Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Korcula

Korcula (Curzola): il gioiello dell'Adriatico nel mare della Croazia

Pagina 1/2

L'isola di Korcula (Curzola), è senza dubbio una delle isole più belle e più interessanti della Dalmazia e del Mediterraneo. Piuttosto ampia - circa 275 chilometri quadrati - Korcula è separata dalla costa da uno stretto braccio di mare che per soli 1,2 km la divide dalla penisola di Peljesac, ed è l’isola principale di un arcipelago che nel complesso conta una cinquantina di piccole isole. Circondata dal blu carico dell’Adriatico, è ricca di macchia mediterranea ma non mancano i boschi e i prati che la rendono mutevole e ricca di contrasti.

Contrasti e avventure caratterizzano anche la sua storia, che per millenni ha visto succedersi a Korcula diverse popolazioni: greci, illiri, romani, genti balcaniche e soprattutto i veneziani hanno lasciato la propria impronta sul territorio, i villaggi e la cultura isolana. Il ricordo veneziano è forte non solo per gli splendidi monumenti, ma anche per alcune tradizioni, prima fra tutte la Moreska, un ballo in armi dalla dinamica spettacolare: simula una lotta tra due re e i loro fedeli che si contendono le amorevoli attenzioni di una bella ragazza, in una gloria di costumi e coinvolgenti musiche rinascimentali. Lo spettacolo si tiene ogni anno il 27 luglio e tutta la città partecipa attivamente a questo evento che richiama numerosi turisti.

I centri urbani più importanti dell’isola sono Korcula, Lombarda e Vela Luka.
Arrivando dalla costa Dalmata, risalendo la penisola di Peljesac, il traghetto più rapido parte da Orebic e in pochi minuti si arriva a Korcula centro. Il borgo storico di Korcula è uno dei più suggestivi dell’Adriatico: la magnifica porta di accesso al centro (Veliki Revelin), le antiche mura che incorniciano le strette viuzze, i palazzi medievali, la Cattedrale di San Marco in perfetto stile veneziano, gli scorci magnifici che si aprono sul mare rendono indimenticabile la visita. Per gli amanti dei viaggi è d’obbligo fare tappa alla casa natale di Marco Polo: sulla sua autenticità permangono molte incertezze, ma è comunque un doveroso omaggio al precursore dei viaggi d’esplorazione e scoperta del mondo.

Da Korcula centro, in meno di un quarto d'ora, si possono raggiungere Lumbarda e le sue spiagge, che si trovano circa 5 km a sud-est, sulla punta orientale dell'Isola. Oggi è un villaggio piuttosto piccolo, amato per le sue spiagge e perché è il punto di partenza ideale per diverse escursioni, ma in passato era la destinazione di villeggiatura preferita dai vescovi e dai nobili di Korcula.

In alternativa, da Korcula centro, potete muovervi lungo la strada principale che corre al centro dell'isola e collega i centri di Zrnovo, Pupnat, Cara, Smokvica e Blato, fino a sfociare nella magnifica baia di Vela Luka. Vela Luka, sul lato più occidentale di Korkula, è il secondo centro abitato dell'isola per numero di abitanti. A pochi chilometri dalla cittadina ci sono tracce di antichi insediamenti nella caverna di Vela Spila, mentre alcuni resti archeologici ritrovati al suo interno sono stati portati al Centro Culturale di Vela Luka, dove potrete farvi un'idea della storia locale. Da non perdere, nello stesso edificio, anche la collezione numismatica.
Nella stagione estiva Vela Luka si anima grazie alla Regata di San Giovanni del 24 giugno e al Vela Luka Festival di luglio e agosto, con i suoi concerti, le sue mostre e i suoi intrattenimenti di vario genere.

Strade secondarie consentono di raggiungere i villaggi costieri sia lungo la costa nord, come Zrnovska Banja e Racisce, o sulla costa sud, come Prizha, Brna, Zavaltica e Pupnatska Luka, famosa per il suo mare cristallino.

