Cerca Hotel al miglior prezzo

Piccole isole italiane, tour tra le meno affollate

Pagina 1/2

Se il Mare Mediterraneo è considerato uno dei bacini più interessanti del pianeta, in cui si concentrano testimonianze storiche di tantissime civiltà che l'hanno attraversato e dominato nel corso dei millenni, ancor più lo saranno le coste e le isole dell'Italia, naturale centro di quello che gli antichi romani chiamavano “Mare Nostrum”. L'italia è come una gigantesca portaerei, attorniata da isole bellissime, dove una vacanza di mare può trasformarsi un un viaggio tra natura, storia ed arte, in luoghi che tutto il mondo ci invidia.

Ecco allora alcune isole minori, per dimensioni e non certo per bellezza, dove andare a trascorrere le vostre ferie estive con poco affollamento, e spendendo relativamente meno soldi, fermo restando che ad agosto, ovunque si vada, tutte le località registrano il tutto esaurito con i costi dei vacanzieri che salgono, purtroppo, alle stelle.

Lampedusa

Iniziamo il tour con l'estrema isola meridionale italiana, che purtroppo da qualche anno è divenuta famosa per gli sbarchi di profughi e clandestini, piuttosto che per il suo mare, per altro splendido. Lampedusa (foto in alto) fa parte delle isole Pelagie, di cui ne è l'isola maggiore, lungo il Canale di Sicilia. Più prossima all'Africa che alla Sicilia, Lampedusa si può raggiungere in aereo o via mare, ed ai turisti offre una mare davvero spettacolare: le rocce calcaree e le arenarie si alternano in stratificazioni a durezze differenti, andando formare una costa a falesie, con il punto più elevato a 133 m sul livello del mare. L'abbondanza di carbonato di calcio rende le sabbie di tonalità chiare, e nelle giornate assolate dell'estate, qui sembra di essere in un mare tropicale. Le spiagge migliori si trovano lungo la costa meridionale dell'isola, la più famosa è la spiaggia dei Conigli, con l'omonima isola davanti ad essa, che la protegge ulteriormente dalle onde del mare. C'è anche una bella cala ad est, che prende il nome di Cala Pisana.

Pantelleria


Sempre restando nel Canale di Sicilia un'isola particolare da non perdere è quella di Pantelleria. E' di origine vulcanica ed è considerata ancora potenzialmente attiva, dato che l'ultima eruzione avvenne nel 1891. Proprio per la sua origine endogena, il suo territorio è ricco di manifestazioni termali e post vulcaniche, rendendola anche una meta di benessere naturale, oltre che di mare. La Montagna Grande si eleva di 836 m di altitudine, e quindi in base alle direzioni del vento si può sfruttare questo “schermo naturale” per trovare il tratto di costa più riparato, dove fare dei tuffi e rilassarsi al sole. Tra i punti da non perdere Cala Arco dell'Elefante, Cala Gadir e il Lago dello Specchio di Venere.

Levanzo


Costeggiando da Pantelleria le coste meridionali della Sicilia, in corrispondenza di Trapani troviamo al largo il gruppo delle Egadi. Tra questi le più affollata risulta sicuramente Favignana, e allora per chi cerca un po' di tranquillità la scelta può ricadere sulla più piccola delle Egadi: Levanzo. Isola magnifica è anche ricca di testimonianze preistoriche, come rivelano i graffiti della grotta del Genovese, segno che i suoi lidi erano apprezzati fin dall'antichità. Non mancano le calette dalle acque trasparenti, ma il modo migliore per esplorare le sue coste ricche di sporgenze e grotte, è l'utilizzo di una barca. Se lo fate, andate o fatevi accompagnare a Cala Fredda, Cala Minnola e Cala Tramontana. Una vacanza a Levanzo è tra le possibilità più rilassanti che si possono compiere al mare, in estate in Italia!

Filicudi


A nord della Sicilia troviamo altre isole, Ustica e le celeberrime Isole Eolie. Quest'ultimo gruppo è frequentato in modo massiccio durante l'estate, ma volendo si può evitare il troppo affollamento scegliendo le porzioni più occidentali dell'arcipelago. Una ottima idea è quella di scegliere Filicudi, non minuscola, ma neanche troppo grande. Anche qui, come a Levanzo, ci sono testimoninaze antiche, risalenti al neolitico, presenti presso Capo Graziano, ma ovviamente se arrivate fino a questo antico vulcano è sicuramente per il suo mare splendido.

