Cerca Hotel al miglior prezzo

Galtür (Tirolo), settimana bianca nella località sciistica austriaca

Galtur, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Chiudere gli occhi, inspirare profondamente e prestare attenzione alla voce della montagna: a Galtür bastano pochi semplici gesti per sentirsi più che mai vivi, in contatto con la natura, un po’ intrusi e un po’ benvenuti in un paesaggio che appare come una bella sfida. Qui, nell’Alta Valle di Paznaun, in Tirolo, l’Austria dà il meglio di sé in quanto ad aria pura, cieli tersi, pascoli vellutati e montagne maestose, che in inverno si glassano di neve. Con meno di mille abitanti e una postazione privilegiata nelle Alpi Centrali, sul versante orientale, Galtür è una meta turistica affascinante a soli 35 km da Landeck, poco lontana dal confine della Svizzera e del Vorarlberg.

La stagione fredda è l’età dell’oro di Galtur, grazie ai suoi 40 km di piste suddivisi tra discese facili e rilassanti, medie o più difficili, adrenaliniche e avventurose come piacciono agli sciatori più esperti. Tanto le famiglie quanto i gruppi di amici troveranno la formula più adatta alle proprie esigenze, assaporando i paesaggi selvaggi che abbracciano i tracciati e usufruendo dei dieci impianti di risalita, per non parlare della pista illuminata che il mercoledì sera consente di sciare sotto le prime stelle.

Divenuta tristemente famosa nel 1999 a causa di una enorme valanga, che travolse e distrusse gran parte del villaggio, Galtür ha saputo risollevarsi e oggi sa proporre un’offerta turistica sicura e moderna, ma nei secoli passati ha dovuto fare i conti con diversi momenti difficili: durante la Guerra dei Trent’anni, ad esempio, il borgo è stato gravemente danneggiato, la chiesa e molte case furono messe a ferro e fuoco e soltanto nel XIX secolo vennero costruite le prime strade che attraversavano la Valle di Paznaun. In quel tempo il villaggio era molto povero, costituito da appena una chiesa, qualche locanda e una misera manciata di abitazioni, ma con la creazione del primo albergo e delle piste da sci la prosperità della valle crebbe sino al successo odierno.

Il comprensorio sciistico locale si chiama Silvapark e si trova a un paio di chilometri fuori dal villaggio, nella piccola località di Wirl, che si può raggiungere mediante un servizio di bus, così come le altre destinazioni della valle tra cui Ischgl, Kappl e See. Giunti a Wirl si può scegliere di prendere la seggiovia Alpkogelbahn (la Gondola d’Oro) o la Birkahahnbahn, entrambe accessibili a sciatori e snowboarder e comodissime per raggiungere rapidamente le vette. Finalmente sulla cima, si scoprono le infinite risorse del Silvapark: 40 km di piste servite da 3 seggiovie, una cabinovia e 5 piccole sciovie, per non parlare degli splendidi fuoripista riservati ai professionisti. E quando si ha bisogno di riposo ci si può ristorare nei rifugi o nelle baite, con i piatti più appetitosi della cucina austriaca.

Non manca nulla per sentirsi in pace con il mondo: scenari idillici che sembrano aspettare di essere catturati con la macchina fotografica, oltre all’accoglienza perfetta di hotel, chalet in impeccabile stile austriaco o appartamenti da affittare per quanto si vuole. In paese non mancano un panificio, una bottega di macelleria, una bella chiesa e tanti punti noleggio in cui procurarsi l’attrezzatura idonea allo sci, e i più dinamici potranno divertirsi nel centro sportivo tra piscina, campi da tennis e da squash.

Ad incorniciare il tutto c’è il tipico clima montano, con inverni rigidi e carichi di neve, e estati miti, mai afose, rinfrescate piuttosto spesso da temporali improvvisi e fugaci. Le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di -7°C a una massima di 1°C, mentre in luglio e agosto si va dai 13°C ai 25°C. Le piogge si concentrano tra giugno e luglio, quando piove in media per 18 giorni al mese.

Per raggiungere Galtür si può scegliere tra varie opzioni. In aereo, servendosi della compagnia Austrian Airlines, si può volare sino ad Innsbruck da Milano, Roma, Bologna, Firenze, Roma e tante altre città italiane. Può essere conveniente anche il volo sino a Vienna da Roma e Milano, per poi continuare con un’auto a noleggio. Chi si sposta in auto da Innsbruck deve prendere la A12 verso Bregenz, uscire a Landeck e proseguire sulla strada 188 per una trentina di chilometri. Dalla Svizzera invece si continua fino a Feldkirch, poi ci si dirige verso Landeck e si seguono le indicazioni sino alla meta.
  •  

 Pubblicato da - 13 Gennaio 2011 - © Riproduzione vietata

News più lette

16 Dicembre 2017 La Mostra del Radicchio Rosso a Mogliano ...

Nel cuore della marca trevigiana, nel comune di Mogliano Veneto, dal 16 ...

NOVITA' close