Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Isola di Mauritius

Triolet, Ile aux Aigrettes, Chamarel, Tabarin e le meraviglie di Mauritius

Dopo i luoghi imperdibili di Mauritius vi suggeriamo altre località interessanti, al di fuori dei classici itinerari turistici. Cominciamo da Triolet, il più grande complesso religioso indù di Mauritius, il cui tempio più grande, Maheswarnath, risale al 1819 e fu costruito in onore degli Dei Shiva, Krishna, Vishnu, Muruga, Brahma e Ganesha. Nel villaggio l’aria è costantemente impregnata dall’odore di incenso.

Dinamica città della costa orientale, Centre de Flacq ospita il più grande mercato a cielo aperto dell’isola, frequentato dagli abitanti locali e dai turisti. Il mercato, pieno di colori e caratterizzato da una netta influenza indiana, è situato a breve distanza dalla Magistratura, un importante edificio storico.

L'isola delle Egrette (Ile aux Aigrettes) fu impiegata come base militare dagli inglesi durante la seconda guerra mondiale. L’isola, situata a pochi chilometri dalla costa, è protetta dalla Mauritius Wildife Foundation, ed è diventata riserva ecologica a partire dagli anni ’60. Visitabile solo in piccoli gruppi organizzati, la riserva vanta piante secolari tipiche di Mauritius e varie specie animali in via d’estinzione, alcune delle quali particolarmente rare: il rarissimo piccione di mare, il geco verde, la tartaruga d’Aldabra e i gheppi, reintrodotti grazie alla ricostruzione dell’ecosistema originario e allevati in speciali strutture per facilitare il loro ritorno all'ambiente naturale.

Benché non sia particolarmente interessante dal punto di vista turistico, Souillac è circondata da un paesaggio selvaggio, costantemente battuto dai venti sulla costa di La Savane, caratterizzato da scogliere imponenti ma anche da spiagge tranquille. La spiaggia di Gris Gris è perfetta per la raccolta delle conchiglie, ma c'è il divieto di balneazione per la mancanza della barriera corallina e per le forti raffiche di vento. Nei dintorni potete alloggiare al prestigioso Shanti Maurice Resort, forte di una baia silenziosa, ville accoglienti e una cucina squisita.
A 5 chilometri da Souillac si possono ammirare le cascate Rochester Falls, miniatura di quelle del Niagara ma irraggiungibili in auto. La Vanille Crocodile Park è un piccolo parco a misura di bambino, che ospita coccodrilli, tartarughe giganti, pipistrelli, scimmie e altri animali. Poco lontano si incontra la tenuta di Saint Aubin, una meravigliosa dimora coloniale, costruita in parte con legno di antichi vascelli.

Nella zona di Chamarel si possono ammirare le Terres des Sept Couleurs (vedi foto), con il terreno increspato in morbide dune sfumate di rosso, verde, giallo, viola e blu. È un fenomeno naturale di origine vulcanica, dovuto a eruzioni successive che hanno depositato strati di lava e ceneri, dando vita a un lungo processo di erosione e creando i diversi colori. Da non perdere le vicine cascate di Chamarel, immerse in una lussureggiante vegetazione, e una visita alla Rhumérie de Chamarel, dove si può osservare il processo di lavorazione della canna da zucchero e si possono degustare rhum e liquori pregiati.

Nella riserva dello Yemen sono allestiti dei capanni attrezzati da cui ammirare le mandrie di cervi, mentre a Tabarin si può assistere allo spettacolo dei delfini che giocano tra loro, si immergono e nuotano indisturbati davanti agli occhi dei turisti.

  •  
close