Cerca Hotel al miglior prezzo

Tour di Valencia e dintorni: dalla Città delle Arti e della Scienza fino alla spiaggia di Denia (8 pagine)

Vacanza a Valencia, il giusto compromesso tra mare e cultura

Sole, mare e candide spiagge sabbiose contro architettura, arte e suggestive camminate immersi tra attrattive di carattere culturale: ogni anno, al momento di organizzare le vacanze con la morosa, la stessa storia. Per cercare di dirimere questa antitetica veduta della settimana di ferie cercando di accondiscendere le richieste di entrambi, la scelta della destinazione è ricaduta su Valencia, terza città della Spagna, dove agli ingredienti precedenti si sommano una spruzzata di ottima cucina mediterranea e una spesa relativamente contenuta grazie al collegamento aereo garantito da Ryanair. Nello specifico, prenotando non più di un mese prima della partenza, in programma mercoledì 13 luglio da Bologna, abbiamo speso complessivamente 70 euro a testa, rigorosamente senza bagaglio, per risparmiare anche la coda al check-in.

La partenza da Bologna e l'arrivo nell'hotel di Valencia

Accertata l’impossibilità di amici e parenti di accompagnarci da Imola allo scalo aereo bolognese, decidiamo di partire in auto e di lasciarla al parcheggio P4 dell’aeroporto Guglielmo Marconi, comodamente collegato ai terminal da una navetta che impiega un paio di minuti a coprire le poche centinaia di metri che li separano. Ritirato il ticket del pagamento, 34 euro per 8 giorni di deposito da saldare al ritorno, raggiungiamo il gate giusto in tempo per imbarcarci e partire alla volta del capoluogo spagnolo.

Al termine delle 2 ore di volo, atterrato in perfetto orario, ci troviamo all’aeroporto di Valencia-Manises, 9 chilometri ad ovest del centro, al quale è collegato da una metropolitana molto efficiente, ma piuttosto cara e dagli orari variabili giornalmente. Tuttavia, nonostante sia piuttosto tardi, appena sbarcati riusciamo a prendere uno degli ultimi convogli che ci conduce fino alla fermata Aragon, distante circa 200 metri dal Dormavalencia Hostel, il nostro tetto per le prossime 5 notti.

Prenotato tramite booking.com neanche una settimana prima di partire, quello che dal nome doveva essere un ostello pare più un onesto albergo a 2/3 stelle, grazie alle camere spaziose e pulite, al bagno enorme e ai molti confort offerti, tra cui televisione a schermo piatto e aria condizionata, il tutto alla modica cifra di 184 euro per quattro notti. Il viaggio è andato ottimamente, la vacanza sta per cominciare.

 Pubblicato da il 23/10/2011 - 23.052 letture - ® Riproduzione vietata

17 Ottobre 2014 Alberghi galleggianti: in Norvegia arriva ...

Non è la prima volta che ci occupiamo di alberghi dal design particolare. ...

NOVITA' close