Foto 1 di 21

Fine del mondo: i luoghi dove sopravvivere alla profezia Maya, sicuri dal punto di vista geologico, geografico e mistico

4 Vota   

1° immagine: La Mappa dei luoghi sicuri, dove salvarsi in caso la profezia maya sia giusta. Qui la mappa interattiva.



Si avvicina a grandi passi l'ipotetica fine del mondo, ma francamente gli scenari apocalittici prospettati nei mesi scorsi, sembrano proprio che non si concretizzeranno, dato che tutto procede tranquillamente e il nostro pianeta non mostra alcun segno di... affaticamento. Per chiarire il fatto che la Terra non correrà alcun rischio il prossimo 21 dicembre, si è attivata la stessa Nasa che ha pubblicato sul proprio sito una serie di precisazioni a riguardo delle varie teorie di Nibiru, Nemesi. Inversione del campo magnetico e sull'impossibile scollamento e scivolamento della crosta terrestre sul mantello, tra le cause più probabili della fine del mondo, per coloro che credono all'interpretazione catastrofista del calendario dei Maya. Qui la mappa interattiva.

Non che il popolo Maya abbia profetizzato con chiarezza una fine catastrofica per il nostro pianeta: non parliamo infatti degli antenati di Nostradamus ma di una civiltà scomparsa, vissuta in epoca pre colombiana, e che come alte popolazioni antiche aveva sviluppato delle tecniche per calcolare il tempo, utilizzando il movimento degli astri in cielo, l'orologio da sempre a disposizione dell'uomo. I Maya furono l'unico popolo precolombiano a creare un calendario ed erano in grado di prevedere le eclissi di sole e luna e gli spostamenti di Venere in cielo. Il loro sistema di datazione è però quello che ha messo in subbuglio il mondo moderno: in effetti i Maya usavano vari modi di considerare il variare del tempo, ed avevano creato vari cicli, di lunghezza diversa: a partire del ciclo Tzolkin, il più breve di 260 giorni, il ciclo Haab, il b'ak'tun (di quasi 400 anni) e il cosiddetto “lungo computo”. Quest'ultimo è quello che ha aperto la discussione planetaria in corso in questi ultimi mesi: essendo composto da una serie piuttosto lunga, di 1 milione e 870 mila giorni, e cioè all'incirca 5.125 anni (pari a 13 b'ak'tun), ed avendo avuto inizio, per molti autori, l'11 agosto del 3.114 avanti Cristo, il 13° b'ak'tun dovrebbe terminare esattamente il prossimo 21 dicembre 2012.

Detto all'inizio che noi non crediamo assolutamente alla fine del mondo, e d'altra parte la maggior parte degli studiosi Maya indica che il nuovo ciclo del “lungo computo” porterà ad un'era diversa, ma vista come opportunità e non cambiamento catastrofico, per un attimo proviamo a pensare il peggio: e se fosse proprio in arrivo la fine del mondo? Come potremmo difenderci? Abbiamo quindi chiesto ad esperti in geologia quali luoghi potrebbero essere adatti per sfuggire ad una eventuale catastrofe globale. Dal consulto è emerso che i luoghi prescelti devono avere, in ordine di preferenza, le seguenti caratteristiche:
  • una altitudine significativa, come anche la lontananza dalle coste, per evitare di essere coinvolti da Mega-tsunami (onde di centinaia di metri d'altezza), che si genererebbero in caso di scontro con cometa o asteroide, o per improvvisa “frenata” della rotazione terrestre
  • Non trovarsi in zone potenzialmente attive come strutture vulcaniche, che gli sconquassi planetari potrebbero attivare nuovamente
  • Trovarsi distanti il più possibile dalle centrali nucleari, che in caso di calamità naturale potrebbero subire la fusione del nocciolo
  • Possibilmente a vere una o più grotte a disposizione, per proteggersi da eventuali piogge di fuoco dovute ai detriti di una collisione globale, o per proteggersi da tempeste magnetiche o dai raggi cosmici
Se poi i luoghi possiedono un loro fascino turistico tanto meglio, ci troveremmo in zone interessanti dove proseguire la vacanza, nel caso la profezia si dimostrasse, come ne siamo convinti, una vera e propria bufala. Assieme a questi punti, scelti per soddisfare questi requisiti minimi, abbiamo aggiunto alcuni luoghi considerati sicuri dagli stessi autori delle catastrofiche profezie. Ne esce quindi una mappa completa, da tenere bene a mente nei prossimi giorni, qualora alcuni dei segni premonitori cominciassero a manifestarsi... 



Condividi: