Cerca Hotel al miglior prezzo

Castione della Presolana, trekking e sci in provincia di Bergamo

Castione della Presolana, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Castione della Presolana è una località rinomata e rurale di poco più di 3.400 abitanti e sorge tra le incantevoli Dolomiti in provincia di Bergamo. Immersa nella natura, tra ruscelli e sentieri, riesce a richiamare e ospitare gli amanti della montagna sia d'estate che d'inverno. Si trova alle pendici del Pizzo della Presolana, massiccio imponente tra la Val Seriana e la Valle di Scalve, meta di numerosi alpinisti di spicco e famoso per la presenza di ricchi giacimenti di minerali e fossili.

In epoca preistorica questo territorio era abitato da cacciatori e pastori; nel 1863 la località prende il nome di Castione e agli inizi del XIX secolo diventa una meta turistica, in modo particolare di famiglie facoltose che avevano il privilegio di godere appieno di un ambiente salutare e tranquillo a poca distanza da Milano e Bergamo. Conosciuta e apprezzata anche da personalità illustri dell'epoca, intorno alla metà del ‘900 il paese investe nell'attività promozionale del territorio, riuscendo a tracciare piste di discesa e fondo per la pratica dello sci e a costruire una slittovia: si assiste così a un vero e proprio boom turistico, che da allora non si è mai frenato ma, anzi, va incrementandosi.

Questa splendida località vanta tra le sue meraviglie anche mirabili opere architettoniche, come la parrocchiale di Sant'Alessandro, che custodisce inestimabili produzioni dei Fantoni, famiglia di artisti e scultori famosa nella bergamasca della metà del Settecento. Altra bellezza dal fascino mistico è la chiesa di San Peder (San Pietro), edificata nell'XI secolo e arricchita da numerosi dipinti e pitture murali del XV e XVI secolo.

Il palazzo quattrocentesco troneggia nel centro del paese, mentre la chiesa di Dorga e la parrocchia di Bratto ci accompagnano nell'itinerario che culmina con il Santuario di Nostra Signora delle Grazie di Lantana, suggestivamente illuminato nelle ore dopo il tramonto e caratterizzato da un portico e un giardino circostante ben curato da dove è possibile ammirare lo spettacolo mozzafiato delle montagne.

Stupenda la Valle dei Mulini, tappa di un itinerario di trekking a bassa quota che nulla ha da invidiare a quelli montani; un luogo magico che permette un'escursione piacevole e rinvigorente di circa 4 ore fino alla Grotta dei Pagani nel cuore delle Alpi Orobie.

Sono numerosi i centri abitati di cui Castione è capoluogo comunale: Bratto, ricca di alberghi e seconde case, Dorga, che si affaccia sulle pendici del Monte Scanapà, e Malga Alta di Pora, stazione sciistica a ridosso del Monte Pora, sono alcune delle frazioni dove è possibile soggiornare assaporando il fascino del folclore rurale, senza rinunciare ai più moderni comfort. È anche possibile visitare Rusio, antica porzione del paese abitata dai locali.

Tanti gli appassionati di sport che decidono di raggiungere Castione alla ricerca di un luogo in cui praticare attività invernali e non; tra una camminata e un'escursione in mountain bike, infatti, è possibile anche cimentarsi nel volo in deltaplano, senza rinunciare alle sciate e ai divertenti giochi nella neve.

Le Orobie bergamasche non terminano mai di regalare sorprese ai loro visitatori, che siano escursionisti, sciatori o semplici curiosi. Durante l'inverno, il vicino Passo della Presolana (1609 m) e il Monte Pora (1879 m) formano un unico comprensorio sciistico, completamente rinnovato negli ultimi anni.

Cantoniera è la località di riferimento per raggiungere le piste che, facili, si arrampicano sui pendii del Monte Scanapà (1609 m), all'ombra dell'imponente Pizzo della Presolana (2521 m).

