Cerca Hotel al miglior prezzo

Mercatini dell'Antiquariato in Piemonte, i maggiori in calendario

Il palazzo della Civiltà Italiana che si trova a Roma, nel moderno quartiere dell’Eur, è un cubo di cemento armato, conosciuto anche con l’evocativo soprannome di “Colosseo Quadrato”, che sulle quattro testate riporta, scolpita sul travertino che lo ricopre, la dicitura in stampatello su tre righe:

Un popolo di poeti di artisti di eroi
di santi di pensatori di scienziati
di navigatori di trasmigratori.


Si potrebbe tranquillamente aggiungere “di rigattieri, collezionisti e appassionati di bric-à-brac e chincaglierie”, ossia di tutto ciò che si può trovare nei mercatini dell’antiquariato sparsi sul territorio nazionale, vista la passione che accomuna milioni di connazionali per tutto ciò che è coperto dalla patina del tempo.

Non a caso abbiamo selezionato per voi i più importanti mercatini delle pulci del Piemonte, accompagnandovi in un tour fra lontani capoluoghi di provincia e ameni borghi dve il tempo sembra essersi fermato perché, come cantava un po’ di tempo fa Niccolò Fabi “non si può cercare un negozio di antiquariato in Via del Corso”!
Gambe in spalla, quindi, scarpe comode e partiamo!

Mercatino dell’Antiquariato - Borgo d’Ale


Celebre in particolare per la produzione ortofrutticola - fragole, kiwi, uva e, soprattutto pesche, di cui si celebra la tradizionale Festa delle Pesche, uno dei più caratteristici eventi del Piemonte - Borgo d’Ale è un piccolo e tranquillo comune in provincia di Vercelli, nella pianura padana piemontese.
È proprio nell’importante area del mercato ortofrutticolo che, ogni terza domenica del mese, per tutto l’anno, si tiene il Mercatino dell’Usato e dell’Antiquariato. Si tratta di un appuntamento di grande successo, che negli anni ha fatto registrare numeri davvero impressionanti: diverse migliaia di visitatori, infatti, all’apertura dei cancelli, fissata alle 5 del mattino, gironzolano e curiosano tra le oltre 500 bancarelle dove si può trovare davvero di tutto, dal mobile vecchio ai dischi da collezione, dai quadri antichi agli oggetti più curiosi, che sapranno saziare anche la curiosità degli avventori più esigenti. Quello di Borgo d'Ale è uno dei mercatini dell’antiquariato più grandi e affollati di tutto il nord Italia, anche grazie alla posizione del paese particolarmente favorevole, servito com’è da varie strade statali e, a pochi km, dall’autostrada Torino-Milano, con uscita diretta verso Borgo d’Ale.

Maggiori informazioni, date e dettagli nel nostro articolo dedicato al Mercatino dell’Antiquariato di Borgo d’Ale.

L’Barlafùs - Vercelli


L’Barlafùs: non è una parolaccia, anche se potrebbe sembrarlo, ma il termine dialettale che sta a significare letteralmente “cianfrusaglia” e che dà il nome al Mercatino dell’Antiquariato che si tiene a Vercelli ogni prima domenica del mese, lungo Viale Garibaldi. Circa 60 gli espositori tsui banchi dei quali curiosare alla ricerca di libri e fumetti, monete. francobolli, pizze, trine, dischi in vinile, schede telefoniche, bambole, teiere.
L’Barlafùs è diventato, insieme al Carnevale, tra i più pittoreschi e suggestivi dei Carnevali del Piemonte, uno degli appuntamenti più attesi dalla città di Vercelli, le cui strade, per un intero giorno sono invase da turisti che hanno anche la possibilità di scoprire le bellezze architettoniche che la città nasconde.

Maggiori informazioni, date e dettagli nel nostro articolo dedicato al Barlafus.

Mercatino dell’Antiquariato - Casale Monferrato


In una struttura in stile liberty incastonata nel cuore della città, tra il Castello Paleologi e la riva sud del Po, si svolge, ogni seconda domenica del mese e il sabato che la precede, il Mercatino dell’Antiquariato di Casale Monferrato.
Oltre 300 espositori e più di 40 anni di storia alle spalle rendono questo uno dei più grandi e dei più importanti mercati dell’antiquariato in Italia. Nelle bancarelle potrete trovare libri, mobili, quadri, oggetti d’arte ma anche pezzi pregiati e introvabili altrove. Approfittate dell’escursione per visitare Casale, il cui avvicendarsi dinastico - Aleramo, Monferrato, Paleologhi, Gonzaga, Savoia- ha arricchito la capitale del marchesato di storia e di monumenti, nel rispetto dell'originario impianto medievale. Sulla riva destra del Po il Castello Paleologo difende la città con la sua sagoma imponente, che fa da quasi da contraltare all’aria mite e pacifica che potrete assaporare durante la vostra passeggiata.

