Cerca Hotel al miglior prezzo

Tonale - Ponte di Legno: gli impianti sciistici dell'Adamello Ski

Passo del Tonale, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La Cima Presena ne è l'autorevole testimone: nell'ultimo decennio il comprensorio sciistico dell'Adamello ha fatto passi da gigante, affrontando e superando le questioni che ponevano di fronte alla necessità di rinnovamento e ampliamento degli impianti, e di salvaguardia della natura. Del resto Temù, Ponte di Legno e Passo del Tonale si trovano alle porte del Parco Nazionale dello Stelvio da una parte e del Parco Regionale Adamello-Brenta dall'altra. I rappresentanti del Consorzio hanno deciso di sostenere una domanda sempre crescente di visitatori con la creazione di un collegamento, totalmente ""via fune", da Temù al Passo del Tonale, spostando quindi il traffico veicolare sulla troppo spesso congestionata Statale 42, Questa vera e propria 'autostrada sospesa' è già stata completata con una nuova cabinovia che collega il tratto che va dai 1875 metri del T onale ai 2585 del Passo del Ponticello, più noto con il nome di Paradiso. la parte portante di questo progetto, dallo onirico nome di "Grande Sogno", sarà completato la prossima stagione invernale, quando entrerà in funzione la cabinova a otto posti ad ammortamento automatico da Ponte di legno fin direttamente alle piste del Tonale.

La sapiente mano degli autori di questo ambizioso progetto si è evidenziata nella capacità di realizzare grandi infrastrutture, cercando comunque di rispettare sempre il paesaggio, qui davvero fantastico, tra i massicci dell'Adamello-Presanella e dell'Ortles-Cevedale nella parte più a Nord dell'Alta Val Camonica, oppure nel panoramico anfiteatro naturale su cui domina la Vedretta di Presena (3100 m), tra la Val Camonica e la Val di Sole, nel confinante Trentino Alto Adige. Certo bisognerà prestare attenzione per cercare di non perdere le peculiarità socioculturali di questa parte di lombardia, fino a pochi decenni fa basata su un'economia prevalentemente di tipo agricolo-pastorale. Anche se le prime tracce di turismo da queste parti risalgono addirittura alla seconda metà dell'Ottocento, quando i pionieri dell'alpinismo facevano base a Ponte di legno per le salite ai 3223 metri del Monte Gavia o ai 2694 del Tonale. In attesa che il Grande Sogno termini di essere realizzato, gli sciatori possono divertirsi sugli oltre 80 km di piste attive (più della metà sono coperte da innevamento artificiale). Il comprensorioAdamelio Ski è diviso in due parti: Ponte di Legno-Corno D'Aola-Temù e Passo del Tonale-Presena. A Ponte di Legno, proprio In questa stagione invernale, sono state inaugurate diverse nuove seggiovie: Temù-Roccolo, Ventura, La Croce-Santa Giulia, Casola-Santa Giulia, CasolaDoss delle Pertiche, allargando notevolmente le possibilità di scelta degli itinerari di discesa degli sciatori. Tra le piste più note di questa area va ricordata certamente la 'nera' del Corno d'Aola, adatta soprattutto a discesisti dotati di una certa tecnica. Belle e impegnative anche la Doss delle Pertiche e la Temù. Decisamente più vasta l'area del Tonale, la quale si stende sia sul versante settentrionale della Cima Presena, sia su quello meridionale del Monte Tonale (2694 m) e della Cima Cadì (2606 m).

Per i più piccoli il divertimento è assicurato nel Fantaski Kindergarten, dotato di nastro trasportatore, scuola di sci e giochi sulla neve. La nuova telecabina Paradiso collega in soli 8 minuti il Passo del Tonale (1883 mi con il Passo del Paradiso (2573 m). Da lì si diparte un carosello di impianti che raggiunge i 3000 metri delle cime Presena, Busazza e Presa nella. Le piste sono lunghe e ampie, da segnalare le 'nere' Paradiso e Presena Sinistra. Almeno nuove cinque piste verranno realizzate con l'entrata in funzione della telecabina Ponte di Legno-Tonale il prossimo inverno (attualmente è in servizio un bus navetta gratuito), andando così ad incrementare il già ampio carosello dell'intero comprensorio. Di pari passo con la creazione di nuovi impianti e nuove piste, il consorzio provvede anche alla copertura dei tracciati con innevamento artificiale. In un vero e proprio "Paradiso dello sci", non potevano mancare impianti di alto livello anche per le altre discipline invernali; molti, infatti, gli itinerari di scialpinismo percorri bili nei dintorni di Ponte di Legno: tra i più suggestivi, le salite alla Vedretta del Pisgana, nella zona del Mortirolo e nella Valle delle Messi; di pari suggestione le escursioni sull'Adamello, attraverso Vedretta del Mandrone, Pian di Neve e Cima Sorti.
Per gli appassionati di sci nordico resta solo da decidere quali impianti visitare: l'anello in località Sozzine (2,5 km) lungo il Torrente Narcanello, il tracciato a Valbione (1,5 km) oppure al Passo del Tonale (2,5 km facili; 3 km medi; 5 km difficili) omologato per competizioni internazionali.

Lo sleddog (slitte trainate da cani husky) rimanda ad altre culture lontane, rese più vicine da un paesaggio simile e dalla professionalità della scuola italiana di sleddog di Ponte di Legno, dove è possibile frequentare dei corsi. Nel magico rapporto tra natura ed escursionismo trovano posto anche le passeggiate a cavallo e le uscite con le racchette da neve. L'offerta artistico-culturale si compone a Ponte di Legno nella visita della parrocchiale dedicata alla SS. Trinità, edificata nel 1685, con opere lignee di grande valore e che nella sacrestia conserva preziosi oggetti d' oreficeria e croci del XV-XVIII secolo. A Temù, il Museo della Guerra Bianca con armi e proiettili d'artiglieria, volumi e documenti, bandiere, fotografie d'epoca e la ricostruzione di una baracca-ricovero risalenti alla 'Grande Guerra'. Fonte: Regione Lombardia

  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close