... Pagina 2/2 ...
La cosa migliore è affittare una barca ed esplorare le sue coste: da vedere luoghi splendidi come la Grotta del Bue marino, Punta Zotta e lo scoglio Giafante. Oppure fare lunghi bagni presso le due spiagge di ciottoli di Pecorini e le Punte, o dedicarsi al trekking salendo sul monte Fossa delle Felci.

Isola di San Nicola


Prossimo step del nostro tour è questa volta l'adriatico, piuttosto ricco di isole sul versante orientale, ma decisamente più avaro dal nostro lato occidentale. Il gruppo più cospicuo eè quello delle Isole Tremiti, un grappolo di terreni calcarei, che sembrano essere stati dimenticati in mare, al largo del promontorio del Gargano. La maggior parte dei turisti si dirige verso l'Isola di San Domino, la maggiore per estensione, attratta dalla presenza di Cala delle Arene, l'unica vera spiaggia sabbiosa dell'arcipelago, ma le vere Tremiti sono quelle di San Nicola, dove si trovano i principali monumenti dell'Isola. San Nicola si riconosce facilmente per l'imponente abbazia fortificata di Santa Maria a mare, che domina il paesaggio. Inoltre si possono vedere i resti di una necropoli. San Nicola possiede una costa alta e inaccessibile, e non offre molte opportunità di mare, ma se noleggiate una barca potrete esplorare la vicina isola di Capraia, e vivere un mare incontaminato lontano dalle rumorose folle. Da non perdere Cala Sorrentina e Cala dei Turchi, bello anche il paesaggio di punta Secca e il cosiddetto architiello di Capraia, un suggestivo arco di roccia sul mare.

Ponza


Torniamo sul Tirreno, e questa volta nel Lazio dove troviamo una spettacolare isola vulcanica, raggiungible imbarcandosi a Anzio, Terracina oppure Formia. Ponza vi accoglie con la sua omonima cittadina, uno spettacolo di case colorate disposte ad anfiteatro attorno al porto. Già sulla barca proverete un vero colpo di fulmine per questa isola. L'infatuazione si trasformerà in amore vero quando scoprirete luoghi fantastici come Chiaia di Luna , anche se a rischio di crolli della falesia, cala Frontone, la spiaggia delle Felci, cala Feola e la zona dei Faraglioni di Lucia Rossa. Ponza è anche apprezzata dai subacquei, con il sito chiamato Le Formiche, tra i più apprezzati di tutto il mar Tirreno. Le rocce vulcaniche di Ponza presentano vari colori, che assieme al blu del mare, le tonailità di verde della macchia mediterranea, e l'azzurro del cielo, creano scenari mozzafiato ad ogni curva della strada che l'attraversa. Un consiglio: noleggiare un motorino può essere il modo migliore per visitare questa magnifica isola!

Giglio


Chiudiamo il Tour con un omaggio ad una delle isole più belle dell'arcipelago Toscano: dopo che è stata protagonista delle cronache degli ultimi mesi, ma non per colpa sua, quest'isola merita di essere celebrata per le bellezze delle sue coste e del suo interno. L'isola del Giglio può soddisfare tutte le esigenze di un vacanziere: mare straordinario, calette appartate, spiagge, e zone ricche di scoglio, un mare tra i migliori in Italia per fare snorkeling ed immersioni, rocce granitiche all'interno con sentieri da percorrere facendo trekking e bouldering (arrampicata), e sfiorando i 500 m di altitudine con il Poggio della Pagana da dove si domina uno straordinario panorama nelle giornate limpide, dall'Appennino alla Corsica. Da visitare il borgo murato di Giglio Castello, e poi se volete rilassarrvi ci sono magnifiche spiagge come quella di Campese, delle Caldane, Cala delle Cannelle e Cala dell'Arenella, mentre la Costa Concordia, sta per lascire solamente il ricordo del suo terribile profilo martoriato, poco distante da Giglio Porto.
close