Cerca Hotel al miglior prezzo

I luoghi migliori dove vedere l'aurora boreale con il massimo solare

Pagina 1/2

Vedere l'aurora boreale è uno dei must di ogni viaggiatore che si rispetti. Sia per lo spettacolo in sé, caratterizzato da una danza surreale di luci colorate, che accedono di poesia le gelide notti invernali, sia per il luoghi in cui il fenomeno si manifesta più di frequentemente, tutti ad elevate latitudini e ciascuno che ha qualcosa da raccontare nella storia delle esplorazioni e dei viaggi d'avventura. In questi tre anni, tra il 2013, 2014 e 2015 ci sarà un bonus aggiuntivo: il sole si troverà nel suo massimo di attività (massimo solare), e quindi vedere l'aurora boreale diventerà quasi un gioco da ragazzi, una volta giunti nei luoghi giusti. Le cosiddette “luci del nord”, infatti, si creano per l'interazione tra particelle solari e atmosfera terrestre, che avviene ad alta quota nelle regioni vicine ai poli magnetici della terra. Maggiore è l'attività solare, più di frequente si vedrà allora il fenomeno dell'aurora.

I poli magnetici (diversi da quelli geografici) sono due, quello sud, in Antartide e quindi in posizione decisamente scomoda per organizzare un viaggio durante l'inverno australe (la nostra estate), e quello nord che si trova attualmente nel Canada nord-orientale, ed intorno al quale si godono le aurore d'inverno. Saranno queste le regioni del nostro obiettivo dei prossimi inverni, ma a dire il vero già da inizio settembre le latitudini settentrionali presentano il fenomeno che potrà essere osservato fino all'inizio di aprile. Come ultimo consiglio ricordiamo che le luci del nord richiedono cieli bui e tersi: bisogna quindi uscire dalle città, e preferibilmente osservare nelle notti senza Luna. Come regola generale, dato che le aurore, in genere, raggiungono il massimo intorno alla mezzanotte, le notti migliori sono quelle comprese tra 3-4 giorni prima della luna nuova, fino al primo quarto.
Ecco quindi, in ordine ci comodità di viaggio, i luoghi migliori dove potere vedere l'affascinate spettacolo dell'aurora boreale, che la redazione augura a tutti di vedere, almeno una volta nella vita.

1 - Norvegia: facile da raggiungere ma meteo a rischio
Perché andare in Norvegia? Innanzitutto per i costi: Oslo è collegata con i voli low cost dall'Italia, ed anche se poi ci si deve spostare ancora più a nord, a latitudini maggiori di 65° i voli interni hanno prezzi accessibili. Tra le destinazioni migliori abbiamo sicuramente la città di Tromsø, ora anche disponibile con low cost direttamente dall'italia, che a gennaio pullula di attività legate all'Aurora Boreale, come il famoso festival. La sua posizione al di sopra del Circolo Polare Artico, e all'interno dell'ovale dell'aurora, lo rende uno dei posti migliori per visualizzare le scintillanti luci verdi. Affacciandosi sul mare il suo punto debole può essere il clima, spesso nuvoloso, ma ci può spingere all'interno per cercare qualche vallata dal clima più secco. Chi ha soldi da spendere può anche tentare una crociera con una nave Hurtigruten che fornisce anche un servizio di sveglia quando di notte comincia lo spettacolo celeste. Altri luoghi ottimi per le Aurore sono le Isole Lofoten, il Finnmark e la città di Alta e ovviamente le remote isole Svalbard.

2 - Svezia: il magico cielo della Lapponia
Uno dei motivi per scegliere la Svezia potrebbe essere il clima: la zona intorno ad Abisko, nella Lapponia svedese, è un punto di osservazione ideale a causa di un microclima unico. Vicino al Parco Nazionale di Abisko, la buia notte invernale è perfetta per guardare il cielo, e questo succede per la presenza del lago di Torneträsk, lungo 70km: si crea il cosiddetto "buco blu di Abisko", una area di cielo che tende a rimanere più libera dalle nubi rispetto alle altre zone vicine, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche prevalenti. Sembra quindi un luogo perfetto per ammirare le Aurore, anche se si trova più a sud rispetto a Tromso.

3- Finlandia: l'aurora nella terra dei laghi
Restando in Lapponia, anche la Finlandia offre luoghi ideali per vedere le luci danzanti, ma a lei tocca il gradino più basso del podio per i costi superiori di viaggio. Ci sono comunque dei luoghi interessanti: a Luosto, per esempio, potreste alloggiare all'hotel Aurora Chalet, dove vi viene consegnato un "Allarme Aurora", un dispositivo che emette un segnale acustico quando compaiono in cielo le luci del nord, e nella vicina città di Sodanklya, gli hotel sono tenuti informati sull'evoluzione del fenomeno dal vicino centro di ricerca. Le Aurore in Finlandia, trovandosi più ad est spesso hanno colorazioni rossastre, oltre al classico colore verde smeraldo. Inoltre per chi cerca foto indimenticabili, consigliamo la zona di Nellin, con il grande lago di Inari su cui si riflettono le luci in modo spettacolare. Ricordatevi però che da metà novembre il lago sarà ghiacciato.

4 - Islanda: dove l'Aurora incontra i vulcani
L'Islanda è un luogo perfetto per vedere l'Aurora perchè si trova più vicino al polo nord magnetico rispetto all'Europa settentrionale, però il viaggio costa di più, e spesso l'inverno è caratterizzato da periodi anche lunghi di maltempo. Però gli aspri scenari islandesi, uniti alla danza delle luci in cielo, diventano un mix da pura adrenalina! Per vedere l'aurora al meglio poi basta poco: vicino alla capitale Reykjavik si trovano le vaste pianure del Þingvellir National Park, un sito patrimonio dell'UNESCO, dove le placche tettoniche del Nord America e dell'Eurasia si incontrano per formare una fossa tettonica. Ma tutta l'Islanda è perfetta per vedere le aurore, ed in genere le temperature non sono così gelide come in Lapponia, grazie all'influsso dell'Oceano Atlantico.

