Cerca Hotel al miglior prezzo

Foliage autunnale a New York City, i parchi dove ammirarlo

Pagina 1/2

New York City, la città metropolitana per eccellenza, quella dei grattacieli, degli ampi boulevard, dei teatri e dei musei è anche un luogo ricco di verde. Parchi e giardini occupano diversi tasselli del regolare mosaico urbano della città, da Manhattan al Queens, da Brooklyn al Bronx, con tutti i benefici che ne conseguono. All’interno di un contesto fortemente antropizzato questi scorci naturali ricchi di piante, alberi e arbusti sono anche ottimi indicatori temporali, attraverso i quali leggere il lento incedere dei mesi. In tal senso i rilevatori migliori sono le foglie che, a seconda della stagione, assumono tonalità diverse, dal verde smeraldo al rosso cangiante, cadono e rinascono da piccoli boccioli.

Per questo dopo essere saliti sull’Empire State Building, aver contemplato i capolavori del Guggenheim ed aver ammirato la Statua della Libertà, un’idea originale per scoprire angoli meno conosciuti della città potrebbe essere quella di passare in rassegna i parchi più belli di New York. In particolare, chi ha la fortuna di visitare la “Grande Mela” in autunno, specialmente tra ottobre e novembre, ha occasione di immortalare lo spettacolo naturale del foliage, che accende di colori e tonalità vivaci una stagione grigia per definizione.

Central Park (Manhattan, tra 59th St-110th St e Fifth-Eighth Ave)

Il punto di partenza del nostro itinerario non può che essere Central Park, il parco più grande e famoso di New York. La prima immagine è quella del Conservatory Water, nei pressi dell’ingresso tra Fifth Avenue e la 72esima, intorno al quale fanno capolino piante di biancospino punteggiate di bacche rosse. Da qui si prosegue verso l’interno del parco, in direzione di Tupelo Meadow, dove il vostro sguardo sarà letteralmente rapido dal rosso accecante delle foglie di un grande esemplare di tupelo, un’essenza prettamente americana dal legno molto pregiato. Il tragitto naturalistico piega poi verso nord, in direzione del North Woods, un eterogeneo bosco punteggiato di querce, olmi, aceri rossi e piante di amarena, prima di ridiscendere fino alla Great Hill, dove ammirare i riflessi arancioni assunti dalle foglie dei faggi importati dall’Europa.

Prospect Park (Brooklyn, tra Prospect Park West e Flatbush Ave)

Le prime piante ad assumere variegate tonalità rosso-arancioni sono gli aceri rossi, particolarmente diffusi sulle sponde del lago esteso nella parte meridionale di Prospect Park, a Brooklyn. Nel resto del parco, accessibile gratuitamente, è difficile ammirare grandi colorazioni prima della fine di ottobre, quando cominciano ad "accendersi" anche olmi e sassofrassi. Tra le eccezioni c’è il selvaggio giardino botanico punteggiato di arbusti di agrifoglio ai piedi della collina accanto all’Audubon Center, nella parte centro-orientale di Prospect Park.

New York Botanical Garden (Bronx River Pkwy presso Fordham Rd)

Un’attrattiva a pagamento consigliata agli appassionati di foliage è il New York Botanical Garden, un bosco di 250 acri di estensione dove sopravvivono specie antichissime tra cui diversi alberi risalenti addirittura al XIX secolo. La sezione più interessante è il giardino della Thain Family Forest, dove si concentrano querce, aceri rossi e liriodendri. Tra le essenze caratteristiche spicca la quercia scarlatta, il cui fogliame presenta un alto contenuto di tannini e per questo assume tonalità particolarmente sgargianti.

Brooklyn Botanical Garden (A Brooklyn presso il Japanese Garden)

Rimanendo in tema di giardini botanici, da non perdere anche il Brooklyn Botanical Garden, il quale nei pressi del Japanese Garden offre scorci impareggiabili che vi trasporteranno nel continente asiatico. Lo stesso giardino giapponese, è da visitare anche ad aprile per la fioritura dei ciliegi.

... Pagina 2/2 ...
Green Belt (Staten Island, 700 Rockland Ave presso Brielle Ave)

A Staten Island l’immensa Green Belt, una distesa verde di oltre 2.800 acri di superficie, mette a disposizione gratuitamente ben 35 miglia (circa 56 km) di sentieri circondati dalla natura e dagli alberi. Il punto di partenza di quasi tutti gli itinerari all’interno della grande “cintura verde” è il Nature Center, dove è possibile reperire una mappa dei percorsi scaricabile anche da internet. Il sentiero Giallo (13 km) intercetta la cosiddetta Moses’s Mountain, la collina creata dall’accumulo dei detriti scaturiti dal fallimento del progetto di Robert Moses (1888-1981), che in tempi non sospetti propose la realizzazione di un’autostrada attraverso il parco. Dalla cima si gode di una vista panoramica che abbraccia decine di esemplari di querce, sassofrassi, aceri rossi e sweetgum che disegnano un pittoresco quadro di colori autunnali.

Wave Hill (Bronx, W 249th St presso Independence Ave)

L’altra grande attrattiva “green” a pagamento è la tenuta di Wave Hill, nel Bronx. Il parco è suddiviso in una serie di organismi diversi tra loro, ciascuno dei quali consente di apprezzare piante caratteristiche. Nella Glyndor Gallery si trova un bell’esemplare di cercidifillo (katsura), caratterizzato da foglie di un giallo abbagliante, mentre nel Wild Garden risaltano i forti contrasti tra le tonalità dei piccoli cutleaf sumac, dei cornioli e degli amelanchier.

Van Cortland Park (Bronx, Broadway presso 242nd St)

Nel Bronx, il Van Cortland Park si estende su una superficie di oltre 1.000 acri e contiene circa 80.000 alberi tra cui molte querce, sweetgum e hickory. Il modo migliore per apprezzare le bellezze del parco, accessibile gratuitamente, è imboccare l’Old Croton Aqueduct Trail, il sentiero di quasi 2 km interamente circondato da piante endemiche che in autunno assumono colorazioni variegate dal giallo al rosso brillante.

Alley Pond Park (Queens, 76th Ave presso Springfield Blvd)

Presso l’Alley Pond Park, un parco aperto gratuitamente nel Queens, si concentra la maggior parte degli esemplari di tulip tree di New York. Tra questi spicca il cosiddetto “Alley Pond Giant”, un gigante di oltre 40 metri di altezza riconosciuto come uno dei più antichi della città. Altre essenze presenti in questo parco sono la quercia bianca americana, il sassofrasso e l’acero rosso.

 Pubblicato da il 25/11/2014 - - ® Riproduzione vietata

close