Cerca Hotel al miglior prezzo

Settimana bianca a Madonna di Campiglio, vacanze e trekking nel cuore del Brenta

Madonna di Campiglio, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Le Dolomiti serbano una sorpresa anche nel Trentino occidentale. Staccato da tutti gli altri massicci dolomitici il gruppo del Brenta si erge maestoso a fianco dell'Adamello e della Presanella, e Madonna di Campiglio ha visto crescere la sua popolarità anno dopo anno, proprio in virtù di queste magnifiche montagne che si sfidano da milioni anni in una silenziosa tenzone.
Lo stesso imperatore d'Austria, Kaiser Franz o se preferite Francesco Giuseppe, poco più di cento anni fa aveva passato alcune giornate spensierate con la consorte Sissi, di fatto iniziando le fortune turistiche della località.

Madonna di Campiglio non è però un sola destinazione di vacanze invernali. Al contrario, l'offerta in termini di escursioni e trekking, in estate, è assolutamente eccezionale, potendo contare di percorsi che toccano montagne tra loro diversissime. Si passa infatti dalle Dolomiti di Brenta, un massiccio che non ha nulla in meno dei grandi gruppi dolomitici ad est dell'Adige, accessibili anche grazie agli impianti di risalita e poi tutte da percorrere con sentieri mozzafiato come la ferrata della Via delle Bocchette, fino ad arrivare alle montagne cristalline dei gruppi dell'Adamello e della Presanella, che si raggiungono velocemente in Auto. Una direttirce preferenziale per gustare queste vette tipicamente alpine è la Val di Genova, famosa per le sue cascate.

Per arrivare a Madonna di Campiglio ci sono due possibilità: da nord, attraverso la val di Sole, risalendo da Dimaro, oltrepassando Folgarida e superato il Passo di Campo Carlo Magno si scende in pochi km a Madonna. Da sud si risale la valle del Sarca a partire da Pinzolo e poi la strada con ampi tornanti e belle viste dei torrioni del Brenta arriva ai 1500 m di Campiglio. I tempi di percorrenza sono di circa un ora dai caselli autostradali, i km sono circa una settantina sia uscendo a Rovereto o Trento centro, che da S. Michele all'Adige.

Cosa offrè allo sciatore Madonna di Campiglio? Innazitutto alcune delle piste "cult" di tutta la cerchia alpina. Il Canalone Miramonti in primis, la pista che conferisce una vera e propria laurea dello sciatore, teatro di celebre sfide agonistiche, con pendenze davvero da brivido con il muro che si affaccia a capofitto verso le case della città, quasi proibitivo sul lato sinistro della discesa. La direttissima dello Spinale, altro luogo mitico dove gli sciatori più esperti possono dimostrare la loro capacità su di un muro davvero micidiale, tra gobbe insidiose.

Ma poi ci sono i pendii sciabili, molto amati dai principianti e gli snowbordisti, come le piste di Pradalago o la vera e propria autostrada che scende dai 2400 m del Grostè e consente quasi 1000 metri di dislivello per delle lunghe fantastiche sciate in solitaria o compagnia.
La sera poi Madonna offre anche svariate opportunità di ristorazione e svago, e forse proprio da questo punto di vista, la città risulta una delle più dinamiche e interessanti di tutte le Alpi.

Le piste di Madonna di Campiglio sono collegate al comprensorio di Folgarida-Marilleva quindi restando con gli sci ai piedi è possibile raggiungere altri 30 km di splendide piste, e volendo con un unico skipass (Superskirama).
Il comprensorio di Campo Carlo Magno è invece il luogo ideale per lo sci di fondo, con il falsopiano in prossimità del passo che ben si presta a questo tipo di attività.

La storia dello sci-alpinismo passa senza dubbio per Madonna di Campiglio e per la “Ski Alp Race Dolomiti Brenta”, che si svolge tradizionalmente in primavera, da ormai quasi quarant'anni. A “bordo” di sci e pelli, grandi firme di questa disciplina hanno calcato negli anni le nevi che circondano la celebre località trentina. Reichegger, Perrier, Eydallin, Roux, Pellissier, sono solo alcuni dei prestigiosi nomi che figurano nell’albo d’oro della competizione. Cima Grostè, dall’alto dei suoi 2852 metri, attende i suoi scialpinisti.
Durante le festività Natalizie, da inizio dicembre fino all'ultima domenica dopo l'Epifania, non perdetevi in piazza Sissi i mercatini di Natale di Madonna di Campiglio.
  •  
18 Dicembre 2017 Cosa fare a Guadalupa: una settimana nei ...

Paradiso caraibico e parte di quelle Antille che punteggiano l’oceano ...

NOVITA' close