Cerca Hotel al miglior prezzo

Vacanze mare Linguadoca-Rossiglione

Le coste e il mare della Liguadoca-Rossiglione

La costa della Regione Linguadoca-Rossilione si estende dal delta del Rodano fino a Pirenei, con il promontorio di Cap Cerbere che va a sancire il confine con le coste catalane della Spagna. Si tratta in definitiva di un territorio pianeggiante, dominato da lunghe spiagge sabbiose, spesso affiancate da stagni ed aree umide nell'immediato entroterra. Baciato dal sole intenso del sud di Francia questo è un luogo ideale per rilassarsi in una lunga vacanza di mare, senza dimenticare il patrimonio naturale e storico artistico delle città nell'interno.

Le uniche, o quasi, zone rocciose della costa della Linguadoca si trovano al confine con la Spagna, là dove i Pirenei terminano la loro corsa “tuffandosi” in Mediterraneo. Siamo nella “Cote Vermeille” la costa vermiglia che si estende dalle spiagge di Argeles-Plage fino a Cerbere, con una serie di baie alternate a promontori rocciosi. Le località di mare di questo tratto costiero così accidentato sono Banyuls-sur-Mer, Port-Vendres e Collioure.

Proseguendo quindi verso nord il paesaggio diventa pianeggiante, modellato dai depositi alluvionali dei fiumi Tech, Tet e Agly. Questo tratto di costa pianeggiante termina al Cap Leucate, dove a dir la verità sono presenti dei rilievi collinari che superano i 60 metri di altezza. Questo lembo di costa bassa è dominato all'interno dalla città di Perpignan, mentre le città costiere e balneari più importanti sono St-Cyprien-Plage, Canet-Plage, Ste-Marie-Plage, Torreilles-Plage, e poi la zona di Port-Barcares e Port-Leucate che possiede anche un'attrazione in più con il parco di Aquamagic.

Superate le ondulazioni di Cap Leucate la costa torna nuovamente piatta ed estesa nella zona a sud di Narbonne. Non ci sono grosse località, e la zona rimane dominata da una serie di stagni. Al centro troviamo Port-la-Nouvelle, mentre le prime spiagge importanti rimangano più a nord, dove la costa viene bordata dalla Montagne de la Clape: in successione troviamo la Gruissan-Plage, Narbonne-Plage e St-Pierre-sur-Mer da dove inizia un nuovo tratto pianeggiante di pianure alluvionali (fiumi Aude, Orb e Herault). Siamo nella zona di Beziers e qui le spiagge più significative si trovano a Valras-Plage a Serignan ed a Portiragne-Plage.

La zona successiva è quella del delta del fiume Herault, dominato dalla città di Agde, e dalla sua estensione costiera che prende il nome di Le-Cap-d'Agde, località ben conosciuta dai naturisti. Da qui in avanti la costa rimane bordata da una serie di lunghi stagni (Bassin de Thau, e gli Etang de Vic, Arnel, Perois e de Mauguio. Qui le spiagge sono delle distese pressoché continue di sabbia, interrotte unicamente dai canali immissari ed emissari degli stagni, e spesso rimangono bordate da cordoni di dune. Troviamo in sequenza la spiaggia di Merseillan, la celebre Plage de la Corniche a Séte, la spiaggia di Frontignan, Mas de dunes. L'urbanizzazione costiera torna più intensa quando si raggiunge la zona di Montpellier. Qui la costa diventa un tutt'uno di località a partire da Palavas-les-flots, Carnon-Plage, La-Grande-Motte, Le Grau-du-Roi e Port-Camargue. Dalla Point de l'Espiguette inizia la grande solitudine della Petite Camargue e dopo pochi chilometri si entra nel territorio della Provenza.


Condividi:

loading...
close