Cerca Hotel al miglior prezzo

Dove e in che periodo vedere l'aurora boreale

Le aurore boreali provengono direttamente dal sole: dopo che il plasma solare viene rilasciato in forti esplosioni sulla superficie della nostra stella, le particelle cariche si muovono nello spazio, ed alcune possono venire in direzione della Terra. Se succede, le particelle finiscono contro il campo magnetico della Terra e si infilano lungo le linee di campo dei poli magnetici sud e nord. Queste particelle allora possono interagire con le zone alte dell'atmosfera, innescando fenomeni di ionizzazione simili a quelli che accadono dentro ad una luce al neon. Le linee del campo magnetico che toccano l'atmosfera terrestre disegnano perciò un anello luminoso a circa 100-400 km di altezza. Questo toroide di luce è visibile dalla superficie della Terra come un sfarfallio, fatto di luci colorate in movimento.

La maggior parte dei focolai di aurora boreale sono di solito di colore verde, però ogni tanto si possono vedere sfumature di rosa o bianco intorno ai bordi. Più raramente si vedono le luci di tonalità viola al centro dell'anello. L'aurora boreale può avere talvolta tinte blu-verdi ed in altre occasioni dei colori tipo oro, che sarà però più vicino ad una miscela tra verde e giallo. Le luci del nord di colore rosso, sono invece abbastanza rare, specie alle latitudini settentrionali. Tuttavia, possono verificarsi quando l'aurora boreale si forma ad altezze inferiori o superiori rispetto alle quote normali. Le Aurore boreali rosse sono quelle visibili anche dal centro-nord dell'Italia, anche se da noi il fenomeno è molto raro e le occasioni di vedere queste luci nella notte in un secolo, con il cielo sereno, si contano appena sulle dita di una mano.

Quali sono le probabilità di vedere l'aurora boreale?

Detto che da noi si tratta di eventi imprevedibili e rarissimi, anche nel nord Europa, nord America ed Asia l'aurora boreale è collegata alla quantità di venti solari emessi dal sole, quindi è difficile prevedere come e quando si verificherà. Un'aurora debole è piuttosto facile da vedere, e in ogni cosa risulterà spettacolare dal punto di fista fotografico, le aurore più intense e spettacolari dipendono dall'attività solare, e sono frequenti nei periodi di massimo solare, ma anche i minimi, per la presenza di buchi coronali, possono regalare belle soprese a chi si reca alle alte latitudini!

L'aurora boreale è comunque tra le cose più belle che si possa immaginare di vedere. Tra duri paesaggi invernali, vecchie montagne, ghiacci, mare in tempesta e sopratutto tanto buio, le aurore boreali sono un qualcosa di celeste, e giocoso, che danza elegantemente nel cielo con un innaturale colore verde brillante che sfida ogni descrizione. Se poi l'aurora è intensa, il cielo vibra letteralmente, disegnando figure mutevoli e drammatiche: per il popolo Sami, delle terre lapponi, l'aurora boreale era una divinità e tale era il timore che queste luci misteriose suscitavano che avevano paura di essere rapiti da queste luci. Oggi sappiamo cosa sono, ma il fascino di vedere un aurora è rimasto quello di un tempo..

Dove si può vedere l'aurora boreale?

La zona delle Luci del Nord è un cerchio attorno al Polo Nord Magnetico. Quindi Alaska, Canada, Groenlandia, Islanda, Norvegia, Svezia Finlandia e Russia sono le nazioni migliori in cui si può ammirare, con una certa continuità, il fenomeno. Sicuramente Canada e Groenlandia sono quelle migliori, ma i costi di viaggio sono impegnativi. Per noi Italiani la Norvegia, Svezia e Finalndia sono le mete più accessibili, seguite a ruota dall'Islanda, ma è soprattutto la Norvegia, zona di Tromso e Lofoten, a dare le migliori occasioni per vedere questo grande spettacolo celeste, spendendo una cifra abbordabile: leggi il nostro articolo sulla aurora boreale low cost.

Quando le tempeste solari sono al loro più intenso massimo, l'aurora boreale è però anche visibile in Europa centrale e negli Stati Uniti. Tuttavia, ma queste evenienze sono rare e sono pochissime le persone che vivono in queste aree ad aver mai visto l'aurora boreale. E quando succedeva, nel passato, le aurore erano viste come avvertimenti di disastri o di altre calamità come le epidemie.
Come possibilità di vedere l'aurora ci sarebbero anche le Luci del Sud o l'aurora australe che sono l'opposto identico dell'aurora boreale e sono visibili e in una zona nell'emisfero australe che circonda il polo sud magnetico. Tuttavia queste sono aree estremamente inaccessibile dell'Antartide e dell'Oceano Antartico. Tuttavia, le luci del Sud sono a volte sono visibili anche in Nuova Zelanda (Isola del Sud) e nello stato australiano della Tasmania.

Quando vederla?

Nell'emisfero nord, alle alte latitudini, il perido di visibilità va dall'ultima settimana di agosto fino a metà aprile, poi il cielo diventa troppo chiaro e luminoso, non facendo mai buoi di notte. Infatti per vedere l'aurora si deve salire a latitudini intorno al Circo Polare artico, od oltre. L'aurora culmina di solito intorno alla mezzanotte, ma se c'è buona attività si vede da metà pomeriggio fino alle 2-3 di notte nei due mesi centrali dell'inverno, e cioè dicembre e gennaio.

Come fotografarla?

E' necessario un cavalletto, e avere possibilità di fare pose di almeno 15 secondi. L'ideale è una reflex, ma anche una buona compattina riesce a dare il meglio di se. Importante: sensibilità medio-alta, ideale 800 -1600 ISO e diaframma aperto! In caso di macchine reflex questi sono i migliori obiettivi grandangolari low cost (e luminosi) per fotografare una aurora boreale: Tokina 11-16 e Samyang 14 mm. Anche i video possono risultare spettacolari, come anche fare serie di foto consecutive, senza spostare la camera, e costruire poi dei filmati time-lapse.
  •  

 Pubblicato da il 26/11/2016 - 30.494 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close