Cerca Hotel al miglior prezzo

Falcade, settimana bianca sulla neve della Valle del Biois

Falcade, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Il grazioso centro abitato di Falcade si trova ai piedi delle imponenti pareti rocciose del Focobon, ed insieme alle sue frazioni Caviola, Sappade, Gares garantisce ai villeggianti tutto quello che desiderano per una vacanza sia estiva che invernale, infatti gli abitati sono tutti a misura d'uomo, le possibilità di escursioni e passeggiate sono estremamente varie per lunghezza e difficoltà e d'inverno il comprensorio sciistico offre piste di assoluto valore senza però il traffico e l'affollamento delle stazioni sciistiche di grido.

Rinomata località di villeggiatura della Valle del Biois, Falcade (1.137 m) è un comune di circa duemila abitanti al confine tra Veneto e Trentino Alto Adige, in provincia di Belluno. Il paese è circondato da splendide vette dolomitiche quali Mulaz, Focobon, Marmolada, Pelmo, Civetta, e fa parte del comprensorio sciistico Tre Valli insieme a Moena-Lusia, in Val di Fassa, ed al Passo San Pellegrino. A prescindere dalla stagione, Falcade rappresenta la destinazione ideale per praticare sport all’aria aperta, trascorrere qualche giorno di relax tra le Dolomiti e godere dei sapori genuini della cucina locale; per questo i turisti non mancano mai, neppure d’estate.

A dicembre, se il clima lo permette, si apre la stagione sciistica. Come accennato in precedenza, Falcade è compresa all’interno della Skiarea Tre Valli che, tra Veneto e Trentino, offre più di cento chilometri di piste da sci alpino servite da 27 impianti di risalita e interamente dotate di dispositivi di innevamento programmato. Tra i pregi di Falcade spicca l’opportunità di poter sciare praticamente fino in paese, senza contare i 4 magnifici snowpark che richiamano non solo appassionati di snowboard. Grazie alla scuola di sci grandi e piccini possono prendere lezioni individuali o collettive, mentre chi sa già sciare può cimentarsi con lo Ski Tour della Grande Guerra, che si snoda attorno al Col di Lana per quasi 80 km, o lo Ski Tour delle Emozioni, comprensivo della splendida Pista degli Innamorati che dalla cima del Col Margherita scende fino al centro di Falcade.

Dala frazione Molino una moderna seggiovia quadriposto ad agganciamento automatico porta in pochi minuti sul balcone prativo di Le Buse, i principianti qui troveranno un comodo campo scuola servito da un manovia ed uno skilift dove far pratica o seguire una lezione accompagnati da uno degli esperti maestri della locale scuola di sci. Un'altra veloce seggiovia ci conduce ai 2245 metri della cima del Laresei, qui punto nodale del comprensorio ho varie possibilità: ridiscendere a Falcade su piste di media difficoltà ed un dislivello complessivo che supera i mille metri, oppure muovermi in direzione del Passo Valles, o ancora scendere fino al lago Cavia e da qui risalire in seggiovia fino al Col Margherita e tramite la bellissima pista nera inserirmi nel nuovo “Skitur delle Emozioni”. Questo circuito unisce le ski aree di Falcade, del Passo San Pellegrino e dell'Alpe Lusia-Bellamonte ed è caratterizzato da una perfetta combinazione di sci su piste molto lunghe e divertenti inframezzate da brevi passaggi su skibus per l'attraversamento delle zone incontaminate tra le quali merita di essere segnalata la bellissima foresta di Paneveggio.

Il rientro a Falcade dal Passo Valles avverrà percorrendo la famosa pista degli innamorati lunga quasi dieci chilometri dove ci si lascia dolcemente portare dalla dolce pendenza mentre si contemplano le bellezze dei boschi che la circondano.
Questa ski area è caratterizzata da pochi moderni impianti a fune ottimamente posizionati, quindi non si ha l'impressione di sciare in un reticolo di funi d'acciaio, piste molto ben tenute servite da un potente impianto d'innevamento programmato garanzia di sciabilità sempre ottimale e cosa che non guasta rifugi e bar che punteggiano le piste.

Il paesaggio della parte alta del comprensorio è caratterizzato da pendii in campo aperto che consente agli snowboader ed ai freeriders piacevoli divagazioni in neve fresca, il tutto seguendo sempre le raccomandazioni di sicurezza in particolare dopo abbondanti nevicate quando i pendii sono molto invitanti, ma molte volte anche molto pericolosi.

