Cerca Hotel al miglior prezzo

Aurora Station: aprirÓ nel 2021 il primo Hotel nello spazio?

Un hotel da 647mila euro a notte potrebbe sembrare fuori mercato, almeno sul nostro pianeta: ma se l'albergo in questione fluttua nello spazio, ecco che la cifra inizia a diventare, forse, più ragionevole.

Si parla di Aurora Station, un modulo spaziale con un diametro di 4 metri e 20 centimetri e una lunghezza di 10 metri che, nelle intenzioni di chi lo mette a disposizione, dovrebbe rappresentare il primo hotel nello spazio, a 320 chilometri di distanza dalla Terra.

Dietro al progetto c'è una società texana, la Orion Span di Houston, che ha deciso di investire sul turismo spaziale: stando alle aspettative dichiarate, il primo soggiorno - rigorosamente di lusso - tra le stelle dovrebbe essere offerto nel giro di due o tre anni, entro il biennio 2021 / 2022.

Il modulo sarà in grado di ospitare, nella sua configurazione iniziale, oltre ai due membri dell'equipaggio. quattro turisti: il soggiorno durerà 12 giorni e avrà un costo di nove milioni di dollari e mezzo a persona, poco meno di 800mila dollari a notte, al cambio attuale una vacanza da quasi 7 milioni e 800 mila euro a testa. Chi non vede l'ora di sperimentare una novità del genere non ha tempo da perdere, visto che già da adesso è possibile versare un acconto di 80mila dollari.

Il fondatore della Orion Span si chiama Frank Bunger, e ha spiegato che lo spazio rappresenta la frontiera finale della civiltà umana. Al momento i viaggiatori che vorranno viaggiare nello spazio sono tenuti a sottoporsi a un addestramento della durata di due anni, ma lo scopo dichiarato è quello di scendere fino a un massimo di tre mesi, così da abbattere le spese.

I turisti che si accingono a dormire a centinaia di chilometri di distanza dal nostro pianeta, infatti, hanno bisogno di acquisire alcune nozioni a proposito di meccanica orbitale, di volo spaziale e, soprattutto, di come si vive in assenza di gravità e negli ambienti pressurizzati. Insomma, un prezzo non alla portata di tutti e per di più la fatica di un lungo addestramento: ma ne vale davvero la pena? Stando alle promesse, pare proprio di sì: i pochi ricchi e fortunati che albergheranno in cielo potranno osservare le aurore polari da una prospettiva unica e vivere le sensazioni offerte dall'assenza di gravità, esperienze di sicuro elitarie.

Come nel caso della ISS, la Stazione Spaziali Internazionale, l'assenza di gravità nella Aurora Satation sarà causata dalla fortissima velocità di spostamento della stazione lungo la propria orbita, che sarà compresa tra valori di 25.000 / 30.000 km/h, e quindi causata da un effetto "caduta libera" continuo. Il vantaggio sarà che ogni giorno si potranno osservare oltre una trentina tra albe e tramonti dalla finestra panoramica dell'hotel!

E non è tutto: a bordo si svolgeranno anche diversi esperimenti relativi alla coltivazione delle piante, mentre verrà fornito un accesso Internet wifi ad alta velocità per consentire i live streaming e creare un contatto diretto tra la Terra e i viaggiatori.
  •  

 Pubblicato da il 09/04/2018 - - ® Riproduzione vietata