Maggiori informazioni, date e dettagli nel nostro articolo dedicato al Mercatino dell’Antiquariato di Casale Monferrato.

Officina delle memorie - Alessandria


Appassionati di mobili antichi, stampe e oggetti da collezione si ritrovano ad Alessandria, ogni prima domenica del mese, escluso agosto, nell’area di piazza Garibaldi, sotto i portici di piazza Garibaldi e in piazza Marconi. Oltre 100 le bancarelle di professionisti antiquari, rigattieri e anche semplici hobbisti, rovistando sulle quali si possono trovare mobili d’epoca, storiche contadinerie, editoria d’arte e chincaglierie di ogni tipo.
Particolarità del Mercatino dell’Antiquariato di Alessandria è che si tratta del primo appuntamento mensile fisso, in grado di soddisfare le richieste del pubblico nella sua area di riferimento. Fino al 2000, infatti, la città, nonostante la sua posizione privilegiata tra Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte, ne era priva.

Mercatino dell’antiquariato Nicese - Nizza Monferrato


Ci spostiamo nel prestigioso territorio astigiano, a Nizza Monferrato, per la precisione, dove, organizzato dall'Amministrazione Comunale, in collaborazione con la Pro Loco, si svolge da ben 36 anni, la terza domenica di ogni mese, il Mercatino dell’Antiquariato Nicese, divenuto negli anni un vero e proprio punto di riferimento per le migliaia di appassionati di tutto ciò che fa parte del nostro passato e delle nostre tradizioni. Ben 350 espositori, in gran parte italiani, che propongono oggetti rustici ed attrezzi in legno, tipici della tradizione contadina locale, ma anche pezzi raffinati provenienti da dimore nobili borghesi. Ma spazio anche alle curiosità anni ’50, alle stampe, ai lumi, ai giocattoli, ai mobili antichi, ai libri, alla biancheria e ai pizzi della nonna, alle cartoline ingiallite dal tempo, alle pubblicità di marchi storici e a tante, tante altre curiosità. Lasciatevi sorprendere!
Una nota di “gusto”: per chi lo desiderasse, visto che ci troviamo nella Capitale del Barbera, vi è la possibilità di gustare un calice del corposo vino rosso, accompagnato magari da qualche morso della tipica Farinata, chiamata affettuosamente “Belecauda”.

Maggiori informazioni, date e dettagli nel nostro articolo dedicato al Mercatino dell'Antiquariato Nicese a Nizza Monferrato

Mercatino dell’Antiquariato - Cherasco


Davvero tante le peculiarità di Cherasco, borgo delle Langhe dalla storia centenaria. Qui vennero firmati ben 7 trattati di pace, il più importante dei quali quello che vide coinvolti Napoleone e i Savoia, tanto per dare la misura dell’importanza storica della cittadina.
Conosciuta ai più per le lumache, Cherasco è anche uno degli 11 comuni del Barolo, tanto per dare la misura delle meraviglie enogastronomiche che qui potrete assaggiare.
Quale occasione migliore per approfittare di una visita alla cittadina organizzare una gita fuori porta in occasione del Mercato dell’Antiquariato che si tiene in città ben 3 volte l’anno? In una scenografia barocca, molto suggestiva, vengono allestiti più di 650 banchi che offrono davvero di tutto: arredamento vecchio e nuovo, pizzi preziosi, tende antiche, moda vintage, mobili d’epoca, oggettistica di varia fattura e materiale, libri, cartoline, manifesti, cataloghi. Un appuntamento davvero imperdibile per migliaia di collezionisti e appassionati, espositori e visitatori, provenienti dalle regioni italiane ma anche dalle vicine Francia e Svizzera. Consigliamo di alternare un’occhiata ai banchi con una passeggiata per le pittoresche vie del borgo che vi porteranno a scoprire i palazzi barocchi, le chiese seicentesche e le torri medievali che caratterizzano quello che, nonostante sia poco conosciuto, dobbiamo annoverare tra i più bei borghi del Piemonte. Degni di nota anche i due archi monumentali che delimitano la città vecchia e via Vittorio Emanuele II, vero e proprio salotto cittadino, dove troverete sicuramente un suggestivo locale che vi servirà un aperitivo coi fiocchi, per una giornata davvero indimenticabile!

Maggiori informazioni, date e dettagli nel nostro articolo dedicato al Mercatino dell’Antiquariato di Cherasco.


