Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Ezcaray

Ezcaray (Spagna), viaggio nel cuore turistico di La Rioja

Pagina 1/2

Chi si imbattesse nel piccolo borgo di Ezcaray in bassa stagione, lo troverebbe quieto e timido, avvolto nell’abbraccio protettivo delle montagne e movimentato dalla vita di soli 2.000 abitanti. Probabilmente non avrebbe il minimo sospetto dell’ondata di turisti che vi si riversano in certi periodi dell’anno, chi per scivolare lungo le splendide piste innevate, chi per farsi baciare dal sole piacevole delle estati in montagna.

A Ezcaray, cittadina spagnola nella comunità autonoma di La Rioja, l’atmosfera è proprio quella tipica di un paesino montano: dall’alto appare come una manciata di casette, gettate sul verde del paesaggio senza disturbarne la verdeggiante bellezza. Incastonata tra le pieghe della Sierra de la Demanda e appollaiata alle rive del fiume Oja, Ezcaray accoglie a braccia aperte tanto gli amanti degli sport invernali quanto i patiti delle camminate, raggiungendo i 15 mila abitanti nelle stagioni turistiche ma mantenendo sempre il suo fascino mite e discreto.

Il bello di questo borgo spagnolo è la sua capacità, nonostante il turismo, di conservare inalterata l’attenzione alle tradizioni, agli antichi mestieri e all’identità dei suoi cittadini. Da sempre, ad esempio, è diffusa in città la produzione di oggetti in legno, prima artigianale e oggi anche industriale, grazie alla presenza avvolgente della foresta.

Oltre alle piste da sci e allo splendido paesaggio montano, Ezcaray offre diversi monumenti e angoli nascosti che vale la pena di scoprire, proprio nel cuore del piccolo borgo abitato. Come la Chiesa di Santa Maria la Mayor, che sin dal XII secolo sovrasta con fierezza i tetti circostanti e si è da tempo guadagnata il titolo di Monumento Storico Artistico. Il suo stile gotico aragonese è unico nella regione e merita l’attenzione dei visitatori.

La chiesa pare a prima vista una fortezza medievale, grazie all’imponenza dei torrioni cilindrici che si dispongono impettiti ai quattro angoli. All’esterno si può ammirare una elegante balconata, decorata con gli stemmi in pietra delle famiglie nobiliari che un tempo vivevano in città. A introdurre nella chiesa ci pensano due splendidi portali: il primo, di legno finemente intagliato, è del 1532; il secondo, quello che dà verso ovest, è del XVI secolo e in stile manierista.

Interessante è il complesso architettonico composto dalla Fabbrica Reale Tessile di Santa Bàrbara, del XVIII secolo, e dall’edificio della tintura, comunemente conosciuto come “El Fuerte”.

... Pagina 2/2 ... Nonostante le dimensioni ridotte e l’aspetto quieto da villaggio di bambole, non bisogna dimenticare che Ezcaray è tra le mete turistiche più importanti di La Rioja: per questo motivo non mancano mai, nel corso dell’anno, feste eventi e manifestazioni organizzate per rallegrare gli abitanti e i visitatori. Dal 1996 si svolge nel borgo un festival internazionale di musica jazz, suddiviso in molti spettacoli e concerti che si tengono in diversi parchi e piazze del centro; inoltre vengono periodicamente organizzate delle gite nei boschi, durante le quali si possono conoscere interessanti informazioni sulla vegetazione locale e specialmente sui funghi, che vengono raccolti, osservati e, per finire in bellezza, cucinati.

Da alcuni anni vengono indetti anche premi di pittura, fotografia e poesia, per non parlare della tradizionale festa di San Lorenzo. Questa non è soltanto la famosa ricorrenza delle stelle cadenti, ma anche la festa del patrono della città: per questo motivo le celebrazioni durano una settimana e comprendono funzioni religiose, esibizioni musicali, danze e molto altro ancora.

Come arrivare
Purtroppo non sono particolarmente frequenti i mezzi pubblici che collegano Ezcaray alle principali città della zona, specialmente quelle dotate di aeroporti. Il mezzo più efficace per raggiungere il borgo è infatti l’automobile: a 20 minuti di macchina da Ezcaray c’è Haro, a meno di due ore c’è Bilbao e a 314 km c’è Madrid.
Per chi deve raggiungere la Spagna in aereo conviene atterrare all’Aeropuerto de Bilbao, 123 km a nord di Ezcaray; il più vicino aeroporto regionale è invece quello di Logrono, servito da voli provenienti da Madrid e Barcellona. Una volta atterrati a Logrono chi non può noleggiare un’auto potrà servirsi dell’autobus, ma attenzione: come già detto le corse giornaliere non sono molte.

Una volta giunti alla meta, si verrà accolti da un clima montano ma di influenza oceanica, data la vicinanza dell’Atlantico al Massiccio de la Demanda. Le temperature di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima media di 7°C a una massima di 12°C, mentre in luglio e agosto si va dai 16°C di minima ai 22°C di massima. Chi ha scelto di visitare Ezcaray in inverno, insomma, troverà le condizioni ottimali per la pratica degli sport sulla neve; chi invece ha preferito l’estate sarà deliziato da un clima soleggiato ma mai afoso, rinfrescato da una piacevole brezza montana. La pioggia è diffusa in maniera abbastanza omogenea nell’arco dell’anno: in generale è concentrata soprattutto in inverno, infatti il mese più piovoso è dicembre con in media 18 giorni di maltempo, ma anche in estate i giorni di pioggia mensili sono almeno 13-14.

Fonte: Ufficio Spagnolo del Turismo
Milano 02/72004617 - Roma 06/6783106
Visita Spain.info
 

loading...
close