Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Ibiza

Sant Joan de Labritja (San Juan de Labritja): la cittą a nord di Ibiza

Il municipio di Sant Joan de Labritja è il più settentrionale dell’isola e allo stesso tempo il meno popolato. Ciascuno dei tre abitati che lo costituiscono fa mostra di una chiesa imbiancata a calce. Servono come punti di riferimento importanti quando si scelgono i vari percorsi che conducono alle insenature nascoste tra le lussureggianti pinete, dove si ascolta in maniera nitida l’acuto frinire delle cicale.

La parrocchia di Sant Vicent de sa Cala è circondata da pochissime case; da quando nella cala omonima vennero edificati diversi stabilimenti balneari dotati di tutti i servizi necessari, l’attività si svolge sulla costa. La bella spiaggia, anch’essa denominata sa Cala, segna il confine con il municipio di Santa Eulària. Nel caso in cui ci assalisse il desiderio di stenderci su di un lido spazioso dove prendere il sole non esiste un luogo più appropriato del denominato port de ses Caletes. Luogo paradisiaco e recondito, si raggiunge seguendo il cartello di legno sistemato nei pressi della chiesa di San Vincenzo. Nelle sue vicinanze ha inizio il sentiero che conduce alla grotta (cueva) des Culleram, tempio cartaginese dedicato alla dea Tanit. Altro punto appartato e tranquillo è la cala d’en Serra, alquanto complicato da raggiungere. Lo sforzo sarà largamente ricompensato dal piacere di rinfrescarsi nelle sue acque limpide, simili a una piscina all’aperto tranquilla e silenziosa anche nel mese di agosto. A pochi chilometri di distanza si trova l’abitato di Portinatx, in una zona con parecchie insenature e piccole spiagge sulle quali si respira un’aria più fresca.

D’inverno è praticamente deserto e d’estate poco frequentato. Arenal Petit, Arenal Gran, cala Xarraca, s’Illot des Renclí, cala Xuclar sono i nomi di alcune spiagge che si distribuiscono lungo questa costa privilegiata, indimenticabile per chi ha la fortuna di visitarla. È una zona perfetta per la navigazione, sia con imbarcazioni a vela che a motore. I fondali marini sono generosi e indubbiamente costituiscono un richiamo per gli amanti dell’immersione. Il paesino di Sant Miquel, nella parte occidentale dell’entroterra, appartiene al municipio di Sant Joan. Spicca una delle chiese più belle dell’isola: ubicata in cima ad una collina, da essa la vista spazia tutt’intorno per i campi e abbraccia l’intero abitato. Nei mesi estivi, di pomeriggio, è normale assistere a spettacoli di “ball pagès”, il ballo tipico delle isole, tenuto nel cortile della chiesa. Spostandosi in direzione della costa, ci s’imbatte nel puerto de Sant Miquel, una spiaggia con un ampio ventaglio di offerte nautiche e gastronomiche, dalla quale si può raggiungere a piedi un’altra insenatura più nascosta: la cala des Moltons. Sul lato opposto a questa piccola cala, si trova la grotta d’en Marçà, antico luogo di ritrovo dei contrabbandieri. È necessario pagare un biglietto d’entrata per poter ammirare le strane stalattiti e stalagmiti che si trovano all’interno.

La vicina playa de Benirràs offre tramonti magici. Il sole in questo punto si occulta dietro una curiosa roccia che spunta dalle acque del mare: la domenica lo spettacolo è accompagnato dal suono dei tamburi. Lo stesso giorno si tiene un mercatino dell’artigianato, con gli oggetti sistemati sopra la sabbia e illuminati dalle candele. Sarebbe un vero peccato non fare una scappata all’insieme architettonico di Balàfia, in prossimità della parrocchia di San Lorenzo, situata nella zona più all’interno del municipio, ai piedi di una sierra. In esso si possono ammirare cinque case di campagna costruite secondo i canoni dell’architettura tradizionale insulare, oltre a due torri difensive in armonia perfetta con la natura circostante. Si tratta di edificazioni –attualmente di proprietà privata– che servivano da rifugio agli abitanti del villaggio in caso di attacco dei pirati. Le croci bianche dipinte sulla facciata delle torri sembrano invocare protezione contro gli influssi negativi. Foto cortesia, Turismo Ufficiale Ibiza

Fonte: Ufficio Spagnolo del Turismo
Milano 02/72004617 - Roma 06/6783106
Visita Spain.info
 
  •  
loading...
close