Cerca Hotel al miglior prezzo

Costa Egea (Turchia): viaggio tra spiagge e siti archeologici

Turchia, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La costa Egea della Turchia è ricca di graziose spiagge e antiche rovine, oltre a località di villeggiatura, frequentate anche dai Turchi. I luoghi interessanti da visitare, in questa zona, sono numerosissimi. Partendo dal nord della costa Egea, cominciate da Çanakkale, per secoli luogo di sosta e passaggio di chi attraversava lo stretto dei Dardanelli. Oggi è una città moderna e ancora luogo di passaggio, interessante più che altro per le sue spiagge e per le celebrazioni del giorno dell'Anzac (25 aprile). Da qui visitate i campi di battaglia dell'Anzac di Gallipoli e le rovine dell'antica Troia.

La piccolissima isola Bozcaada, l'antica Tenedos, vi farà innamorare, coi suoi vigneti (è infatti famosa per i suoi vini tipici) e le sue vecchie case e labirintiche vie acciottolate.
Verso sud sorgono Behramkale, con le rovine doriche del Tempio di Atena, e Assos, pittoresca cittadina arroccata su un antico vulcano estinto, dal quale potrete ammirare il panorama della greca isola di Lesbo (Lesvos), vicinissima alla costa turca. Traghetti per questa isola partono da Ayvalik, meta balneare già ai tempi dell'antica Grecia e tutt'oggi molto accogliente. Da qui fate un salto all'isola di Alibey oppure godetevi uno spettacolare tramonto dalla collina di Şeytan Sofrasi (Mensa del Diavolo).

Procedendo verso sud, fate tappa a Bergama, dove potrete ammirare le spettacolari ed imponenti rovine dell'antica Pergamo: l'Acropoli, coi resti di palazzi, templi, teatri ecc; l'Asclepion, tra i primi centri terapeutici; poi il museo Archeologico e la Basilica Rossa.
Le piccole località di Çandarli e Foça (Yeni e Eski) sono piacevoli località balneari, meno turistiche rispetto, soprattutto, a quelle del sud. In genere, infatti, le località costiere della costa nord dell'Egeo sono più adatte alle famiglie rispetto a quelle del sud, più alla moda. Sono frequentate anche dai Turchi stessi, motivo per cui, nei mesi estivi, le troverete decisamente affollate.

Izmir, la terza città turca, è una località che sta diventando sempre più vivace. Il lungomare e i caffè ospitati nelle case dell'antica Smyrna sono stati restaurati, rendendola così più invitante. Il quartiere più alla moda è quello di Alsancak, con la sua vivace vita notturna. Da qui, poi, sono facilmente raggiungibili le rovine di Sardi. Alaçati, un grazioso villaggio di case in pietra quasi di fronte all'isola di Chios, abitata un secolo fa dai Greco-Ottomani, oggi è una delle località turistiche più lussuose della Turchia. La zona a sud di Izmir era l'antica Ionia, terra incui approdarono i coloni Greci circa 3000 anni fa. Proprio per le sue antichissime origini, troverete qui le rovine di antiche città ioniche più interessanti da visitare: Efeso, Priene, Mileto, Didime e molte altre.

Efeso, la città antica meglio conservata del Mediterraneo, offre molti siti interessanti da visitare: il Gymnasium di Vedio (II sec d.C.) coi suoi campi sportivi, palestre, terme ecc, lo stadio di epoca bizantina, la Chiesa della Vergine Maria, detta Chiesa Doppia, il Grande Teatro, ricostruito dai Romani tra il 41 e il 117, la Biblioteca di Celso e molto altro ancora.
Poco lontano da Efeso, Selçuk è un delizioso paesino, ricco di strutture turistiche; per gli amanti del mare, a 7 km c'è la spiaggia di Pamukac. Altra alternativa è Kuşadasi, grosso centro di villeggiatura vicino a Samos, dalla vivace vita notturna.

A 30 km circa da Kuşadasi si trova il Parco Nazionale di Dilek, una tranquilla riserva naturale tra monti e baie incontaminate. Poi, per un'esperienza al di fuori dalle rotte turistiche e molto affascinante, soprattutto in primavera ed inizio estate, affittate un'auto e addentratevi tra zone ricchissime di prodotti tipici e villaggi nemmeno segnati sulle carte. Costeggiate poi il litorale meridionale del lago Bafa (Bafa Gölü). Da Bafa (Çamiçi) parte una strada acciottolata che porta a Kapikiri (10 km) e alle rovine di Heracleia: Templi, il teatro, l'agorà, un castello, una chiesa bizantina, la necropoli. Il villaggio è sovrastato dalla spettacolare Montagna dalle cinque dita (Beşparmak Daği), l'antico monte Latmos.

L'antica Caria, l'estremo angolo sud-occidentale della costa egea, è una zona montuosa e poco frequentata. La meta più nota ai turisti è Bodrum, una località di villeggiatura molto alla moda, la Montecarlo dell'Egeo. Offre però anche interessanti visite culturali: il castello di San Pietro, che oggi ospita il Museo di Archeologia Sottomarina, un Mausoleo, rovine romane ecc.
Se invece preferite atmosfere tranquille e non troppo turistiche, faranno più al caso vostro Ören, Güllük o Iasos.
  •  
close