Cerca Hotel al miglior prezzo

Moltrasio (Lombardia), week end sul Lago di Como

Pagina 1/2

Basta nominare questo borgo montano della Lombardia, Moltrasio, e subito si schiude un ventaglio appassionante di storie, leggende, ipotesi pittoresche sull’origine del toponimo, che a seconda della versioni si riferirebbe alla geografia del luogo, al paesaggio o alle attività svolte nella zona nei tempi passati. Per qualcuno il nome Moltrasio deriva da Monte Raso: il rilievo su cui sorge il paese sarebbe stato distrutto da un incendio o, secondo altre fonti, da una battaglia con i nemici provenienti da Torno. Altre versioni narrano di un luogo dove si estraeva la malta, detta ‘molta’ in dialetto locale, oppure fanno risalire il nome alla posizione del paese tra i monti.

Qualunque sia l’origine del suo nome, Moltrasio è senza dubbio una località incantevole della Lombardia, in provincia di Como, popolata da circa 1800 abitanti e affacciata sulle acque limpide del Lago di Como. E’ questo specchio d’acqua a raddoppiare la bellezza del borgo e del paesaggio circostante, riflettendo a testa in giù le casette montane, i rilievi folti di boschi e le distese vellutate dei pascoli. Esplorare Moltrasio è come addentrarsi in un villaggio di bambola, che oltre agli scorci suggestivi e le stradicciole magiche offre un ricco repertorio di monumenti, edifici interessanti e testimonianze storiche da non perdere. Tra le costruzioni più belle ci sono alcune chiese, come la chiesa parrocchiale di San Martino: custode di varie reliquie preziose, è famosa soprattutto per la presenza di un frammento della Santa Corona, noto come la Sacra Spina, che venne donato alla parrocchia nel 1721.

Merita una visita anche la chiesa di Sant’Agata, fondata nell’XI secolo e decorata con splendidi affreschi. Alcuni dei dipinti sono stati scoperti e restaurati di recente, durante i lavori di rimessa a nuovo della chiesa, quando è stato rimosso uno strato di vecchio intonaco. Particolarmente affascinante è anche la cappella dedicata a San Rocco, che si erge in riva al lago ed è protagonista, nel giorno della festività del santo, della tradizionale benedizione delle barche, mentre nella frazione di Tosnacco si può vedere la graziosa chiesetta della Regina Pacis.

Ma gli edifici di culto non sono gli unici gioielli di Moltrasio. Sulle sponde del lago, di fronte al prestigioso Grand Hotel Imperiale, si trova il monumento a Vincenzo Bellini, il celebre musicista di Catania che in passato soggiornò qui per un certo periodo. Proprio a Moltrasio compose alcuni pezzi de La Straniera e de La Sonnambula, e la cittadinanza l’ha voluto ricordare con questa statua realizzata dallo scultore del posto Massimo Clerici.

... Pagina 2/2 ...Visitando il borgo nei periodi più tranquilli, quando si ode il fruscio degli alberi e ci si lascia inebriare dal canto degli uccelli, si può avere la sensazione di trovarsi fuori dal mondo, in un luogo sperduto che non ha nulla a che fare con la vita di tutti i giorni. Eppure Moltrasio sa anche essere una cittadella vivace e divertente, specialmente in occasione degli eventi che periodicamente vengono organizzati nel centro. Tra gli appuntamenti più attesi c’è il Lario Critical Wine, che coinvolge numerose borgate della zona ma anche di altre regioni d’Italia e si svolge all’inizio di maggio nelle piazze di Moltrasio. Si tratta di una bella fiera-mercato che intende valorizzare i prodotti vinicoli e gastronomici del territorio: vi partecipano innumerevoli produttori di vino, formaggi, salumi, miele, confetture, pane e tante altre golosità.

Un altro mercatino interessante è quello che si svolge a metà agosto: si chiama “Curiosità a Moltrasio” e le sue bancarelle sono cariche di oggetti d’antiquariato, pezzi artigianali, monili etnici e oggetti da collezione di ogni tipo. Infine il 12 di ottobre si festeggia, presso la chiesa parrocchiale di San Martino, la ricorrenza dell’acquisizione della reliquia della Sacra Spina. Raggiungere Moltrasio, nonostante la postazione tra i monti e il lago, non è difficile. Chi viaggia in auto e viene da Como deve seguire la Statale Regina in direzione Argegno-Menaggio, mentre chi viene da Milano dovrà percorrere l’autostrada A9 Milano-Como-Chiasso, uscire a Como e seguire sempre le indicazioni per Argegno-Menaggio fino a destinazione.

Per chi preferisce il treno la stazione più vicina è quella di Como, da cui occorrono altri 15 minuti in auto sino a Moltrasio, mentre gli aeroporti più vicini sono quelli di Lugano (Svizzera), Milano Malpensa e Milano Linate, rispettivamente a 30 minuti, 45 minuti e 50 minuti di auto da Moltrasio.

Prima di partire ricordate di portare con voi abiti pesanti per l’inverno, e qualche indumento che possa ripararvi anche dalla frescura delle serate estive. Le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di -2°C a una massima di 6°C, mentre in luglio e agosto, i mesi più caldi, si passa dai 15°C ai 27°C. Le precipitazioni, scarse in inverno, toccano il picco massimo in maggio, quando piove in media un giorno ogni due.
loading...
close