Cerca Hotel al miglior prezzo

Ischgl (Austria), settimana bianca in Tirolo a Silvretta Arena

Ischgl, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

A volte basta poco per toccare il cielo con un dito, ma se ci si avventura a 1380 metri di quota, magari con un paesaggio mozzafiato tutt’intorno, l’impresa risulta ancora più facile. E se la località scelta è Ischgl, nel cuore delle montagne austriache del Tirolo, nel distretto di Landeck, la sensazione di pace e di libertà è davvero assicurata: qui, in questo borgo caratteristico circondato da colossi rocciosi, le atmosfere sono quelle genuine di un tempo e i ritmi sono quelli lenti e squisiti segnati dalle albe e dai tramonti. Soltanto sulle piste da sci le velocità aumentano, e accanto a chi cammina con calma c’è chi sfreccia sulla neve fresca.

Il comprensorio sciistico si trova infatti subito sopra a Ischgl, tra i 1400 e i 2900 metri di altitudine: è la stazione di Silvretta Arena, comodamente collegata con il comprensorio svizzero di Samnaun, sino a raggiungere la Valle Fimbatal. Incastonato in una sottile valle tirolese, scavata dal corso del Trisanna, il paese è una culla di tranquillità ma anche una località turistica rinomata, apprezzata tanto in inverno quanto in estate, a seconda che si amino le piste candide e avventurose o i tracciati appassionanti abbracciati dal verde.

Tra le caratteristiche della zona che per prime colpiscono i visitatori c’è la presenza, sui ripidi versanti vallivi, di numerosi impianti paravalanghe, collocati sulle cime più elevate con lo scopo di prevenire incidenti simili a quelli verificatisi in passato, ad esempio nel corso dell’Ottocento. Ma il paesaggio intorno a Ischgl si contraddistingue anche per tanto altro: l’ambiente è costellato di piccole frazioni incantevoli, che tutte insieme, compreso il capoluogo Iscghl, ospitano circa 1500 abitanti e ogni anno sono pronti ad accogliere un numero molto maggiore di visitatori.

Non è un caso che gli sport invernali siano una delle principali attrattive locali: si può dire infatti che lo sci, come disciplina da competizione, abbia avuto origine proprio in Tirolo, quando Mathis Zodarsky nel 1905 organizzò il primo slalom. Oggi la regione comprende addirittura 600 aree sciistiche, e tra queste quella di Ischgl è una delle più frequentate: insieme a Galtur, infatti, la cittadina è il centro più importante del Gruppo del Silvretta, che con il villaggio svizzero di Samnaun dei Grigioni arriva a un totale di 200 km di piste, con impianti separati ma riuniti in un unico grande comprensorio.

Imponente e spaziosa, l’area sciistica è circondata da cime montane che superano i 3000 metri d’altezza, da ammirare con commozione mentre si scivola lungo le piste: nonostante l’alto numero di turisti le discese sono abbastanza spaziose da evitare la calca, e avventurarsi lungo le discese è sempre un piacere rigenerante.

Chi ama la montagna ma non va pazzo per lo sci può cimentarsi nello slittino, attraverso una delle piste più lunghe dell’arco alpino: un tracciato di 7 km , con un dislivello di 950 metri, è totalmente illuminato e immerso nel bosco che sovrasta il centro di Ischgl. Per accedervi bisogna prendere l’ovovia Silvrettabahn e partire presso la scuola di sci Idalp, magari fermandosi a noleggiare una slitta nell’omonimo fornitissimo rifugio-albergo.

Altre alternative interessanti sono lo sci di fondo, da praticare lungo il percorso che collega Ischgl a Galtur e raggiunge la locale pista d’alta quota, per un totale di 48 km di tracciati, oppure la gita sulla slitta trainata dai cavalli. Ma non vanno sottovalutate le semplici passeggiate sulla neve, con o senza ciaspole, servendosi dei percorsi attrezzati e degli accoglienti rifugi che si incontrano sul cammino, né la versione estiva delle escursioni: anche nella bella stagione infatti, quando il candore delle nevi cede il passo al verde brillante di boschi e pascoli, si può continuare ad esplorare il territorio, godendo dell’aria fresca e pura delle montagne.

Dopo lo sport e la vita all’aria aperta non mancano le proposte divertenti e rigeneranti: nei locali tipici del luogo si possono gustare le delizie tradizionali, magari concedendosi una romantica cena a lume di candela, e nella vicina Idalp si svolgono periodicamente dei grandi concerti: è celebre il concerto di maggio, il Top of the Mountain concert, in onore della fine della stagione sciistica, che anno dopo anno ha visto le esibizioni di grandi artisti del panorama internazionale contemporaneo.

Ad incorniciare il tutto c’è il tipico clima alpino, con inverni rigidi e colpiti da frequenti nevicate, e estati miti, mai afose, innaffiate piuttosto spesso da temporali improvvisi e fugaci. Le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di -7°C a una massima di 1°C, mentre in luglio e agosto si passa dai 13°C ai 25°C. Le piogge si concentrano tra giugno e luglio, quando piove in media per 18 giorni al mese.

Per raggiungere Ischgl si può scegliere tra diverse opzioni. Con l’aereo, tramite la compagnia Austrian Airlines, si può volare ad Innsbruck da Milano, Roma, Bologna, Firenze, Roma e tante altre città italiane. Può essere conveniente anche il volo sino a Vienna da Roma e Milano, per poi continuare con un’auto a noleggio. Chi si sposta in auto da Innsbruck deve prendere la A12 verso Bregenz, uscire a Landeck e proseguire sulla strada 188 per una trentina di chilometri. Dalla Svizzera invece si continua fino a Feldkirch, poi ci si dirige versi Landeck e infine si sale verso Ischgl.
  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close