Cerca Hotel al miglior prezzo

Passo Stelvio: sciare sulle piste dei grandi campioni

Il Passo dello Stelvio subisce costantemente il gelido abbraccio dei ghiacciai del maestoso gruppo Ortles-Cevedale, all'interno del Parco Nazionale dello Stelvio, tra Lombardia, Alto Adige e Trentino. L'apertura estiva non è certo uno svantaggio se si pensa a tutti quegli appassionati dello sci che non riescono ad attendere l'inverno per calzare guanti e scarponi, Nonostante le temperature elevate, la neve mantiene un'ottima consistenza, tanto da richiamare da queste parti i grandi campioni nella loro fase di preparazione atletica; nel recente passato era probabile veder sfrecciare sulle piste personaggi del calibro di Thoeni, Tomba, Compagnoni o Girardelli.

Questa tradizione prosegue con le più importanti squadre nazionali di sci alpino e nordico. In ogni modo non solo medagliati olimpici hanno il diritto di scendere dagli oltre 3000 metri di queste cime; molte sono, infatti, le scuole di sci dalla storia prestigiosa al servizio dei sempre tanti principianti.

Otto impianti di risalita garantiscono rapidità e comfort ai turisti che, una volta giunti in vetta, si disperdono lungo gli oltre 20 km di piste. Tra le più emozionanti la Livrio, la Geister e la Nagler, tutte e tre sotto la mole della Punta degli Spiriti (3467 m). Ad eccezione di due funivie, la risalita si effettua tramite skilift (sei in tuttol. dal momento che la collocazione delle piste sul ghiacciaio rende difficoltosa la costruzione di altri mezzi di risalita. Memorabili i tracciati che precipitano dal

Monte Cristallo (3434 m), anche per gli snowborder in cerca di un po' di 'fresca', magari lungo le discese dello Scorluzzo, della conca del Madaccio e della Valle dei Vitelli. Per le tavole è stato attrezzato un nuovo snowpark con tanto di half-pipe. Tre tracciati: la pista Folgore (2760 m) al passo, la Livrio (3174 m) e il tracciato di livello internazionale del Cristallo Briko, lungo 8 km a quota 3250, compongono l'offerta per lo sci nordico.

La fedele ricostruzione di una trincea della Grande Guerra è esposta al Museo Storico Carlo Donegani, mentre un'esauriente documentazione racconta le fasi di costruzione della Strada Imperiale dello Stelvio, voluta da Francesco I tra il 1820 e il 1825. Fonte: Regione Lombardia
  •  
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close