Cerca Hotel al miglior prezzo

Tampa (Florida) e la sua Bay: vacanza nel golfo del Messico

Tampa, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Tampa è un’importante città di poco più di 345.000 abitanti situata nella parte centro-occidentale della Florida, all’interno della Contea di Hillsborough di cui è capoluogo. Dal punto di vista geografico, Tampa è posta sulla costa occidentale della Florida e si è sviluppata lungo le sponde di due baie: la Baia di Hillsborough e la Old Tampa Bay, la cui unione genere la Baia di Tampa (Tampa Bay) che, a sua volta, si getta nel Golfo del Messico. La città è inoltre attraversata dal corso del fiume Hillsborough. L’economia, come del resto in quasi tutto lo stato, è prevalentemente dipendente dal turismo e dal settore dei servizi, ma anche il porto rappresenta una risorsa molto importante per quanto riguarda i traffici commerciali.

Il primo europeo a mettere piede nella zona dell’odierna Tampa fu lo spagnolo Panfilo de Narvaez, che vi sbarcò l’8 aprile 1528. Questa prima spedizione cadde però interamente in mano dei bellicosi Calusa, i nativi che abitavano la regione, costringendo così Hernando de Soto ad intraprendere una missione di soccorso nel tentativo di salvare i sopravvissuti. Essendo priva di particolari pregi la zona rimase abbandonata fin verso alle metà del XVIII secolo, per l’esattezza fino al 1763, quando l’Inghilterra acquistò la Florida e battezzò la baia Hillsborough Bay, in onore di Lord Hillsborough, Segretario di Stato per le Colonie. Nel 1821 la Spagna, che nel frattempo aveva riottenuto il pieno controllo della Florida, cedette l’area agli Stati Uniti secondo gli accordi firmati nel Trattato di Adams-Onis. Il primo antenato dell’odierna Tampa fu l’avamposto militare fatto costruire nel 1823 dal colonnello James Gadsden, attorno al quale si sviluppò nel corso degli anni il resto dell’insediamento.

La terza città per importanza della Florida, Tampa, è soprattutto dedita agli affari. Lungo le sue strade si susseguono alberghi facenti parte di catene ed enormi complessi di uffici, ma la città offre anche alcuni motivi di interesse per i visitatori, come Ybor City, il vecchio quartiere recentemente rinnovato, ed i musei di downtown. Tra questi non si possono perdere: l’Henry B Plant Museum, ospitato all’interno di un meraviglioso edificio vittoriano, probabilmente il più bello di tutta la città, che un tempo era un noto albergo di lusso; il Museum of Science & Industry, con sezioni dedicate ai dinosauri, agli uragani ed al corpo umano; il Tampa Museum of Art, dove è esposta una raccolta di notevole interesse; ed il Florida Aquarium, contraddistinto dalla presenza di vasche nelle quali è possibile immergere le mani per toccare i pesci.

Curioso, variopinto, originale: questo ed altro è Ybor City. Il retaggio cubano-spagnolo è assai vivo in questo quartiere storico con le strade in acciottolato risalente al XIX secolo, che negli ultimi anni è diventato una zona alla moda piena di locali notturni. Situata a circa tre chilometri da downtown, Ybor City nacque quando un produttore di sigari aprì qui una manifattura in cui vennero a lavorare centinaia di immigrati cubani, spagnoli e italiani, la cui mescolanza ha reso Ybor City la zona più caratteristica in assoluto di Tampa. Da vedere, oltre ad alcuni dei più pregiati negozi di sigari della Florida, tra i quali spiccano La Herencia de Cuba e Gonzalez y Martinez, anche l’Ybor City Museum State Park, all’interno del quale la storia dell’industria dei sigari è illustrata in maniera quanto mai interessante.

Per coloro i quali volessero trascorrere un pomeriggio all’aria aperta, il posto migliore è senza dubbio il Busch Gardens Africa, all’interno del quale trovano spazio sia un parco divertimenti che uno zoo. Il vicino Adventure Island è invece un parco acquatico con scivoli e attrazioni in abbondanza, non solo per bambini. Da non perdere anche Weeki Wachee Springs, in attività sin dal lontano 1947, una delle tipiche attrazioni kitsch della Florida. Anche Elvis Presley ed Esther Williams sono venuti qui per vedere attraverso un vetro le seducenti sirene dai lunghi capelli che si esibiscono sott’acqua in una grotta. Le sirene sono infatti la principale attrazione del luogo, che offre anche l’opportunità di effettuare una gita in barca lungo il fiume, oltre che di nuotare e divertirsi sugli scivoli d’acqua del vicino parco acquatico di Buccaneer Bay.

Il clima è subtropicale, umido e caldo in estate, mite in inverno. Le temperatura massime oscillano annualmente tra i 35 gradi di luglio e i 18 di gennaio, mentre le minime, che in estate sono abbondantemente sopra i 20 gradi, difficilmente scendono al di sotto dei 5/6 gradi. La piovosità è mediamente alta e la maggior parte delle precipitazioni si verificano tra i mesi di aprile e ottobre, quando si possono verificare violenti temporali accompagnati da vento forte, grandine e soprattutto fulmini, che rendono Tampa la capitale statunitense dei fulmini. Il rischio più concreto per la popolazione è però rappresentato dagli uragani, che generalmente si formano nel periodo compreso tra giugno e novembre.

Il Tampa International Airport è la principale infrastruttura legata ai trasporti della città. All’interno dello scalo, ottimamente collegato al centro, si trovano gli uffici delle più importanti agenzie di autonoleggio della zona, grazie alle quali ci si potrà mettere in viaggio lungo le molte strade ed autostrade alle quali è possibile accedere direttamente da Tampa, su tutte le interstatali I-4, I-75 e I-275. Alla stazione Amtrak fermano i treni diretti a sud verso Miami e a nord verso Jacksonville.

Foto wikipedia, cortesia: Bobak, TheCustomOfLife, Christopher Hollis
  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close