5 - Alaska: l'eccellenza per vedere l'Aurora Boreale
Se non fosse per i costi esorbitanti, soprattutto per i voli, chi va in Alaska ha quasi la certezza matematica di vedere lo spettacolo dell'Aurora, ed in più con scenari mozzafiato. Anche qui il meteo può presentare dei rischi, ma trovarsi nel Parco Nazionale di Denali, con il monte Mc Kinley circondato da una danza di ludi colorate è una emozione che non ha pari a nessun altra. Comunque anche fermandosi nella zona di Anchorage, o nei territori dello Yukon, nelle aree della mitica “febbre dell'oro” si trovano luoghi perfetti per ammirare il fenomeno celeste.
... Pagina 2/2 ...
6 - Canada: la vera patria delle aurore
Come vi abbiamo detto in precedenza, il Canada ospita attualmente il polo nord magnetico, e quindi le sue regioni settentrionali sono assolutamente perfette, e praticamente ogni sera, se il cielo è sereno, si possono vedere le luci danzare. Il rovescio della medaglia è però dato dalla difficoltà di viaggio, le zone migliori sono assolutamente remote, ed una vacanza in quei luoghi diventa molto costosa. Potete dirigervi verso la città di Whitehorse nel Territorio dello Yukon per vedere al meglio le luci vorticose. Oppure puntare su Churchill il villaggio sulla baia di Hudson, famoso per gli orsi bianchi. Le aurore si possono vedere comunque in tutto il Canda, anche se meno di frequente nelle regioni più abitate come il Quebec e la zona di Toronto. Meglio l'Alberta con la zona di Calgary ed il nord dell'Ontario.

7 - Groenlandia: l'aurora tra i ghiacci
La Groenlandia è ancora un viaggio di “frontiera”, soprattutto per le sue regioni settentrionali e gli altopiani ghiacciati, dove le aurore dicono siano incredibili, ma accessibili solamente ai veri esploratori, tuttavia le aree meno ostiche, a sud e ad est della Groenlandia, forniscono delle buone opportunità anche ai turisti “normali”. In queste zone si può vedere l'aurora boreale da tutti i luoghi, ma dovendo scegliere i villaggi migliori sono quelli di Ammassalik e Kulusuk, sulla costa orientale e Nuuk su quella sud-occidentale.

8 – In Scozia e Irlanda per vedere l'Aurora più vicina all'Italia
Le isole britanniche sono note per le loro avverse condizioni meteo, specie nel nord dell'arcipelago, quindi per un clima non propriamente adatto all'osservazione notturna del cielo. Però la Scozia si raggiunge con facilità, ed a volte regala emozioni con delle aurore color rosso sangue, che sembrano ferire mortalmente il cielo. I luoghi più adatti, per provare a vedere qui l'aurora, magari se sono previste eruzioni solari, che spingono più a sud il fenomeno, sono l' Isola di Skye, l'isola di Lewis, Inverness e le isole Orcadi e Shetland. Se invece vi trovate in Irlanda, il luogo migliore per vedere l'Aurora Boreale è la penisola di Inishowen, che si trova nella contea di Donegal, sulla punta nord dell'isola che culmina nel capo di Malin Head. Il campo libero verso nord e l'assenza di luci rendono le spiagge del Donegal perfettamente adatte alle osservazioni astronomiche, e nel caso si intense tempeste geomagnetiche è possibile vedere il verde smeraldo dell'aurora!

9 – Danimarca: rotta sulle Faroe
La Danimarca in se ha poche attrattive per vedere l'aurora, le sue coste sono troppe distanti dal polo nord magnetico, e le luci del nord si vedono solo in occasione delle grandi tempeste solari, quando le luci colorate scendo di latitudine fino all'Europa Continentale, ma questo accade poche volte in un inverno. Molto meglio se puntiamo nel cuore del Mare del Nord, negli affascinanti scenari dell'arcipelago delle isole Faore. Questi luoghi sono più famosi per le pulcinelle di mare ed il folklore vichingo, ma sono anche un luogo affascinante dove ammirare il fenomeno, maltempo permettendo, che da questi lidi è, purtroppo, molto frequente come e forse peggio della Scozia.

10 - Russia: nel gelo estremo per vedere l'aurora
Un viaggio da queste parti ha il sapore della sfida: per vedere l'aurora bisogna recarsi nell'estremo nord della Russia, dove c'è in effetti una ottima possibilità di vedere le luci del nord, ma anche in un contesto climatico estremamente avverso. Tra i luoghi migliori la penisola di Kola, il mar Bianco e la città di Murmansk, a patto che riuscite a gestire le temperature, pesantemente inferiori allo zero in un tipico inverno siberiano...

E l'aurora in Italia? Certo anche in alcune zone dell'Italia è possibile vedere l'Aurora, ma le possibilità di riuscire a farlo sono bassissime. Solo in occasione delle più grandi tempeste solari le luci si spingono così a sud, ma l'arrivo della tempesta deve coincidere con la notte, che deve essere serena e senza luna, e quindi le percentuali si abbassano ulteriormente. L'ultima aurora visibile facilmente dall'Italia accadde il 20 novembre 2003, speriamo che il massimo solare riesca a regalarci nei prossimi mesi, anche in Italia, una colorata sorpresa celeste.

 Pubblicato da il 23/09/2012 - 27.914 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close