Altrettanto ricca è l’offerta per gli appassionati degli sci stretti. In paese si trova un rinomato centro di fondo che vanta un tracciato di oltre 8 km con anelli di varia difficoltà interamente coperti dal servizio di innevamento programmato, ma a breve distanza si trovano anche il Centro Fondo Alochet, al Passo San Pellegrino, ed il Centro Fondo Val Gares. Per i principianti è a disposizione un campo scuola di 2 km dove prendere lezione da maestri altamente qualificati, mentre i più abili non potranno che innamorarsi della pista Pietro Scola.

La pratica dello sci nordico è possibile a Falcade presso il centro fondo situato presso la pista Pietro Scola dove un anello piuttosto tecnico di 7,5 chilometri ha la parte centrale di due chilometri dotata di un impianto d'illuminazione per la pratica in notturna ed un impianto d'innevamento artificiale ne arricchisce il richiamo. Un'altro centro fondo è presente in località Gares, qui sono tracciati diversi anelli di lunghezza e difficoltà crescente fino agli anelli agonistici di 5 e 7,5 chilometri.

Per chi non scia l'inverno a Falcade non è certo noioso infatti le escursioni con le racchette da neve ci portano nel silenzio dei boschi, oppure presso il rifugio Flora Alpina al Passo San Pellegrino grandi e piccini si possono lanciare in un emozionante discesa su uno dei gommoni delle snow tubing; il centro di Falcade consente inoltre dei romantici giri in slitta trainata da cavalli ed anche il pattinaggio su ghiaccio.

L'estate trascorsa qui a Falcade è altrettanto ricca di possibilità di svago si parte con l’osservazione dell’architettura tipica della valle del Biois costituita dai Tabià caratteristiche costruzioni in legno e pietra che a partite dal lontano 1600 hanno cominciato a popolare la vallata, la loro funzione era di stalla e fienile, ma intorno ad essi ruotava in reltà la vita di tutta la famiglia, oggi ne sono rimasti oltre trecento. Salendo da Belluno verso Falcade si passa nei pressi del paese di Canale d’Agordo, questo pease è famoso per aver dato i natali ad Albino Luciani che venne eletto papa dopo Paolo VI, presso la chiesa è visitabile una mostra dedicata a questo Papa ed al suo breve pontificato.


L’estate è la stagione dei trekking su e giù per la Valle del Biois, dall’Agordino al Passo San Pellegrino. Gli itinerari presentano lunghezze e difficoltà molto diverse, prestandosi alle esigenze di escursionisti più o meno esperti. Tra i percorsi più semplici ricordiamo il Giro delle Coste, che da Falcade Alto tocca i 1.370 metri di altitudine di Somor, tra i più difficili il Gares – rifugio Rosetta, che porta oltre i duemila metri nel massiccio delle Pale di San Martino. Le maggiori alternative al trekking sono la mountain-bike, l’equitazione e la pesca.

L’escursioni che si possono fare sono talmente numerose che ci permettiamo di segnalarne solo due, una veramente alla portata di tutti e quella che ci porta alla Valfredda, questa valle non lontano dal Passo San Pellegrino è ancora incontaminata i dolci pendii che la caratterizzano sono solo punteggiati da alcuni tipici casoni unico segno della presenza umana; invece riservata a gitanti più esperti ed allenati è la salita agli oltre 2500 metri del rifugio Mulaz, i sentieri che dalla valle lo raggiungono sono numerosi e permettono quindi di organizzare la gita anche con la salita su di un itinerario diverso dalla discesa. Data la presenza di pareti rocciose sono numerose anche le possibilità di arrampicata per le quali sono a disposizione le guide alpine della val Biois.
Per i più piccoli oltre al campo giochi presente in Falcade le guide alpine e le guide naturalistiche organizzano escursioni naturalistiche con osservazioni della flora e della fauna montane.

L’offerta ricettiva di Falcade e delle sue frazioni è costituita da 30 alberghi di tutte le categorie, dal prestigioso quattro stelle fino al B&B, tutti però con in comune l’attenzione verso l’ospite; molte di queste strutture si sono dotate di piscina e centro benessere. Per i buongustai è stato creato il circuito gastronomico “I ristoranti del cuore”, undici ristoranti hanno sviluppato dei menù che ripercorrono la tradizione culinaria locale con anche alcune rivisitazioni e per chi vuole una cena romantica c’è il “Piatto dell’amore”.

