Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Spagna

Costa nord della Spagna: Santander, A Coruņa, Bilbao e Donostia San Sebastián

A nord sorgono le città più nebulose e languide, città a vocazione marinara, coperte di leggendario verde, odoranti di salnitro e di pietre bagnate, e ove il colore spesso compensa tanto grigiore climatico.

A Coruña, Galizia, è una deliziosa città portuaria di condizioni e fisionomia galleghe, dall’alma atlantica e allegra al pari di poche altre. Le ampie vie e le bianche verande intente a rubare al cielo un po’ di luce, le conferiscono un carattere amabile. Dall’alto di un promontorio, il faro di Ercole, di origini romane, segna i confini di un mare fecondo pur se spesso violento. Perché A Coruña è, innanzitutto, un popoloso porto di pesca e navale. Nel quartiere detto della Pescadería, su un istmo tra la spiaggia e il porto, si snodano le vie più belle per un’incantevole passeggiata ed accoglie il centro storico medievale, cinto da mura e fitto di chiese e case avite del sec. XVIII, come quella di Emilia Pardo Bazán, sede odierna di un museo.

Verso est, nella Regione della Cantabria, sorge un’altra città, Santander, dall’aria spigliata e borghese. “Santander è la città ideale per esprimere con semplici parole il fascino delle cose”, scrisse Azorín. Posta lungo una baia dove il mare è padrone, si schiude sulle sue lunghe spiagge da dove si avrà modo di contemplarla in tutta la sua bellezza. Dalla penisola della Magdalena, sovrastata dal palazzo dell’Università Internazionale “Menéndez Pelayo”, si raggiunge il lungomare Reina Victoria, tappezzato di fiori e di alberi di tamarindo. Più in là, sorge El Sardinero, una delle zone residenziali più esclusive della costa spagnola, pullulante di palazzine e sede di un Casinò in stile neoclassico che denotano l’agiatezza economica di una popolazione che si è sempre ritenuta speciale.

Chi è diretto in Francia, s’imbatterà nell’altra città costiera di spicco: Bilbao. Pur se industriale e intensa e dai lineamenti duri, la sua gioia di vivere si diffonde ben oltre il centro fino alle spiagge come testimoniato anche dalla lussureggiante vegetazione. Oltre al “chiquiteo” e al “tapeo” nelle Siete Calles - il nucleo più antico di Bilbao -, in questa città la gastronomia trasforma in arte quanto sfiora. I lavori di rimaneggiamento effettuati di recente, hanno ridato lustro alla bellezza di alcuni edifici signorili rimasti nascosti fino a poco tempo fa sotto una coltre di fuliggine depositatavi dal grigiore industriale e climatico. I medesimi si propongono di trasformare la “ría” – gioiello dell’archeologia industriale d’imponente fisionomia – in uno spazio per il tempo libero e la cultura come è già avvenuto per il Museo Guggenheim la cui creazione ha cambiato la prospettiva della città.

Donostia-San Sebastián, sempre nei Paesi Baschi, è senz’ombra di dubbio, la città basca di maggior fascino. Antica stazione balneare, emana quell’eleganza aristocratica estiva, tipica degli inizi del secolo scorso. Si stende ad arco lungo il suggestivo litorale della Concha venendo chiusa, ad entrambe le estremità, da due monti verdeggianti: il monte Urguell e il monte Igueldo. Oltre alle dimore avite del sec. XIX e a qualche palazzo, conserva un porto di pesca popolare odorante di iodio e salnitro, su cui si alzano in volo i gabbiani. Donostia San Sebastián è città festosa e allegra, a vocazione universale, teatro di due dei principali festival europei del cinema e del jazz. Per poter comunque conoscerne appieno la vita quotidiana, occorrerà fare un giro nelle taverne del centro storico, lasciandosi prendere la mano dal “chiquiteo” e degustando, ad esempio, delle sardine oppure un’orata a la donostiarra.

Fonte: Ufficio Spagnolo del Turismo
Milano 02/72004617 - Roma 06/6783106
Visita Spain.info
 
  •  
loading...
23 Marzo 2017 The Big Bend: a New York City il grattacielo ...

La skyline di Manhattan a New York City sembra si arricchirà ...

NOVITA' close