Balôn e Gran Balôn - Torino


Una vera istituzione per gli appassionati dell’antiquariato sono i due appuntamenti torinesi del Balôn del Sabato è dell Gran Balôn di Torino., eventi talmente importanti da aver ribattezzato il quartiere di Borgo Dora, conosciuto anche come borgo del Balôn, storicamente sinonimo di rigatteria ed antiquariato. È qui che si ritrovano, da metà dell’Ottocento, rigattieri che provengono dal Piemonte, dalla Lombardia, dalla Liguria e, perché no, dalla vicina Francia.
Settimanale e più prestigioso il primo, mensile, ogni prima domenica del mese, il secondo, che resta comunque il big indiscusso dell'antiquariato minore, se 250 banchi possono essere considerati qualcosa di "minore".
Ad ogni appuntamento c’è sempre qualcosa di nuovo da vedere: ceramiche, quadri, cornici, abiti vintage, antiquariato giapponese, mobili, tessuti, orologi, libri introvabili, vecchi attrezzi in legno, dischi e giocattoli...la lista potrebbe essere infinita perché sono davvero moltissime le cose che si possono scovare rovistando su questi banchi, molte delle quali sono introvabili altrove. Consigliamo, infine, una visita alle bancarelle dei creativi che propongono capi unici creati dalle loro mani e frutto della loro inventiva. Potrete trovarle sulla salita che porta al Cortile del Maglio passando da via Borgo Dora.
L’area mercatale è così importante che è stato organizzato addirittura il Tour-et. una passeggiata guidata che vi accompagnerà nella visita del mercato. Una curiosità: il nome “Tour-et” è un gioco di parole che richiama due concetti, il primo rievoca l’idea del tour come un vero e proprio giro turistico, il secondo riporta alla mente il toret, la fontana a forma di toro, tipica della città di Torino. La visita è gratis.
Suggeriamo infine, dopo aver spulciato bene tra le bancarelle alla ricerca dell’affare del giorno, di dedicare un po’ di tempo alla visita del quartiere dove il Balôn si svolge, quello di Porta Palazzo: un’immersione in una zona storica di Torino meno conosciuta dai turisti dove troverete, oltre ai tanti negozi di antiquariato, anche tantissime trattorie che propongono cucina tipica piemontese a prezzi davvero accessibili.

Maggiori informazioni, date e dettagli nei nostri articoli dedicati al Balôn del Sabato e al Gran Balôn

Libro ritrovato - Torino


Restiamo a Torino dove, ogni prima domenica del mese, ha luogo per l’intera giornata, sotto i magnifici portici di Piazza Carlo Felice e Via Roma, il Libro ritrovato, Mercatino del libro: una mostra-mercato dedicata ai libri antichi e fuori catalogo.
Più di cento gli espositori, piemontesi e non solo, sulle cui bancarelle potrete trovare anche cartoline d’epoca, stampe e fumetti d’autore, francobolli. Un vero e proprio paradiso per i lettori che amano i grandi classici e le pagine che profumano di storia, per gli appassionati di editoria da collezione e per i semplici curiosi, alla ricerca di un libro magari ingiallito, che apra, però, i ricordi all’infanzia.

Maggiori informazioni, date e dettagli nel nostro articolo dedicato al Mercatino dei libri antichi a Torino

Merc’Andare - Santena


Celebre per aver dato sepoltura a Camillo Benso di Cavour, Santena è un piccolo comune in provincia di Torino. È qui che si svolge, ogni prima domenica del mese, Merc’Andare, uno dei mercatini delle pulci del PIemonte più belli. Circa 300 le bancarelle che si snodano lungo le vie del centro, da piazza Martiri della Libertà fino a piazza Santi Cosma e Damiano. Un grande e colorato serpente di bancarelle con oggetti di ogni tipo: giocattoli antichi e in latta, modellismo, militaria, orologi da polso da collezione, ceramiche, vetri, bambole in ceramica e in pezza, e tanto, tanto altro ancora.
Imprescindibile, dopo aver spidocchiato e scandagliato per bene alla ricerca del pezzo che arricchirà la vostra collezione, o del mobile che completerà l’arredamento della taverna di casa vostra, una visita al Castello Cavour, complesso settecentesco, sito storico tra i più importanti d’Italia che comprende anche la tomba dello statista, il parco all’inglese e la torre neogotica.

Mercà d’la Tola - Chivasso


Importante stazione di passaggio e di sosta per i pellegrini che, fin dal Medioevo, percorrevano il Ramo Moncenisio della Via Francigena, Chivasso ospita, ogni ultima domenica del mese, il Mercà d’la Tola. Letteralmente traducibile come “dell’usato”, “delle cose già adoperate”, questo mercatino delle pulci vi farà respirare un’atmosfera magica, quella di riscoprire il gusto di passeggiare osservando antiquariato prezioso, collezionismo, usato, vintage. Per i più golosi è d’obbligo aggirarsi tra le varie bancarelle con in mano un sacchetto di Nocciolini di Chivasso, i tipici dolci a base di meringa e nocciola piemontese, una squisitezza che non potete assolutamente ignorare!. Molto apprezzata, inoltre, dai bambini da 0 a 100 anni, la collezione di macchinine colorate.
Gli amanti dei libri potranno, infine, trascorrere buona parte del loro tempo tra libri usati e nuovi, in un vecchio camioncino divenuto una vera e propria libreria on the road. Pronti a salire a bordo?
  •  

 Pubblicato da il 29/05/2018 - - ® Riproduzione vietata