Cerca Hotel al miglior prezzo

Ossana (Val di Sole): il Castello di San Michele e le frazioni di Cusiano e Fucine

Ossana, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Ossana è un piccolo comune della provincia di Trento. Collocato nella Val di Sole, offre ai visitatori paesaggi montani addolciti da verdi vallate. Di recente è stata fatta oggetto di una importante riqualificazione urbana, che ha migliorato il livello delle strutture ricettive. L'obiettivo di coniugare il turismo con la tradizione agricola e l'artigianato locale sono stati raggiunti.

La storia di Ossana è un sunto di quella del Trentino Alto Adige. Appartenente anticamente all'Impero Romano, deve la sua organizzazione politico - territoriale al dominio vescovile del XI secolo, in cui si mescolano il passato romano e i successivi influssi longobardo e carolingio. I luoghi subiscono nel tempo numerose dominazioni: veneziani, tedeschi, francesi, austriaci, ungheresi. Dopo la prima Guerra Mondiale è parte del Regno d'Italia.

Il periodo del dominio vescovile è testimoniato dalla Chiesa di San Vigilio, costruzione romanica dedicata al vescovo che ha cristianizzato il popolo trentino. Merita attenzione anche la Chiesa di Sant'Antonio, edificata in stile barocco. Al suo interno affreschi di Dalla Torre e dipinti di Domenico Bonora. Poco distante, il Parco della Pace ospita i corpi di oltre 1400 militari che hanno perso la vita sul Tonale durante la prima guerra mondiale, ma in estate diventa sede del concorso internazionale di scultura lignea.

Espressione dell'architettura militare, il Castello di San Michele (fine 1100) è stato sede vescovile e in seguito residenza di varie dinastie locali. La costruzione raggiunge nel punto più alto i 25 metri. Ottimamente conservato, domina la valle sottostante. Nel 1992 viene acquistato dalla provincia di Trento, che lo apre finalmente al pubblico. Nell'imminente periodo natalizio sarà possibile ammirare il presepe realizzato per celebrare il centenario della Grande Guerra.

Il Castello, da giugno a settembre, è sempre aperto. Il giovedì pomeriggio è dedicato esclusivamente ai più piccoli, grazie all'iniziativa "Il castello dei bambini", mentre il giovedì sera se ne può ammirare il fascino misterioso grazie al progetto "Il castello di notte".

Le festività Natalizie sono il periodo ideale per visitare Ossana, conosciuta per la tradizione dei mercatini di Natale e dei presepi, presenti in ogni anfratto del borgo. Lo spettacolo è unico: un viaggio in cui si susseguono più di 100 presepi realizzati con materiali stravaganti (legno, mattoncini lego, pigne...) e ispirati a fantasiose tematiche (presepe dedicato agli idoli, agli alpini ...). Natale però è anche musica e canti religiosi. Quest'anno la Chiesa di San Viglilio ospiterà concerti e cori per celebrare la natività.

Gli amanti dello sci hanno a disposizione un'ampia pista da fondo, che da Ossana si estende al vicino Pellizzano. Il paesaggio variegato comprende zone pianeggianti e boschive che ospitano caprioli e cervi. Le caratteristiche fisiche del territorio rendono questo impianto sportivo adatto a principianti ed esperti.

La posizione decisamente favorevole in cui sorge il paese permette di praticare numerose attività: in estate il centro di Eurorafting organizza percorsi di rafting, hydrospeed, canoa-kayak ed escursioni a piedi (trekking e nord walking) e in mountain bike. Gli amanti delle passeggiate più rilassanti possono partire da Ossana per raggiungere la splendida Valpiana, godendo nel frattempo la vista di un paesaggio mozzafiato.

In estate è possibile seguire un percorso di apprendimento naturale, visitando l'orto botanico (ex orto forestale) di Ossana, in zona Derniga, nato agli inizi del 1930 come progetto di riforestazione. Inizialmente gli alberi più utilizzati nell'edilizia e nell'artigianato locale e a cui, pertanto, viene dedicata maggiore attenzione sono: larici, abeti rossi e bianchi. Attualmente questo spazio ospita 26 specie diverse di piante locali, tra cui numerose erbe dalle proprietà medicamentose utilizzate in erboristeria (calendula, mirtillo, genziana, ginepro, malva timo, ruta, etc...).

Da diversi anni l'orto ospita "Passeggiata nel tempo, tra i fiori", un itinerario in cui si mescolano aiuole ricche di fiori nativi e attrezzi tipici dei mestieri di una volta, per riscoprire una storia fatta di gesti e lavori manuali che insegnano a coltivare l'arte della pazienza.

Se anche il cibo è cultura, non ci si può esimere dall'assaggiare i golosi prodotti del posto. A Cusiano di Ossana l'interessante azienda agricola "Al pozz" produce e vende burro, formaggi di vacca e di capra, Casolet e salumi (speck).

Per concludere degnamente questo viaggio, il ristorante "Il maniero", ai piedi del Castello di San Michele, offre ai suoi ospiti tutto il gusto del passato, con piatti dai sapori intensi. Dal 2014 i proprietari propongono ai commensali, poco prima di Natale, una ricca cena medievale: un'esperienza sensoriale senza fine!
  •  

 Pubblicato da - 19 Novembre 2015 - © Riproduzione vietata

close