Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare  Città delle Arti e delle Scienze

Visita alla Città delle Arti e delle Scienze a Valencia

Pagina 1/2

Da quando è stato inaugurato il primo edificio del complesso, nel 1998, è quasi un'eresia pensare di viaggiare a Valencia senza visitare la Ciutat de les Arts i les Ciències.
La Città delle Arti e delle Scienze rappresenta infatti il luogo in cui i segni agili della modernità avanzano verso il futuro. Metallo, cristallo, acqua e cemento sono combinati alla perfezione in questo spazio che ha l'inconfondibile timbro dell'architetto Santiago Calatrava. La spettacolare bellezza architettonica comprende un grandioso complesso per la divulgazione scientifica e culturale, dotato delle ultime tecnologie e dei sistemi dell'informazione più avanzati.

Sono sei gli edifici principali di questa città nella città ricavata nella parte meridionale dei Giardini del Turia, un parco urbano che ha preso il posto del fiume Turia, che qui scorreva prima di essere deviato alcuni decenni fa.

Il primo che si incontra, camminando dal centro in direzione del mare, è il Palau de les Arts Reina Sofía, ovvero la casa del teatro dell'opera di Valencia. È stato concepito per la creazione e la diffusione delle arti sceniche e la sua fitta programmazione ne fa uno dei luoghi più significativi dell'agenda culturale locale. L'inaugurazione è avvenuta l'8 ottobre del 2005.

L'Hemisfèric rappresenta simbolicamente un grande occhio umano che si apre su un laghetto di 24.000 metri quadrati di superficie. La "pupilla" è la cupola semisferica della sala proiezioni IMAX, la quale può ospitare un totale di 310 persone ed è stata concepita perché lo spettatore possa sperimentare le attraenti sensazioni offerte dall'ultima tecnologia dell'immagine e del suono.

Il Museo delle Scienze Principe Felipe (Museu de les Ciencies Príncep Felipe) è stato costruito partendo da piattaforme pensili e ricorda un po' lo scheletro del ponte di una nave, sostenuto da una colossale vetrata trasparente. Questa spettacolare opera architettonica è stata progettata per ospitare esposizioni tematiche permanenti ed itineranti correlate al mondo scientifico ed alla tecnologia d'avanguardia con lo scopo di spiegare in forma interattiva tutto ciò che riguarda la scienza e il progresso nella vita delle persone. Dispone di una superficie totale di 42.000 mq e, da quando ha aperto i battenti nel 2000, è stato visitato da oltre 30 milioni di persone.

L'Oceanogràfic è uno spettacolare supporto per la divulgazione della vita marina nelle varie forme e sfaccettature.

... Pagina 2/2 ... Progettato da Félix Candela, questo complesso comprende undici edifici o torri sottomarine situate attorno ad un vasto lago centrale. Le torri comunicano tra loro mediante passerelle galleggianti e, nel livello inferiore, mediante corridoi e rampe. Uno spazio unico dalla spettacolare bellezza che nell'attualità è il più grande acquario d'Europa, dove si possono osservare specie provenienti da tutto il mondo. Al suo interno il Ristorante Sottomarino (Restaurante Submarino) e il delfinario sono alcuni dei luoghi più significativi.

L'Umbracle è uno straordinario belvedere pieno di giardini Una zona verde di libero accesso di 7.000 metri quadrati formata da un'incredibile successione di archi che ospita un museo vivente della natura. All'interno si può usufruire de EI Paseo de las Esculturas, una galleria d'arte all'aperto con sculture di autori contemporanei e una grande varietà di piante di diverse specie scelte proprio per la loro forma e il loro colore, che variano col passare delle stagioni.

Un ponte carrabile e pedonale separa l'ultimo edificio - quello dell'Àgora - dal resto della Città delle Arti e delle Scienze: è il Pont de l'Assut de l'Or, anch'esso opera di Calatrava, la cui struttura si fonde con l'architettura circostante. L'altezza del suo albero portante è di 125 metri, che lo rendono la struttura più alta di Valencia.
L'Àgora, infine, è un edificio multifunzionale realizzato con lo scopo di ospitare eventi di vario genere (congressi, concerti, esposizioni, ecc...) proprio come se fosse una piazza (un'agorà, appunto). La base della sua struttura ellittica misura 88x66 metri ed è circondata da due specchi d'acqua. L'Àgora è aperta al pubblico solo in occasione degli eventi organizzati al suo interno.

Informazioni utili
È possibile visitare uno o più edifici della Città delle Arti e delle Scienze pagando il relativo biglietto. I prezzi possono variare di anno in anno, ma indicativamente un biglietto intero si aggira sugli 8 euro per l'Hemisfèric e il Museu de les Ciències, e circa 28 euro per l'Oceanogràfic. Esistono anche biglietti cumulativi e offerte speciali.
Per maggiori informazioni consultate la tabella dei prezzi sul sito ufficiale.


 Pubblicato da il 22/01/2016 - 4.266 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close