Cerca Hotel al miglior prezzo

Grindelwald: sciare nei comprensori sciistici First e Kleine Scheidegg-Mannlichen

Grindelwald, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Grindelwald è un piccolo comune di appena 4.166 abitanti situato nel centro della Svizzera, all’interno del distretto di Interlaken, nel Canton Berna. Il nome Grindelwald deriva dall’unione degli antichi termini tedeschi grintl, ovvero “barriera”, e walt, “bosco”. Dal punto di vista geografico, la cittadina è sorta nell’Oberland bernese, ai piedi del monte Eiger nella valle Lutschine. Nonostante le piccole dimensioni, la città è famosa per la bellezza degli scenari naturalistici che la circondano, con diverse montagne dotate di impianti di risalita letteralmente presi d’assalto dagli sciatori durante la stagione invernale.

A testimoniare l’innata predisposizione turistica di questo paesino abbarbicato tra i monti c’è anche la sua storia. Già nell’Ottocento, infatti, la località si specializzò nel turismo alpino, cominciando a costruire le prime stazioni sciistiche che in estate tornavano utili per accogliere gli amanti delle passeggiate e delle escursioni ad alta quota. Nel 1908 fu inaugurata la prima funivia che collegava il paese con Wetterhorn, mentre nel 1912 furono ultimati gli scavi di quelle che sarebbero diventate le Ferrovie della Jungfrau, le ferrovie che ancor oggi detengono il primato della più “alta” stazione d’Europa, la Jungfraujoch, posta a 3.454 metri di altitudine. Dal 2002 una parte di Grindelwald è entrata a far parte del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Che sia estate oppure inverno, Grindelwald è ormai una realtà turistica di primaria importanza in Svizzera, detenendo il titolo di più grande stazione sciistica della regione dello Jungfrau ed attirando un numero consistente di appassionati di alpinismo. Grazie allo straordinario panorama ed al ghiacciaio che anticamente arrivava fino al fondovalle, Grindelwald non ha nulla da invidiare alle più note e chiacchierate località turistiche svizzere, anzi. La straordinaria efficienza dei trasporti e delle infrastrutture, che pure in Svizzera è cosa comune, fanno si che la città rappresenti la meta ideale per ogni genere di vacanza.

Durante la stagione estiva l’attrattiva principale è rappresentata dalla grande varietà di percorsi escursionistici, per un totale di 300 chilometri di sentieri, che si snodano tutt’intorno alla città arrampicandosi lungo le pendici delle montagne. Una delle gite più apprezzate dai visitatori è quella che, partendo da Grindelwald-First, conduce lungo le sponde del Lago di Bachalp fino all’hotel di montagna Faulhorn e poi a Schynigen Platte. In alternativa, se non si ha intenzione di dedicare troppo tempo all’escursione, si potrà percorrere la passeggiata che separa Männlichen dal Piccolo Scheidegg, un percorso che consentirà di godere di alcune meravigliose viste sulla triade Eiger, Jungfrau e Monch.

A farla da padroni in inverno sono invece i due comprensori sciistici First e Kleine Scheidegg-Mannlichen. Il primo vanta 8 seggiovie e 5 skilift, mentre il secondo possiede 3 seggiovie e 3 skilift per un totale di oltre 160 chilometri di piste che arrivano fino a 2.500 metri di altitudine. Tra le piste più avvincenti ricordiamo la Schiltorn e soprattutto la Lauberhorn, presso Wengen, nota nel mondo dello sci per essere una tappa della Coppa del Mondo. In alternativa allo sci ci si potrà dedicare alle escursioni invernali, rese possibili da oltre 80 chilometri di itinerari su e giù per le montagne, mentre gli amanti dello slittino non potranno proprio perdersi la discesa che da Faulhorn scende fino a valle, 15 chilometri di pista esclusiva che la rendono la più lunga delle Alpi nel suo campo.

Per incentivare ulteriormente il flusso turistico, il comune organizza ogni anno numerosi eventi pubblici, sia in estate che in inverno. Ad esempio, il World Snow Festival, un concorso internazionale di sculture e composizioni di ghiaccio, non può che tenersi in gennaio, mentre la Festa alpina di primavera, che anima l’atmosfera del Männlichen con balli, sfilate in costume e canti, è in calendario tra giugno e luglio. Altri eventi sono lo Snowpenair (marzo) ed il Landart Festival (giugno).

Non esiste un periodo più azzeccato di altri per visitare Grindelwald, una destinazione da scegliere in funzione dello scopo della vacanza. Se si vuole sciare la stagione invernale è ovviamente la migliore, con le prime settimane di dicembre e quelle a cavallo tra febbraio e marzo che rappresentano valide alternative ai classici periodi di Natale o Capodanno, rispetto ai quali i prezzi sono ridotti, le file agli impianti inferiori e la neve spesso più abbondante. In estate, invece, il clima, mitigato dall’altitudine e dal verde, è particolarmente adatto a dedicarsi a lunghe passeggiate attraverso i molti sentieri appositamente predisposti, con l’unica incognita rappresentata dagli improvvisi temporali.

Per raggiungere Grindelwald le possibilità sono molteplici, considerando anche che è l’unica località turistica dello Jungfrau ad essere raggiungibile in automobile. La maggior parte dei visitatori opta comunque per atterrare presso uno degli aeroporti internazionali di Zurigo-Kloten, Basilea-Mulhouse e Ginevra-Cointrin, che dispongono di collegamenti ferroviari diretti per Interlaken-Grindelwald.
  •  

 Pubblicato da - 24 Settembre 2009 - © Riproduzione vietata

close