Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Leukerbad

Leukerbad, vacanza tra terme e neve in Svizzera

Pagina 1/2

Dinamici o amanti del relax, avventurieri o appassionati di cultura, cercatori di novità o di tradizione: tutti troveranno a Leukerbad una meta ideale per le proprie vacanze, in uno scenario naturale mutevole e ricco, custode di opere d’arte preziose e popolato da anime gentili. Siamo in un borgo di 1600 abitanti adagiato in fondo alla Valle della Dala, nel Canton Vallese, in Svizzera.

Situato 15 km a nord di Leuk, Leukerbad è un paese grazioso a misura d’uomo, che si inserisce armoniosamente in un paesaggio selvaggio. Ci si sente intimiditi e affascinati davanti al fascino potente delle montagne, al cospetto dei verdi brillanti e del silenzio avvolgente che domina la vallata. Dalla cittadella, poi, il panorama è particolarmente pittoresco, tanto originale da sembrare l’invenzione di un artista: a un lato del borgo si innalza una parete rocciosa immensa, aspra e bellissima; sul fronte opposto si stende a perdita d’occhio la foresta, fresca di verdi intensi.

Cosa fare e cosa vedere a Luekerbad

Un paesaggio generoso non solo per le sue vedute panoramiche: la natura nei pressi di Leukerbad ci regala anche delle fonti termali importanti, che ne fanno la stazione termale più grande di tutte le Alpi. La più grande stazione termale d'Europa è un'attrattiva imperidbile per i turisti, che trovano in ogni momento dell’anno una pace e un silenzio insuperabili.
Già in uso all’inizio del Cinquecento, quando il Cardinale Schinder comprò i diritti per l’uso delle fonti calde, le terme nacquero come stazione di lusso riservata ai benestanti, e da subito riscossero un grande successo in tutto il continente. Quando, nel 1850, venne sostituita la vecchia mulattiera con una strada vera e propria che portava in paese, a Leukerbad cominciò a fiorire il vero turismo termale.

Oggi il successo continua. Le sorgenti regalano quotidianamente quasi 4 milioni di litri d’acqua, che vanno ad alimentare i 22 bacini di Leukerbad, dopo aver compiuto un lungo viaggio sotterraneo dalla regione del Torrenthorn. Dopo aver assorbito calcio e solfato, le acque riaffiorano in superficie sotto l’effetto del calore.
E’ qui che intervengono l’esperienza e la dedizione dei professionisti, che nel centro termale regalano ai visitatori momenti di relax indimenticabile: tante piscine calde o fredde, una zona di gioco per i bambini, le saune, le sale fitness e i solarium vi stupiranno con ambienti estremamente curati e moderni.

Nella regione del Torrent, dove nascono le preziose fonti, il paesaggio incontaminato offre tanti altri spunti per i soggiorni estivi. La vegetazione lussureggiante invita alle passeggiate verso la montagna o la bassa quota, con una vasta scelta di sentieri che spaziano dai percorsi panoramici rilassanti alle sfide più ardue.

Ma la stagione in cui Leukerbad dà il meglio di sé è forse l’inverno, quando il verde si nasconde sotto il bianco scintillante della neve e le montagne diventano paradisi del divertimento. Le piste si snodano per circa 50 km: la vetta più alta, a 2850 metri di quota, è raggiungibile mediante uno skilift, e da qui si può affrontare la discesa chiamata “Direttissima”, che in un lampo vi fa scendere a 1400 metri. Se il panorama, già spettacolare, non vi dovesse accontentare, potrete imboccare un sentieri che vi condurrà alla cima del Torrenthorn, a 2998 metri: da qui si possono ammirare il Massiccio del San Gottardo e il Monte Bianco, passando per il Rothorn, il Weisshorn ed il Matterhorn.

... Pagina 2/2 ... Lo scenario ideale per lo sci di fondo è il Passo della Gemmi (Gemmipass). La Gemmi, a dire il vero, è una parete rocciosa a prima vista invalicabile, che nasconde un sentiero tortuoso e affascinante di collegamento tra Leukerbad e il Passo della Gemmi (2322 metri s.l.m.). Utilizzato sin dal Medioevo, un tempo il passaggio era l’unica risorsa per chi voleva viaggiare dal Vallese al Canton Berna, o dal sud al nord della Svizzera. Solcato da mercanti, soldati e viandanti, inseguito amatissimo da artisti e poeti, oggi è uno stupendo sentiero di media difficoltà che consente in due ore di raggiungere il Passo Gemmi. In alternativa, la Gemmibahn è una funivia d'epoca che conduce gli escursionisti lungo il crinale fino al Gemmipass e al Lago Dauben.

Se le meraviglie del paesaggio e le emozioni dello sport non vi bastano, apprezzerete le testimonianze storico-artistiche custodite nel centro di Leukerbad. Il gioiello più prezioso, a dire il vero, è di creazione piuttosto recente: si tratta della piazza del paese, inaugurata nell’ottobre del 2003 e concepita come un vero e proprio palcoscenico, decorata con una parete d’ottone lungo la quale scorre l’acqua termale. In inverno la cascata emana una nube di vapore suggestiva, che va ad avvolgere la scalinata ad anfiteatro e la colonna monumentale: qui, come in un teatro, si svolgono importanti eventi culturali, concerti e spettacoli.

Sulla piazza del paese si affaccia la Galerie St.Laurent, un ex bagno termale, oggi utilizzata dagli artisti locali e nazionali come spazio espositivo. Tra le manifestazioni più note che animano la piazza, proprio di fronte alla galleria, c’è la festa nazionale dell'1 agosto, che vede susseguirsi banchetti, danze folkloristiche, spettacoli musicali e assaggi di vino. Dopo il tramonto la notte è illuminata dai fuochi d’artificio, che scagliano bagliori infuocati verso le pareti rocciose delle vicine montagne.

Clima

Da vero paese di montagna, Leukerbad gode di un clima tipicamente alpino, caratterizzato da inverni rigidi e secchi e estati fresche, talvolta colpite da temporali fugaci. Le temperature medie del mese più freddo, gennaio, vanno da una minima di -4°C a una massima di 2°C, mentre in luglio e agosto si passa dai 13°C ai 23°C. Le precipitazioni, scarse in inverno, raggiungono l’apice nel mese di giugno, quando piove in media un giorno ogni due.

Come arrivare a Leukerbad

Raggiungere Leukerbad dall’Italia non è difficile: l'accesso più comodo, per chi viaggia in auto, è probabilmente il passo del Sempione, raggiungibile da Milano mediante la A26 e la SS33 fino a Tesquera e, subito dopo, Iselle, dove c'è la Dogana Italiana. Da Iselle la strada sale fino ai 2005 metri del passo del Sempione: da qui si inizia a scendere verso Brig, si continua verso Losanna e Sion, si passa per Visp e per Susten e, subito dopo, c'è il paese di Leuk. Per finire si lascia la provinciale e si sale sulla destra in direzione di Leukerbad.

Ogni ora un autobus collega Leuk e Leukerbad con un viaggio di circa 30 minuti; la piccola stazione degli autobus si trova proprio a fianco dell'ufficio turistico.

Chi preferisce il treno dovrà scendere alla stazione di Leuk-Susten, sulla linea Brig-Sion, da cui partono collegamenti regolari per Lukerbad.
Gli aeroporti più vicini sono quelli di Ginevra, Zurigo e Basilea, rispettivamente a 190 km, 230 km e 280 km.
loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close