Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Basilica di Santa Maria del Mar

La Basilica di Santa Maria del Mar, la chiesa del popolo di Barcellona

Pagina 1/2

C’era una volta il XIII secolo, epoca in cui un’importante crescita, economica e sociale, marcò nettamente l’identità dell’attuale e bella Barcellona. Per esempio, la zona del porto era un continuo via vai di navi che esportavano e importavano cose, arte e materiali di ogni uso e consumo. Tutto questo ben di dio, una volta approdato in terre catalane, muoveva freneticamente le menti dei grandi imprenditori e le tasche dei ricchi commercianti i quali, tra i tanti sogni nel cassetto ne avevano uno comune: proclamare la stessa fede, quella cristiana.

Ovviamente le autorità eclesiastiche erano d’accordo, persino il Re (Pere III) era sulla stessa linea d’onda. Si decise così, ad un’ananimità di dare il via alla costruzione di un’imponente basilica per celebrare la religione e pregare insieme. Ma per costruire una qualsiasi opera architettonica non bastavano solo i soldi e le autorizzazioni dei grandi ma era d’inevitabile importanza la mano d’opera. 

"Gente motivata, forte e disposta a sudare CERCASI". E fu così che, in un batter d’occhio, tutti i cittadini, soprattutto quelli di quartiere, gente semplice quali pescatori, muratori etc... si presentarono per contribuire alla realizzazione del progetto comune: l’attuale Basilica di Santa Maria del Mar. La si può chiamare anche “Chiesa del Popolo” proprio perchè è stato grazie a quest’ultimo che ha visto la luce.

Ogni singola pietra, proveniente dalla montagna del Montjuïc e dalle navi da commercio, fu sollevata e trasportata a fatica. La prima fu appoggiata il 25 marzo del 1329, l’ultima, 55 anni dopo. Tutto il complesso mantiene dunque lo stesso stile - gotico - dato che i lavori di costruzione durarono appena 55 anni, periodo in cui non ci furono accavallamenti artistici-architettonici.

E’ bene ricordare che la Basilica di Santa Maria del Mar è l’unica chiesa in puro stile gotico catalano e che la sua struttura è caratterizzata da tre navate che misurano la stessa altezza. Inoltre le 16 colonne ottagonali che occupano armoniosamente la superficie della basilica hanno un diametro di 1,60 mt e rispettano una distanza di 13 mt l’una dall’altra donando così leggerezza, agilità e una sensazione di spazio aperto a tutta l’opera sacra.

Sparse qua e la, in modo assolutamente simmetrico, ci sono numerose finestre con vetrate colorate e uno stupendo rosone centrale ricostruito in seguito al tremendo terremoto del 1428.

... Pagina 2/2 ... Curiosità:
- La maggior parte delle immagini e l’altare furono vittime dell’incendio del 1936 provocato da un gruppo di anarchici e comunisti che assaltarono il templio durante la guerra civile.
- L’interno della chiesa presenta ottime condizioni acustiche che la convertono in uno spazio idoneo nel quale celebrare concerti jazz, orientali e di musica classica.
- Se ti posizioni di fronte all’altare, alzi la testa e la giri a sinistri, noterai, nella parte bassa di una delle vetrate del secondo piano, lo scudetto del FC Barcelona, squadra di calcio della capitale catalana. Un luogo insolito per celebrare le vittorie calcistiche, in realtà c’è un perchè. Si dice che verso la fine degli anni 60, quando si stava lavorando alla restaurazione di alcune vetrate rovinate durante la guerra civile , il FC Barcelona si preoccupò di portare a termine il restauro fecendo un’ingente donazione che fu poi ripagata onorando la squadra.
- Nell’abside della basilica c’è la rappresentazione della Vergine Maria con la testa girata. La leggenda ci racconta che, anni orsono un giovane ragazzo fu condannato alla pena di morte per aver, secondo la giustizia, commesso un reato. Come da tradizione, fu accompagnato dalla folla al patibolo. Egli non smetteva di gridare e di imporre la sua innocenza ma fu solo quando passò davanti alla Vergine Maria, la quale girando dolcemente il volto verso il condannato e guardandolo con misericordia, lasciò interdetto il popolo che, dopo aver assistito al miracolo cambiò idea dichiarando libero il ragazzo.

Dove: Pl. Santa Maria, 1, Barcelona, nel Barrio Gotico di BArcellona
Entrata: gratuita, evitare la visita durante le celebrazioni liturgiche
Orario: Da lunedì a sabato, dalle 9.00 alle 13.00, domenica fino alle 14.00. Nel pomeriggio dalle 17.00 alle 20.30.

 Pubblicato da il 01/01/2016 - 537 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
18 Gennaio 2017 Il Festival dell'Oriente a Bologna

La città di Bologna si prepara ad ospitare nei due weekend ...

NOVITA' close