Cerca Hotel al miglior prezzo

Pasqua al caldo, dove andare? Mete di mare

La Pasqua è sempre un ottimo momento per pensare a una vacanza che ci consenta di staccare la spina dal lavoro e dallo stress.
La festività si colloca infatti tra marzo e aprile, a seconda del calendario lunare; nel 2018 cade il 1° aprile.
Siamo dunque all'inizio della primavera, quando il freddo comincia generalmente ad essere lasciato alle spalle e la voglia di accelerare i tempi in vista dell'estate è sempre più forte.
Concedetevi allora una pausa dai rigori dell'inverno, scegliendo una meta dove fare anche il primo bagno dell'anno: ecco qualche idea per trascorrere la Pasqua al caldo.

Dominica, Caraibi


Un'isola tranquilla e mai troppo affollata, nemmeno in alta stagione: la Dominica si trova nelle cosiddette Piccole Antille, bagnata su un versante dal Mar dei Caraibi e su quello opposto dall'Oceano Atlantico.
A Dominica c'è la più alta concentrazione di vulcani attivi del mondo: sono infatti nove in un territorio grande quanto una piccola provincia italiana. Per questo si può scegliere se dedicarsi a un trekking nella natura, salendo fino alla cima dei vulcani o inoltrandosi nelle foreste pluviali che li circondano, oppure riposarsi su una spiaggia da sogno, come Batibou Beach, che è stata anche una delle location per le riprese de “I Pirati dei Caraibi”.
In alternativa, concedetevi un bagno nelle acque bollenti delle Sulfur Springs a Soufrière, subito dopo un'immersione nei siti della Soufriere-Scott's Head Marine Reserve, protetta dall'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità.

Kenya, Africa


All'Equatore è estate tutto l'anno. La costa del Kenya vanta spiagge di sabbia bianca finissima e strutture ricettive di prima qualità. Non c'è solo Malindi, la più inflazionata località costiera del paese; basta spostarsi pochi km più a sud per raggiungere le interminabili spiagge di Watamu, bagnate da un mare azzurro e cristallino nel quale nuotano i delfini a poche decine di metri dalla riva.
Anche qui, non dovete per forza fare una vacanza di solo mare: prendetevi un pomeriggio per visitare le suggestive rovine di Gede, ciò che resta di un'antica città swahili, oggi sito archeologico popolato da una nutrita colonia di cercopitechi, oppure fatevi accompagnare da una guida nell'adiacente Foresta Arabuko-Sokoke.
Se avete voglia di vedere i Big Five, i grandi animali della savana, allora optate per un safari fotografico nello Tsavo East National Park, per una delle esperienze più spettacolari che vi capiterà di provare nella vita.

Capo Verde, Africa


Rimaniamo in Africa, ma ci spostiamo sull'Atlantico: le isole che compongono l'arcipelago di Capo Verde sono diverse tra loro, ma hanno in comune una bellezza aspra e selvaggia. L'isola di Sal è la più orientale e anche una delle più sfruttate turisticamente: qui è possibile godersi il mare e gli sport acquatici sulla gigantesca spiaggia di Santa Maria.
Se vi interessa anche fare altro, allora spostatevi sulla misteriosa isola di Fogo: la sagoma conica del Pico do Fogo, il vulcano alto 2800 metri s.l.m. domina il paesaggio e all'interno della sua caldera si trova un villaggio, Chã das Caldeiras, ottimo punto di partenza per la salita alla cima.
Anche su Fogo, comunque, non mancano le spiagge, che per evidenti ragioni geologiche sono di sabbia scura, come quella di Fonte da Vila.

Messico, Nord America


La primavera è in assoluto la stagione migliore per visitare il Messico, praticamente in qualsiasi zona decidiate di andare; nonostante le enormi dimensione del paese, il clima è generalmente ottimo da nord a sud. Durante la settimana di Pasqua – la Semana Santa – i paesi e le città sono in festa e organizzano tantissimi eventi legati alla tradizione cattolica e al folklore.
Una destinazione classica è quella che riguarda la penisola dello Yucatán, dove si trovano spiagge di sabbia bianca bagnate dall'azzurro cristallino del Mar dei Caraibi: oltre alle intramontabili Cancún, Playa del Carmen, Cozumel e le rovine maya di Chichén Itzá nella giungla (o quelle spettacolari di Tulum affacciate sul mare), ci sono anche luoghi forse meno famosi – ma non meno affascinanti – come Mahahual e Akumal.
Una decina di giorni di vacanza vi permetteranno di pensare a un itinerario tra le migliori spiagge e alcuni dei più spettacolari siti archeologici della regione.

Emirati Arabi Uniti, Asia


Una meta non troppo lontana, ma sempre molto calda dal punto di vista climatico. Si tratta di una vacanza particolare, da scegliere se il budget che avete a disposizione ve lo permette.
Sia nella capitale Abu Dhabi che nella ricchissima Dubai, non mancano le spiagge bagnate dal caldissimo mare del Golfo Persico, mentre per gli amanti della movida non c'è che l'imbarazzo della scelta tra i ristoranti e i locali più alla moda.
Lo shopping negli immensi mall, le visite ai musei (su tutti il nuovissimo Louvre Abu Dhabi), una giornata di divertimento al Ferrari World, una salita al vertiginoso Observaton Deck del Burj Khalifa o lanciarsi con il paracadute con i ragazzi di Skydive Dubai sopra alle spettacolari Palm Islands, sono solo alcune delle attività che si possono fare in alternativa a una giornata di mare. Senza dimenticare che tutt'attorno alle due grandi città c'è il deserto, da esplorare con una guida esperta per immergersi nel suo avvolgente silenzio.

Canarie, Europa


Per chi vuole restare in Europa, almeno sulla carta, uno dei posti più caldi nel periodo di Pasqua è probabilmente l'arcipelago delle Isole Canarie. La sua collocazione geografica nell'Oceano Atlantico, al largo delle coste del Marocco, fa sì che le temperature siano generalmente più miti rispetto a quelle del Vecchio Continente.
Se l'acqua dovesse essere ancora un po' troppo fredda per un bagno, potete comunque optare per un giro nel capoluogo Las Palmas de Gran Canaria, città cosmopolita che ha tanto da offrire. Uscendo dalla città, l'entroterra dell'isola è davvero affascinante e ricco di luoghi da esplorare; se invece optate comunque per il mare, non c'è che l'imbarazzo della scelta tra le spiagge più belle di Gran Canaria.
  •