Raggiungere la val Biois è molto facile, si esce dall’autostrada A27 Mestre-Belluno e da qui 45 chilometri di ottima strada di fondovalle ci conducono a destinazione, un’altra via che si può percorrere parte dall’uscita di Egna-Ora dell’autostrada del Brennero e dopo aver percorso la val di Fiemme a Moena di devia verso il Passo San Pellegrino e dopo averlo scollinato si scende a Falcade. Foto Flickr, cortesia: igorlazunna e ms4jah

Dove sciare?

Da Falcade sono raggiungibili, nel raggio di 30km, 22 comprensori sciistici: il comprensorio sciistico Falcade - Passo San Pellegrino Aperta stagione (di cui fa parte), il comprensorio sciistico Passo Rolle - Rollepass Aperta stagione (a 8 Km), il comprensorio sciistico Predaia Fine stagione (a 9 Km), il comprensorio sciistico Passo Mendola - Prati di Golf Fine stagione (a 9 Km), il comprensorio sciistico Passo Fedaia - Marmolada Aperta stagione (a 11 Km), il comprensorio sciistico San Martino Di Castrozza - Passo Rolle Fine stagione (a 11 Km), il comprensorio sciistico Ciampac - Buffaure Fine stagione (a 12 Km), il comprensorio sciistico Alba - Ciampac Aperta stagione (a 13 Km), il comprensorio sciistico Ski Civetta Aperta stagione (a 14 Km), il comprensorio sciistico Passo Lavaze - Oclini Fine stagione (a 14 Km), il comprensorio sciistico Canazei - Belvedere - Passo Pordoi Aperta stagione (a 15 Km), il comprensorio sciistico Arabba Marmolada Aperta stagione (a 15 Km), il comprensorio sciistico Pozza di Fassa - Aloch - Buffaure Aperta stagione (a 16 Km), il comprensorio sciistico Moena - Alpe Lusia - Val di Fassa Aperta stagione (a 16 Km), il comprensorio sciistico Vigo di Fassa Aperta stagione (a 17 Km), il comprensorio sciistico Campitello di Fassa - Col Rodella - Sellajoch Aperta stagione (a 17 Km), il comprensorio sciistico Alpe di Pampeago Aperta stagione (a 20 Km), il comprensorio sciistico Carezza / Karersee Aperta stagione (a 21 Km), il comprensorio sciistico Val Gardena - Groden Aperta stagione (a 24 Km), il comprensorio sciistico Latemar - Obereggen - Val di Fiemme Fine stagione (a 26 Km), il comprensorio sciistico Alta Badia Aperta stagione (a 28 Km) e il comprensorio sciistico San Vito di Cadore Fine stagione (a 29 Km).

Per le nevicate previste e l'innevamento delle piste consultate:
» il Bollettino neve Falcade - Passo San Pellegrino.
» il Bollettino neve Passo Rolle - Rollepass.
» il Bollettino neve Predaia.
» il Bollettino neve Passo Mendola - Prati di Golf.
» il Bollettino neve Passo Fedaia - Marmolada.
» il Bollettino neve San Martino Di Castrozza - Passo Rolle.
» il Bollettino neve Ciampac - Buffaure.
» il Bollettino neve Alba - Ciampac.
» il Bollettino neve Ski Civetta.
» il Bollettino neve Passo Lavaze - Oclini.
» il Bollettino neve Canazei - Belvedere - Passo Pordoi.
» il Bollettino neve Arabba Marmolada.
» il Bollettino neve Pozza di Fassa - Aloch - Buffaure.
» il Bollettino neve Moena - Alpe Lusia - Val di Fassa.
» il Bollettino neve Vigo di Fassa.
» il Bollettino neve Campitello di Fassa - Col Rodella - Sellajoch.
» il Bollettino neve Alpe di Pampeago.
» il Bollettino neve Carezza / Karersee.
» il Bollettino neve Val Gardena - Groden.
» il Bollettino neve Latemar - Obereggen - Val di Fiemme.
» il Bollettino neve Alta Badia .
» il Bollettino neve San Vito di Cadore.
  •  
14 Dicembre 2017 Il Calendario dell'Avvento Vivente a Noale ...

Dal 1° al 24 dicembre la vivacissima Noale, cittadina di oltre 15.000 ...

NOVITA' close