanità della Croazia c'è anche la città di Ragusa (Dubrovnik), soprannominata "la Perla dell' Adriatico", con le sue poderose mura, il prezioso centro storico e la lunga tradizione marinaresca.

Info utili: quando andare e come arrivare in Dalmazia

La Dalmazia gode di un clima mediterraneo piacevolissimo, con inverni miti e estati lunghe, calde e piene di sole. A riparare la regione dai venti freddi provenienti dai Balcani ci pensano le catene montuose che la separano dall'entroterra. Inutile dire che i mesi estivi sono i migliori per una vacanza all'insegna del mare e della vita all'aria aperta: le massime estive si aggirano sui 25-28°C e piove raramente. Ma anche l'inverno può riservare delle belle sorprese: le temperature, più basse ma non troppo rigide, consentono di visitare le città e conoscerle nella versione più autentica, quando i turisti scarseggiano... e starsene da qualche parte al calduccio, in un locale o in un ristorante, è un'ottima occasione per scoprire la cucina e l'ospitalità dalmate.

Dall'Italia si può raggiungere comodamente la Dalmazia in auto o in traghetto, a seconda del punto di partenza e della destinazione. Zara si trova a 4 ore di macchina da Trieste, ma è raggiungibile anche mediante i traghetti della linea Ancona-Zara. Spalato è raggiungibile da Trieste in macchina in 5 ore circa, oppure in traghetto da Ancona, Bari o Pescara. Infine Dubrovnik può essere raggiunta in auto dopo essere sbarcati a Spalato, proseguendo lungo la costa verso sud, oppure in traghetto da Bari.

  •  
close