Cerca Hotel al miglior prezzo

Brunico (Bruneck), sciare e non solo in Val Pusteria (Alto Adige)

Pagina 1/2

  • Castello di Brunico
Brunico (Bruneck) deve le sue fortune alla sua splendida posizione geografica: già nella protostoria la sua regione presentava testimonianze di insediamenti, con tracce lasciate nell’età del bronzo e del ferro, ma anche in epoca romana la val Pusteria era attraversata da una importante via di comunicazione.
Brunico si trova infatti nel cuore della Val Pusteria, la valle disegnata dal fiume Rienza, là dove vanno a convergere la Val Badia proveniente dai massicci dolomitici e la val di Tures - Valle Aurina che si apre direttamente sotto la vetta d’Italia. Oggigiorno però l’importanza della sua posizione è accresciuta dalla presenza di Plan de Corones (Kronplatz), una montagna che è diventata uno dei comprensori sciistici più importanti d’Europa e del mondo intero.

Per gli appassionati di sci Brunico è famosa come punto di partenza per salire alle piste di Plan de Corones, Kronpklatz in tedesco. Gli impianti si trovano appena a sud di Brunico, presso la località di Riscone (Reischsch) da dove si può utilizzare due telecabine ciascuna suddivisa in due tratte che conduce ai 2275 m della vetta. Qui si trova la celebre campana Concordia 2000 che batte la sua nota tutti i mercoledì, i venerdì ed i sabato alla 12:10 in punto, ma che è destinata a battere anche per le eventuali, ed auspicate, notizie di pace provenienti dal mondo.
Plan de Corones oltre a presentare impianti perfettamente tenuti è anche un luogo di grandi panorami ed è molto apprezzato anche da chi non pratica lo sci o lo snowboard, e la cabinovia principale è aperta anche durante la stagione estiva.

Tra le altre attrattive naturali di Brunico segnaliamo il particolare fenomeno delle Piramidi di Terra, delle forme di erosione causate da terreni incoerenti in cui si trovano anche massi di certe dimensioni: la pioggia erode i terreni, ma là dove si trova un sasso più grande si forma una sorta di ombrello naturale che protegge l’erosioe e crea dei pinnacoli di terreno molto suggestivo. Questo fenomeno si può ammirare nei pressi di Brunico in due zone distinte: nel comune di Perca, ad est di Brunico, con le Piramidi di Plata, e tra Brunico e Bressanone presso il villaggio di Terento.

Un'escursione interessante è quella che conduce al Castello di Chela posto un´altitudine di quasi 1200 a nord-est della città, ora solamente una rovina ma di grande fascino e ricco di storia. Le sue origini sono antiche visto che le fondamenta furono gettate da S. Albuino, poco prima dell’anno 1000. Sempre in zona sono da segnalare i villaggi di S. Caterina e S. Giorgio, posti praticamente all’imbocco della valle di Tures. Risalendo quest’ultima si arriva a Campo Tures, dominato dal celebre Castello Neumelans. Risalendo ulteriormente la valle si raggiunge la Val Aurina, magicamente incorniciata dai contrafforti dello spartiacque alpino, e la Vetta d’Italia, il punto geografico più a nord del nostro paese, che chiude la sua testata.

Tra gli eventi ricordiamo il famoso Mercatino di Natale di Brunico, luogo dove fare shopping durante il periodo dell’avvento, specie se siete innamorati del magnifico artigianato del sudtirolo e dei manufatti in legno. La manifestazione si svolge presso la Piazza del municipio e nella adiacente via Bastioni. In genere la durata del Mercatino di Natale va da fine novembre fino all’Epifania, con esclusione del giorno di Natale.
... Pagina 2/2 ...
Brunico si raggiunge utilizzando l’autostrada del Sole A22. Risalendola a nord di Bolzano si supera l’uscita della Val Gardena e si esce a Bressanone (Brixen). Da qui si seguono le indicazioni per la Pustertal - val Pusteria e in meno di 30 km di ondulato fondovalle si raggiunge il centro di Brunico. In alternativa, per chi proviene dalle parte più orientali del nord-est, si può raggiungere la città risalendo da Tolmezzo a Sappada, scendere in valle Pusteria presso Dobbiaco (Toblach). Da qui ci sono poco più di 25 km per arrivare fino a Bruneck. In alternativa Brunico può essere raggiunta anche in treno.

Brunico si trova a 838 m sul livello del mare, ed è quindi una località di villeggiatura posta ad una quota intermedia. Per la stagione estiva questa significa una valore di temperature gradevole, mai eccessivamente caldo o troppo fresco, con una bella illuminazione della valle che garantisce tante ore di luce. la regione intorno alla città possiede comunque un clima continentale umido, che in estate è caratterizzato da apporti consistenti di precipitazioni anche se il loro carattere temporalesco concede spazio a schiarite e giornate limpide. Le massime raggiungono i questo periodo valori intorno mediamente ai 20 °C e punte fino a 24-25 °C e rari picchi fino a 28-30 °C.
Il clima continentale rende fredda la stagione invernale anche se più avara di precipitazioni rispetto alle altre stagioni. Le minime in valle scendono a valori decisamente sotto gli zero gradi (-5/-7 °C) a causa delle frequenti inversioni termiche, e il passaggio delle perturbazioni atmosferiche comportano la caduta di precipitazioni, spesso a carattere nevoso.

Brunico è dominata dal suo Castello che si erge circa una trentina più in alto dell’abitato, in sinistra idrografica del fiume Rienza. Da notare in questa costruzione originaria del tredicesimo-quattordicesimo secolo il bel maschio merlato, e nelle vicinanze un interessante cimitero di guerra nelle vicinanze (waldfriedhof), che accoglie i caduti della Prima Guerra Mondiale.
Il centro è pulito ed ordinato e verte intorno alla via di Città, il cuore del centro storico con case tipiche del sud-tirolo e negozi dove fare shopping. Appena a nord di Brunico, presso la frazione di Teodone si trova l’interessante Museo Provinciale degli Usi e Costumi (Mair am Hof), ambientato in una residenza storica ricostruisce gli ambienti tipici delle attività della val Pusteria, con edifici attrezzi e manufatti di utilizzo domestico.

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close