Pendenze poco accentuate e ampi spazi rassicuranti, giustificano il motivo per cui questa località è considerata ottima palestra per i principianti, sempre molto numerosi. In località Donico sono posizionati alcuni impianti utilizzati soprattutto dalle scuole di sci; i tracciati più impegnativi sono un poco più su, a ridosso del Monte Scanapà da cui si dipartono 4 blu e 5 rosse, mai veramente complicate. In totale 2 seggiovie, 2 manovie e 3 skilift al servizio di 9 piste (circa 15 km). Discese divertenti e in piena sicurezza sono garantite anche agli snowborder, mentre ben tre piste sono riservate ai funamboli di bob e slittino.

A Presolana-Varena (1300 m). un anello di 6 km di media difficoltà costituisce l'offerta per gli amanti dello sci nordico, così come la traversata dalla Malga Cassinelli (1600 m) alla Grotta dei Pagani (2224 m) rappresenta un ottimo itinerario per gli sci alpinisti. Una comoda stradina abbandona Castione della Presolana e si dirige sinuosa verso il Colle di Varena (1350 m). punto di partenza degli impianti del Monte Para. Se il Passo della Presolana è considerato una palestra per gli sciatori alle prime armi, il carosello del Monte Pora è più adatto a chi già possiede una certa sicurezza. Una nuova seggiovia quadriposto coperta in sostituzione della vecchia monoposto Malga Alta di Para-Pian del Termen e una nuova seggiovia monoposto in sostituzione dello skilift Valzelli rappresentano l'ultima fase di un rinnovamento degli impianti. A impianti nuovi ed efficienti (ampliata l'area coperta da innevamento artificiale) si accostano piste lunghe e divertenti, con qualche tracciato impegnativo come la "nera" Varena, in picchiata dalla cima del Monte Para. Rifugi e numerosi punti di ristoro costellano le piste da cui si può costantemente godere di una fantastica vista sul Pizzo della Presolana, sempre innevato fino alle pendici. Un anello da 7,5 km in località Magnolini-Pian della Palù soddisfa i fondisti più esigenti mentre il Monte Alto (1723 m) regala itinerari di scialpinismo davvero unici e da non perdere.

Il pattinaggio si pratica su piste scoperte nelle località Passo della Presolana, Monte Para e Colle Varena, mentre l'arrampicata indoor è effettuabile presso la nuovissima palestra del Parco della Montagna a Bratto. Tra le piste del Monte Pora, nei momenti di completo relax, si può decidere di chiudere gli occhi al sole dei solarium presenti in alcuni rifugi, dove sarà piacevole anche degustare i tipici piatti locali

Gli enti locali lavorano alacremente per ideare manifestazioni ed eventi che intrattengono e attraggono i turisti in ogni periodo dell'anno; dagli immancabili e attesissimi mercatini di Natale alla tradizionale festa in ricordo della transumanza e alla Santusa (festival degli spaventapasseri), Castione della Presolana si distingue per la tranquillità dei suoi itinerari in accordo alla disponibilità di cinema, impianti sportivi, ristoranti e locande.

Castione è anche luogo foriero di leggende: una di queste vedrebbe due stranieri polacchi, Massimiliano e Anna, felici e novelli sposi, precipitare abbracciati nel dirupo vicino ai prati del Maren; qui la coppia era solita trascorrere delle belle giornate, complice il panorama spettacolare che ispirava sia lei, pittrice, che lui, musicista. Il loro gesto estremo è tutt'ora inspiegato, ma a ricordo di questa tragedia d'amore il precipizio viene ancora chiamato "Salto degli Sposi".

Per potersi immergere nella natura e godere di ciò che offre questa bellissima cittadina, basta mettersi in viaggio sfruttando qualsiasi mezzo di trasporto, approfittando delle numerose possibilità di raggiungere i vicini centri di Bergamo e Milano, comodi ad ogni eventualità. Castione della Presolana è un luogo affascinante, possibile meta turistica per una vacanza romantica ma anche culturale, sportiva e rilassante, contraddistinta dai profumi dei pini, rifugi accoglienti e scenari indimenticabili.
  •  

 Pubblicato da - 13 Novembre 2015 - Riproduzione vietata

close