Foto 23 di 30

UNESCO 2014, le foto di tutti i nuovi siti. Italia a quota 50 con Langhe e Monferrato

3 Vota   

Namhansanseong, Corea del Sud - Namhansanseong fu progettata come capitale d'emergenza per la dinastia Joson (1392-1910) in un luogo montuoso situato venticinque chilometri a sud-est di Seul (Seoul). Costruita e difesa da monaci-soldati buddisti, poteva ospitare 4000 persone ed adempiere importanti funzioni amministrative e militari. I resti più antichi risalgono al VII secolo, ma fu ricostruita più volte, soprattutto nei primi anni del XVII secolo in previsione di un attacco da parte della dinastia Sino-Manchu Qing. La città incarna una sintesi dei concetti difensivi d'ingegneria militare del periodo, con influenze cinesi e giapponesi e alcuni adattamenti nell'arte della fortificazione in seguito all'introduzione delle armi con polvere da sparo da parte dei paesi occidentali. La città è sempre stata abitata e fu la capitale della provincia per un lungo periodo; contiene elementi che dimostrano la sua varietà militare, civile e religiosa ed è diventata un simbolo della sovranità coreana  - © Arne Hückelheim /  www.wikipedia.org