Cerca Hotel al miglior prezzo

Maranza in Valle Isarco, settimana bianca in Alto Adige

Pagina 1/2

Piste da sci in abbondanza, qualche manciata di baite accoglienti, un pizzico di cultura e tradizioni a volontà, immerse in un paesaggio delizioso dal sapore un po’ magico e antico. Sono questi gli ingredienti che rendono Maranza una meta idilliaca, incastonata nel cuore verdeggiante del Trentino Alto Adige in provincia di Bolzano. Compresa nel territorio comunale di Rio di Pusteria, Maranza è appollaiata a 1414 metri di quota tra la Valle Isarco e la Val Pusteria, in un piedistallo soleggiato e affacciato a uno scenario alpino magnifico: da qui si dipanano tante piste da sci appassionanti, dalle più adrenaliniche alle più rilassanti, e un dedalo interminabile di sentieri e itinerari per la mountain bike, immersi in una fauna stupefacente.

Oltre i prati e i pascoli, distese di velluto verde costellate di fiori odorosi, si possono ammirare le vette splendide delle Alpi dell’Oztal, le Alpi Aurini e numerosi laghi, che come grandi monete argentee raccolgono i bagliori del cielo e li moltiplicano in mille scintillii. È un vero e proprio paradiso dell’escursionismo, e anche in inverno le esplorazioni possono continuare con l’ausilio delle racchette da neve oppure praticando lo sci-alpinismo.

La stagione invernale è molto amata dagli sportivi, infatti l’innevamento è sempre ottimo grazie al clima ideale e, in mancanza delle giuste condizioni, a un sistema di innevamento artificiale impeccabile. Gli impianti di risalita che conducono alle piste di Maranza sono moderni e curati, tenuti sotto controllo con attenzione, e le discese soddisfano ogni genere di esigenza, garantendo il divertimento ai principianti ma anche agli sciatori più esperti.

L’offerta sciistica è completata dall’Après ski: sono le piste accessibili di notte, grazie all’illuminazione artificiale, molto romantiche e suggestive soprattutto se la luna piena è alta nel velluto blu del cielo. Chi preferisce limitarsi a sciare di giorno, ma la sera non si accontenta di andare a dormire, può recarsi presso i campi da tennis del paese e controllare se c’è qualche evento interessante in programma: spesso i campi si trasformano provvisoriamente in punti d’incontro e teatri, in cui si svolgono spettacoli, concerti e feste divertenti.

Una valida alternativa allo sci è poi costituita dal pattinaggio o dalle piste per lo slittino, ma ci si può anche limitare ad ammirare il panorama splendido delle Alpi e assaporare la cucina tradizionale del luogo. Se non sapete rinunciare a un pizzico di cultura potete passeggiare per le stradine pittoresche di Maranza, alla scoperta ad esempio della bella chiesetta di San Giacomo, eretta nel XIII secolo.
... Pagina 2/2 ...
Spingendosi un poco oltre i confini del borgo vale la pena di fare un’escursione verso i magnifici laghi di Seefeld, oppure dedicare una giornata all’esplorazione della piattaforma sulla cima del Monte Gitschberg, dove potrete abbracciare con un solo sguardo uno scorcio emozionante che sa di libertà.

Accanto alle attività da svolgere sulle piste, o a contatto con la natura, ci sono tanti divertimenti da gustare nel centro di Maranza, magari in occasione di qualche evento o manifestazione. Tra gli appuntamenti più attesi c’è il Duathlon, un torneo di birilli su ghiaccio e una gara di slittino che si disputano all’inizio di gennaio, riscaldate dal sapore dolce del vin brulé. In maggio c’è la festa tirolese, con la musica dal vivo e le degustazioni dei prodotti tipici, mentre a metà luglio, in occasione della festa delle baite, i rifugi aprono le porte ai concerti e ai festeggiamenti. Per finire in ottobre, in occasione della transumanza, si celebra il ritorno del bestiame dalla valle Altfasstal.

Per raggiungere Maranza si può scegliere tra varie opzioni. In auto si percorre l’autostrada del Brennero, si esce a Bressanone - Val Pusteria e si imbocca la strada statale della Val Pusteria in direzione Brunico. Da Rio Pusteria parte un’affascinante strada panoramica che raggiunge Maranza e Valles. Chi preferisce il treno deve viaggiare sulla linea del Brennero e scendere a Bressanone, poi continuare in autobus, mentre l’aeroporto italiano più vicino è quello di Trento, a 122 km circa. L’aeroporto austriaco di Innsbruck è invece a 90 km di distanza.

Il clima è tipicamente montano, fresco in estate e freddo in inverno, perfetto per le passeggiate nella bella stagione e per lo sci in inverno. Le temperature medie di gennaio, il mese più rigido, vanno da una minima di -5°C a una massima di 6°C, mentre in luglio si passa dai 15°C ai 29°C. Le precipitazioni raggiungono il picco massimo in maggio, quando piove in media per 10 giorni sul totale, mentre il mese meno piovoso, con solo 4 giorni di maltempo, è dicembre.
close