Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Lenbachhaus

La Galleria Lenbachhaus: visitare il museo d'arte a Monaco di Baviera

Pagina 1/2

I numerosi musei di Monaco di Baviera ospitano molte opere d’arte di grande valore. Fra questi spicca la collezione raccolta nella villa del principe e pittore Franz von Lenbach dove sono esposti gli eccezionali capolavori degli artisti del gruppo espressionista “Der Blaue Reiter” (ndr il cavaliere azzurro) fra cui Kandinskij, Munter, Marc, Klee e Macke.

Ispirata alle dimore del rinascimento fiorentino, la bella villa di von Lenbach, ancora parzialmente conservata nella sua suggestiva atmosfera originale, accoglie dal 1929 la Stadische Galerie dedicata alla pittura tedesca, soprattutto di epoca moderna.

Quando la vedova del pittore, Lolo von Lenbach, si offrì di vendere la proprietà appartenuta al defunto marito alla città di Monaco, includendo anche gli arredi dell’edificio e le decorazioni degli interni oltre ad alcune opere dell’artista, il Comune bavarese raggiunse finalmente l’obbiettivo di disporre di un proprio museo municipale. Grazie ai finanziamenti stanziati dall’Amministrazione la collezione venne ampliata e per creare maggior spazio per ospitare raccolte e mostre l’architetto Hans Grassel si occupò di realizzare un ampliamento dell’edificio creando così tre differenti ali nel palazzo.

Il 1° Maggio 1929 la Lenbachhaus venne ufficialmente aperta al pubblico. Eberhard Hanfstaengl, direttore della fondazione museale, iniziò a riunire opere di pittura tedesca e di arte contemporanea nella interessante collezione della Stadische Galerie creando un museo di importanza europea anche se il progetto venne purtroppo interrotto qualche anno più tardi quando i nazisti presero il potere in città nel 1933.

Negli anni 1944-45, il museo subì ingenti danni e gran parte della dimora venne distrutta. Solo dopo i necessari interventi di ristrutturazione, nel 1947 le prime mostre d’arte con l’esposizione al pubblico di nuove e importanti opere di artisti contemporanei ripresero il via nonostante i ridotti finanziamenti a disposizione della fondazione.

Nel 1957, in occasione del suo ottantesimo compleanno, la pittrice Gabriele Munter effettuò una straordinaria donazione al museo offrendo, fra l’altro, capolavori di Wassily Kandinskij, suo ex compagno. Se sino ad allora la fondazione di Monaco di Baviera era stato si un importante istituto artistico ma approvvigionato principalmente con opere di pittori locali, con quel lascito la Lenbachhaus divenne un luogo di fondamentale prestigio per il modernismo classico e un prestigioso punto di riferimento a livello mondiale. Qualche anno più tardi anche Bernhard Koehler Jr. donò all’ente tedesco quadri e dipinti, fra cui quelli di Franz Marc e August Macke, mentre nei decenni successivi ad impreziosire la collezione furono anche opere di Paul Klee, Alexej Jawlensky e Marianne von Werefkin.

Agli inizi degli anni 2000 è stata progettata una nuova ristrutturazione della Lenbachhaus che ha portato alla creazione di un museo di fama internazionale inaugurato ufficialmente nel maggio 2013. Se il giardino situato davanti la dimora e le stanze del principe artista Lenbach non hanno subito alcuna trasformazione in quanto considerate entrambe come monumenti storici, a subire un netto rimaneggiamento è stato invece l’ingresso della Staditsche Galerie non più accessibile dal giardino ma dal lato sud, fra Konigsplatz e Briennerstrasse, nei pressi della fermata della metropolitana e dunque più visibile e adatto ad un consistente flusso di visitatori.

Grazie all’imponente ristrutturazione, che pare si sia aggirata sui 55 milioni di Euro, la Lenbachhaus attira oggi circa 200 mila turisti l’anno presentandosi in una nuova veste con tanto di illuminazione Led realizzato da Osram in collaborazione con Dietmar Tanterl, uno dei più celebri light artist.

... Pagina 2/2 ... Fra le opere che si possono ammirare ci sono “Gabriele Munter mentre dipinge a Kallmunz” e “Dama a Mosca” di Kandinskij, “Turkisches Café” di Macke, “Der Tiger” di Marc e “Salome” di Franz von Stuck.

Al museo è annesso anche un bookstore – aperto negli stessi orari della struttura museale - dove è possibile acquistare libri di critica d’arte, storia dell’arte, monografie, cataloghi, letteratura d’artista, volumi di fotografia, architettura e design oltre a oggettistica fra cui cartoline, stampe e riproduzioni.

Indirizzo: Stadtische Galerie im Lenbachhaus – Luisenstrasse 33 D-80333 Munich

Per raggiungere l’edificio si possono prendere le linee U2 e U8 (fermata a Konigsplatz), la U1 e U7 (fermata a Stiglmaierplatz); la linea tram 27 (fermata a Karolinenplatz); la linea bus 100 (fermata a Konigsplatz); tutti i treni S (fermata a Hauptbahnhof). Se preferite muovervi a piedi la Lenbachhaus si trova a soli 5 minuti dalla stazione centrale di Monaco.

Orario di apertura: il martedì dalle 10 alle 21; dal mercoledì alla domenica dalle 10 alle 18; chiuso il lunedì. Tariffe: 10€ intero e 5€ ridotto. Le audioguide in tedesco e inglese sono incluse nel biglietto d’ingresso. Gratuito per under 18, studenti e persone diversamente abili con accompagnatore. Pass annuale 20€ (10€ ridotto).

La Lenbachhaus è dotata di accessi adatti anche ai disabili e in Luisenstrasse sono disponibili alcuni parcheggi dedicati.

Sito di riferimento http://www.lenbachhaus.de

 Pubblicato da il 10/01/2015 - 2.633 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
23 Gennaio 2017 La Festa del Cardo dolce di Cervia

Il Cardo dolce di Cervia è il protagonista di una festa gastronomica ...

NOVITA' close