Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Casa natale di Mozart

Geburtshaus: la Casa Natale di Mozart, viaggio nella storia della musica

Pagina 1/2

Cioccolatini Mozartkugeln in confezioni di ogni forma; statuette che raffigurano il grande musicista virtuoso del violino; scatole di Mozarttaler, prelibate praline al latte con crema di nocciola e marzapane; negozi di liquori dedicati al maestro; calici di cristallo, spumanti e cimeli che testimoniano l’adorazione per il nume salisburghese.

Gioiello barocco ai piedi delle Alpi, Salisburgo, città di Mozart per antonomasia, ha una quantità di luoghi e oggetti mozartiani da esibire al pubblico degli appassionati. E pensare che inizialmente il compositore era stato "cacciato" dalla città, trovando a Vienna poi la sua consacrzione come autore di fama mondiale.

Nato il 27 Gennaio 1756 nella famiglia del musicista da camera Leopold Mozart, Wolfgang Amadeus trascorse la sua giovinezza a Salisburgo per poi partire alla conquista del mondo grazie anche all’ottima educazione musicale impartita dal padre. Nella sua città natale il grande compositore, autore di opere come il Flauto Magico e le Nozze di Figaro, tornerà solo nel 1779 per un incarico da organista di corte. Sarà l’ultima visita nell’odiato luogo che gli diede i natali, da sempre considerato troppo bigotto. A consacrare l’artista e la sua musica sarà invece la capitale Vienna che ne accolse anche le spoglie nel 1791 quando vi morì a soli 35 anni.

Fra i luoghi dedicati a questo grande genio della musica, Salisburgo ospita la casa natale (Mozart Geburtshaus) che si trova al civico numero 9 di Getreidegasse dove i Mozart vissero fra il 1747 e il 1773 al terzo piano di casa Hagenauer, intitolata all’omonimo commerciante di spezie amico di famiglia.

In questo edificio ogni anno vi passano almeno cinquecentomila visitatori: dal 1880 infatti la Fondazione Internazionale di Mozart ha allestito in questo palazzo un vero e proprio museo che nel corso degli ultimi decenni si è evoluto sino a diventare un luogo di incontri culturali. Qui si possono ammirare gli ambienti in cui visse il compositore e dove sono custoditi strumenti storici, documenti e spartiti, oggetti personali e molti dei dipinti che lo ritraggono intento al suo lavoro musicale fra cui la tela ad olio del 1789 realizzata, ma rimasta incompiuta, dal cognato Joseph Lange.

Ad attirare l’attenzione di turisti e appassionati di musica sono sicuramente gli strumenti musicali di Mozart: il violino suonato da bambino, quello da concerto, il pianoforte a martelli e il clavicordo. Altri oggetti esposti, un tempo appartenuti ai figli Carl Thomas e Franz Xaver Wolfgang, oggi sono di proprietà della fondazione intitolata al musicista. Grazie all’intervento di un noto architetto di Vienna, attorno al 1995 è stato realizzato un importante ammodernamento della casa sulla Getreidegasse che ha permesso di dotare l’appartamento di Mozart di tecniche moderne per la conservazione degli importanti oggetti esposti.

Intanto già a partire dalla metà degli anni ’80 del 1900 l’ala dell’edificio che guarda verso Universitatsplatz ospitò alcuni ambienti arredati come all’epoca di Mozart grazie a prestiti e oggetti donati da privati e collezionisti. Dal 1981 il primo piano di casa Mozart accoglie annualmente importanti esposizioni curate dalla fondazione che hanno come tema Mozart e la sua arte. Il secondo piano invece è dedicato al compositore e al teatro e raccoglie diorami con palcoscenici in miniatura che raccontano come vennero accolte dal pubblico le opere del grande maestro.

La casa natale-museo è aperta al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 17.30 con ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura. Nei mesi di Luglio e Agosto l’orario di visita è prolungato dalle 8.30 alle 19. L’edificio non è purtroppo attrezzato per accogliere sedie a rotelle per portatori di disabilità motorie.
... Pagina 2/2 ...
I biglietti d’ingresso ammontano a 10 Euro per adulti; 3,50 Euro per bambini dai 6 ai 14 anni e scolaresche dai 6 ai 18; 4 Euro per giovani tra i 15 e 18 anni; possibilità di usufruire di un ingresso gratuito per i possessori di Salzburg Card.

In Makartplatz 8 si trova invece la dimora in cui Mozart abitò fra il 1773 e il 1780, prima di abbandonare Salisburgo per recarsi a Vienna: al suo interno vi sono mobili d’arredo e oggetti che documentano la vita della famiglia oltre che la storia della casa. Qui il giovane musicista compose sinfonie, concerti e opere di musica sacra. La sorella di Wolfgang visse nell’edificio sino al 1784 e il padre Leopold sino alla morte avvenuta nel 1787. Durante la seconda guerra mondiale il palazzo fu gravemente danneggiato da una bomba; venduto dal proprietario, fu ricostruito per ospitare degli uffici e poi acquistato dalla Fondazione Internazionale Mozart che nel 1994 iniziò la ricostruzione della casa rispettando l’antico fabbricato.

Aperta al pubblico anch’essa tutto l’anno e negli stessi orari della casa natale, la residenza di Makartplatz potrebbe essere chiusa ai visitatori in occasione dello svolgimento di concerti durante la settimana mozartiana. Visite guidate su richiesta.

Chi desidera può richiedere il biglietto cumulativo per la casa natale e quella di residenza al costo di 17 Euro (adulti), 5 Euro (bambini e scolaresche) e 6 Euro (giovani dai 15 ai 18 anni).

Chi invece volesse vivere l'esperienza di una Cena concerto a tema Mozart, si deve recare presso il ristorante St Peter Stiftskeller, uno dei più antichi di Europa.

Sito ufficiale www.mozarteum.at

 Pubblicato da il 18/01/2015 - 2.394 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
23 Gennaio 2017 La Festa del Cardo dolce di Cervia

Il Cardo dolce di Cervia è il protagonista di una festa gastronomica ...

NOVITA' close