Ma Korcula attrae soprattutto per la sua natura incontaminata, il mare limpido come cristallo, le spiagge vergini e le insenature isolate... è un vero paradiso per gli amanti della barca a vela, grazie ai giochi di correnti che si creano tutt’intorno all’isola. Altre attività da provare sono il windsurf e lo snorkeling, ma la trasparenza delle acque è invitante anche per le immersioni subacquee in profondità. Nell’entroterra trekking e passeggiate sono consigliatissimi a chi abbia voglia di scoprire le grotte e le numerose cavità carsiche.
... Pagina 2/2 ...
Ci sono spiagge per tutti i gusti. Per le famiglie il luogo migliore per un bel bagno si torva nei pressi del centro storico: è la spiaggia di Luka Korculanska, costituita in prevalenza da sabbia e accarezzata da acque limpidissime che hanno il vantaggio, per i più piccoli, di diventare profonde gradualmente. Altre spigge molto apprezzate si trovano nei pressi di Lumbarda, ma il vero gioiello è il magnifico arenile di Pupnatska Luka, abbastanza nascosto, incastonato in una baia che si insinua nel cuore della costa meridionale. Sabbie frammiste a ciottoli, ma soprattutto un mare da favola, accogliono i turisti in questa specie di picolo fiordo. Nella zona di Vela Luka non perdetevi una visita della baia di Gradina, un golfo circolare dalle acque poco profonde e tonalità piuttosto chiare, che variano dal verde al turchese, particolarmente nelle nella luce del mattino. In zona si trovano tante altre spiagge con fondale di ciottoli.

Quando viene sera - dopo tanto esplorare e nuotare - probabilmente avrete voglia di una bella cenetta. La cucina di Korcula e della Croazia fanno al caso vostro, con le loro ricette semplici ma gustose che utilizzano i prodotti della terra e del mare. Sull'isola si producono un buon olio d'oliva, condimento principe di ogni piatto mediterraneo, vino e una buona grappa profumata con anice, petali di rosa e altri odori. La carne d'agnello, di capretto e di pecora fanno parte di tanti piatti, ma in genere si preferisce il pesce, fritto, alla brace o in brodetto con le verdure. Ovviamente, visto che non mancano i pascoli, non mancano neppure gli ottimi formaggi da abbinare a un po' di miele.
Dulcis in fundo i dessert, ad esempio le prikle (frittelle di pasta con mandorle e uvetta) e la sirnica (il pane dolce di Pasqua).

Informazioni utili: quando andare e come arrivare sull'isola di Korcula

La stagione migliore per visitare Korcula è ovviamente l'estate, quando potrete godere al meglio del sole, del mare, delle spiagge e della vita all'aria aperta. Se decidete di partire tra la fine di luglio e le prime tre settimane di agosto ricordatevi di prenotare con largo anticipo: la ricettività alberghiera è buona ma i centri abitati non sono enormi, e in altissima stagione si rischia di non trovare alloggi disponibili.
Il clima di Korcula è mite e tipicamente mediterraneo. Non mancano le piogge, come testimonia la ricca vegetazione, ma sono concentrate soprattutto in autunno e in inverno, con valori superiori anche ai 130 mm mensili. In estate le precipitazioni sono ridotte a sporadici temporali. Da giugno a settembre le temperature massime si mantengono al di sopra dei 26°C, con punte di 30-32°C tra fine luglio e metà agosto, quando il mare raggiunge gradevoli valori di 24-26°C. D'inverno non fa mai troppo freddo, anche perché i venti freddi balcanici vengono ostacolati dalle montagne della Penisola di Peljesac. Le massime anche a gennaio raggiungono in genere i 10-12°C e le minime raramente si avvicinano a 0°C.

Per raggiungere l'Isola di Korcula si può contare su numerosi collegamenti via mare con la terraferma. Più volte al giorno un traghetto la collega alla cittadina di Orebic, sulla penisola di Peljesac (Sabbioncello), ma ci sono anche alcune motonavi che fanno la spola tra Korcula e Orebic, Kuciste e Viganj. Traghetti espresso collegano Korcula alle principali città della costa dalmata, Ragusa e Spalato, a Lesina e a Fiume. Infine c'è un servizio giornaliero di traghetti tra Vela Luka, Spalato e Lastovo/Lagosta e viceversa.
Una volta approdati sull'isola ci si può servire degli autobus, che più volte al giorno collegano tra loro i villaggi principali.
loading...
close