Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Sarasota

Sarasota, Florida: cosa vedere tra la cittą e la spiaggia pił bella del mondo

Pagina 1/2

Capoluogo amministrativo dell’omonima contea, Sarasota è la classica destinazione dove chiunque vorrebbe rifugiarsi per sfuggire ai rigori dell’inverno. Qui in Florida, a circa un’ora di auto da Tampa, il clima è uno degli aspetti migliori in assoluto, con temperature miti anche in gennaio, quando le spiagge bagnate dalle tiepide acque del Golfo del Messico diventano il luogo ideale dove rilassarsi. Le dimensioni relativamente ridotte rendono Sarasota una città tranquilla, sebbene non manchino mai eventi culturali, manifestazioni e spettacoli che sottolineano la vocazione turistica della zona.

I primi documenti ufficiali relativi allo sbarco di coloni europei nella zona di Sarasota risalgono al 1513, quando un convoglio spagnolo attraccò a Charlotte Harbor, pochi chilometri più a sud. Per via delle caratteristiche morfologiche della baia ben presto vide la luce un insediamento portuale dedito al commercio navale che, col passare dei secoli, ha assunto le sembianze dell’odierna Sarasota, da sempre contesa tra spagnoli, inglesi e americani. Tra i personaggi più importanti della storia recente della città spicca John Nolen, l’architetto che, nel 1925, ridisegnò il centro plasmandolo su una griglia stradale piuttosto rigida delimitata dal porto e costellata da numerosi parchi.

La maggior parte dei visitatori che soggiornano a Sarasota privilegia il relax balneare presso le molte belle spiagge che si estendono per decine di chilometri sul litorale circostante. La più conosciuta è quella di Siesta Key’s, indicata da Dr. Beach come la spiaggia più bella del mondo nel 2011; adagiata sul profilo occidentale di un’isoletta immediatamente a sud di downtown, Siesta Beach è una distesa di sabbia candida lunga diversi chilometri baciata dalle acque calme e trasparenti del Golfo del Messico. Ancora più a sud spiccano i tratti costieri di Venice e Manasota, mentre a nord ci sono le spiagge di Longboat e Holmes. Spostandosi dalla costa verso l’entroterra si possono apprezzare begli habitat naturali quali insenature popolate da stormi di uccelli e vaste pinete.

Rimanendo in centro sono da visitare alcuni edifici che, nel corso dei decenni, si sono distinti per particolari prerogative architettoniche. All’angolo tra Pineapple Avenue e la Seconda Strada si trova il teatro costruito nel 1926 da A. B. Edwards, un complesso recentemente ristrutturato ed inserito nel registro Nazionale degli Edifici Storici; oltre a rappresentazioni teatrali, la struttura ospita spesso l’opera e talvolta spettacoli cinematografici. Per quanto riguarda i musei, il più noto di Sarasota è il Museo John e Mable Ringling che, all’inizio degli anni ’50, si espanse all’interno del settecentesco teatro del Castello di Asolo, letteralmente smontato dalla sua collocazione originaria in Veneto e trasferito in Florida dopo l’acquisto da parte del collezionista veneziano Adolph Loewi.

... Pagina 2/2 ... un monumento particolare di Sarasota è la statua denominata Unconditional Surrender (Resa incondizionata) che dal 2005 offre uno spunto per una fotografia ricordo a tutti gli innamorati che vengono a trascorrere le proprie vacanze sulle spiagge bianche di questo angolo di Florida. la statua riprende il famoso bacio. Si trova presso la Marina Jack’s e riproduce la scena del famoso bacio di Time Square, tra un marinaio ed una infermiera, che fu immortalato da una storica foto nel 1945, alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Ad animare una vacanza a Sarasota sono i numerosi eventi organizzati dall’amministrazione locale nell’arco di tutti i dodici mesi dell’anno. Tra le manifestazioni più importanti ci sono il Sarasota Film Festival, andato in scena per la prima volta nel 1998, ed il Sarasota Chalk Festival, un evento internazionale imperniato attorno alle arti di strada che appena tre anni dopo la sua prima edizione, nel 2010, è diventato il più importante festival di pittura di strada degli Stati Uniti.

Tutt’altro che rigido, l’inverno della Florida ed in particolare di questa porzione dello stato affacciata sul Golfo del Messico è semplicemente fantastico. In gennaio, il mese meno caldo dell’anno, la temperatura oscilla in media tra 22 e 12 gradi e le precipitazioni si mantengono abbondantemente sotto i 100 mm di pioggia; dalla metà di aprile si cominciano a raggiungere i 30 gradi, che vengono generalmente superati da maggio a settembre inoltrato, quando l’unico neo è rappresentato dalle precipitazioni abbondanti soprattutto in luglio e agosto. Potendo scegliere, il consiglio è di non partire d’estate ed inizio autunno ma di privilegiare tutte le altre stagioni anche per via del minor affollamento.

Il maggiore aeroporto della zona è il Sarasota-Bradenton International Airport, lo scalo internazionale posto a metà strada tra le due città: 6 km a nord del centro di Sarasota e 9 a sud di quello di Bradenton. Qui arrivano e partono aerei delle maggiori compagnie americane diretti verso tutti gli scali più importanti degli Stati Uniti centro-orientali, da New York a Boston, da Charlotte a Washington, ma anche verso il Canada ed in particolare Toronto. L’altra grande infrastruttura urbana è il porto, da cui salpano ogni giorno decine di navi mercantili e passeggeri. La città è lambita dalla Interstate 75 (I-75) che, dalla Florida, si spinge fino al Michigan dopo aver attraversato Georgia, Tennessee, Kentucky e Ohio. Il trasporto pubblico è gestito dalla Sarasota County Area Transit (SCAT) che mette a disposizione di cittadini e turisti numerosi autobus che raggiungono in maniera capillare anche gli estremi dell’area metropolitana.
loading...
close